Turista britannico liberato tra 70 ostaggi amazzonici

un

Un gruppo di turisti peruviani tenuti in ostaggio dai manifestanti arrabbiati per una fuoriuscita di petrolio nella foresta amazzonica è stato rilasciato.

Almeno tre turisti britannici erano nel gruppo di settanta.

I vacanzieri stavano viaggiando su un battello fluviale quando gli indigeni del Conneco nella provincia di Loreto, la provincia più settentrionale del Perù, salirono a bordo della nave e presero il comando del motore della nave.

Si ritiene che i turisti, inclusi disabili, donne e bambini, provengano da Stati Uniti, Spagna, Francia, Regno Unito e Svizzera.

“Dopo la conversazione con [head] Dalle comunità di Cuninico, la nostra richiesta di liberare le persone è stata accolta”, hanno affermato i funzionari di Amazon.

I rapporti indicavano che gli effetti personali dei turisti erano ancora a bordo. Il Ministero degli Esteri ha confermato che stava assistendo un piccolo numero di viaggiatori britannici a bordo dell’Eduardo 11 quando è stato arrestato durante una protesta.

Il leader della tribù ha detto che stavano cercando di attirare l’attenzione dello stato dopo la fuoriuscita di petrolio in corso nel fiume Koninico.

Facebook

“[We want] Per attirare l’attenzione del governo su questa misura, ci sono stranieri e peruviani, ci sono circa 70 persone”, ha detto a Radio Del Perù (Radio RPP) Watson Trujillo, leader della comunità del Conneco.

Ha sottolineato che i turisti avrebbero potuto essere trattenuti da 6 a 8 giorni sulla barca fino a quando una delegazione governativa non fosse stata inviata per valutare i danni alla petroliera rotta che sosteneva di aver ucciso due bambini e una donna.

Charlotte, un passeggero britannico intrappolato sulla barca, ha detto in precedenza che il gruppo era a corto di cibo e acqua.

READ  La morte del presidente degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Khalifa bin Zayed Al Nahyan, immortalato nel nome dell'edificio più alto del mondo, all'età di 73 anni | notizie dal mondo

“Le cose stanno iniziando a deteriorarsi”, ha detto in una lettera alla BBC.

Angela Ramirez, una peruviana che ha completato un giro in bicicletta, è stata tra gli “ostaggi” della tribù.

Ha postato su Facebook: “Noi a Cuninico siamo una comunità indigena nella giungla, siamo ostaggi nella comunità, dove ci sono state 46 fuoriuscite di petrolio, che hanno causato la morte di due bambini e una donna.

“Sono gentili e rispettosi con noi, ma questo è l’unico modo che hanno escogitato per cercare soluzioni per la loro comunità.

“Prima verranno ascoltati, più velocemente ci lasceranno andare.

“Siamo qui dalle 10 del mattino, hanno preso la barca e hanno preso la batteria.

“Aiutami a partecipare, stiamo bene fisicamente. Aiutami ad aiutarli ad ascoltare”.

Venerdì mattina, ha pubblicato un aggiornamento che descrive le condizioni orribili in cui erano detenute.

Disse: “Abbiamo passato la notte qui.

Non abbiamo più acqua da bere.

“Il sole è sorto ed è forte

“Ci sono bambini che piangono, il più piccolo ha un mese.

Abbiamo donne incinte, disabili e anziani.

“Ora non abbiamo la luce per caricare i cellulari né l’acqua per lavarci.

“aiutami.”

Un portavoce del ministero degli Esteri ha dichiarato venerdì: “Siamo in contatto con le autorità locali e un numero molto ristretto di cittadini britannici coinvolti in un incidente in Perù”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.