Ucraina: il giornalista russo che critica Putin non ha rimpianti nonostante l’ostilità da tutte le parti | notizie dal mondo

Sono stati due mesi difficili per Marina Ovsyanikova, la giornalista della televisione di stato russa che a marzo ha fatto irruzione in un telegiornale serale che portava uno striscione contro le azioni del suo paese in Ucraina, dicendo ai milioni di telespettatori del canale che la televisione di stato gli stava mentendo.

Non ha lavoro, vive dei soldi guadagnati vendendo la sua auto ed è nel mezzo di una feroce battaglia per la custodia con il suo ex marito che lavora per il canale in lingua inglese al Cremlino. Russia oggi.

È un attacco da tutte le parti.

“Mia madre sostiene Putin, mio ​​figlio ha subito il lavaggio del cervello da parte di suo padre, inoltre sono criticata dai sostenitori dell’operazione militare speciale che mi stanno trollando”, dice.

“Parte dell’opposizione mi sta anche trollando. Mi chiamano ex-propaganda. Inoltre, anche gli ucraini parlano contro di me perché pensano che tutte queste teorie siano false e complottiste.

Prigionieri “costretti a combattere per la Russia” – Notizie dall’Ucraina in diretta

“Pensano che la trasmissione non fosse in diretta e che lavoro per l’FSB”.

La teoria dell’FSB, secondo la quale Marina lavora per i servizi segreti russi, ha vita propria attraverso i social media russi e ucraini.

Ha continuato a protestare contro le azioni della Russia UcrainaMa finora è uscito relativamente illeso, con solo sanzioni amministrative.

Anche se due settimane fa si trovava fuori dal Cremlino con un cartello che chiamava Vladimir Putin un assassino, non ha dovuto affrontare alcun ritorno a causa di ciò. Altri non se ne sono andati così facilmente.

READ  Audizione del Senato sulle rivolte del Campidoglio: il capitano della polizia offre nuovi dettagli scioccanti sull'insurrezione

“È una completa bugia! Come posso essere un agente? Sono una normale donna russa che ha espresso la sua posizione di cittadina e stanno cercando di screditarmi da ogni parte”.

immagine:
Marina Ovsyannikova è sotto attacco da tutte le parti

“È una buona cosa che il Cremlino stia diffondendo tutti i tipi di teorie del complotto in modo che le persone non mi credano. Questo è il punto principale: sono ‘falso’ e loro non dovrebbero credermi”.

Ovsyannikova partì per la Germania poco dopo Apparendo alla TV di Stato. Le è stato offerto un lavoro al quotidiano tedesco Die Welt, ma è finito ed è tornata in Russia quando il suo ex marito ha fatto causa per la custodia dei loro due figli.

“Mia figlia mi chiamava ogni giorno chiedendomi: ‘Quando torni, mamma? “Voglio vederti.” Mio marito, che lavora al Cremlino, li stava rivoltando contro di me. Mi sono reso conto che stavo perdendo i contatti con loro e se non fossi tornato avrei semplicemente perso i miei figli.

Leggi di più:
L’ex giornalista russa Marina Ovsianikova è stata dichiarata colpevole di “diffamazione” delle forze armate del Paese
Le madri e le mogli dei soldati russi scomparsi affrontano un’incessante battaglia per le risposte

“Inoltre, ogni voce che parla contro la guerra dall’interno della Russia è molto più forte che se qualcuno protestasse dall’esterno”.

Dice che la sua decisione di rimanere con la televisione di stato per tutto il tempo che ha fatto è stata il risultato di dover prendersi cura di due bambini dopo un doloroso divorzio.

Ma sperava che più ex colleghi avrebbero seguito il suo esempio e avrebbero lasciato.

READ  Rapporto: La Danimarca ha aiutato gli Stati Uniti a spiare Angela Merkel e i suoi alleati europei, la Danimarca

“Dopo aver visto cosa mi è successo, la maggior parte di loro si è resa conto che sarebbero diventati nemici di tutti ed è per questo che si sdraiano, preferendo non tenere la testa o fare domande morali.

“Si siedono lì in silenzio e lavorano per i soldi.”

Marina Ovsianikova

Anche a loro non piace. Fuori dall’aula, la prima domanda che fai è la mia ostilità.

“Come ti senti quando tradisci la tua patria?”

Ovsyannikova ha fatto una figura solitaria. Ma questa è la croce che deve portare, e dice che non si pente di ciò che ha fatto.

“Io resisto, perché so nel mio cuore che ho ragione. Ho questo nucleo forte e non mi arrenderò”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.