Trump critica i rapporti che hanno fatto pressioni sul Dipartimento di Giustizia per descrivere le elezioni come “corrotte”

precedente presidente Donald Trump criticato dopo che osservazioni contemporanee sembravano dimostrare che Ho fatto pressioni sul Ministero della Giustizia chiamare le elezioni del 2020 “corruzione”. In una e-mail ai suoi sostenitori, Trump ha accusato i Democratici di aver travisato le note.

“I democratici della Camera corrotti e partigiani che gestiscono ieri il Comitato di sorveglianza della Camera hanno rilasciato documenti – compresi i documenti del tribunale relativi alle elezioni fraudolente del 2020 – che descrivono disonestamente come un tentativo di annullare le elezioni”, ha scritto Trump. “In realtà, è esattamente il contrario. I documenti avevano lo scopo di preservare l’integrità e l’onestà delle elezioni e l’inviolabilità del nostro voto”.

L’ex presidente ha poi ripetuto la sua menzogna secondo cui le elezioni sarebbero state truccate, affermazione che è stata più volte smentita.

Venerdì, il Comitato di sorveglianza e riforma della Camera ha rilasciato note scritte nel dicembre 2020 dal vice procuratore generale ad interim Richard Donoghue. Le note scritte a mano descrivevano una telefonata tra l’allora presidente Trump e l’allora procuratore generale in carica, Jeffrey Rosen.

Secondo le note, Trump ha spinto Rosen a screditare le elezioni che ha appena perso.

Trump gli avrebbe detto: “Dì solo che le elezioni sono state corrotte + lascia il resto a me”.

I democratici hanno denunciato la conversazione.

“Queste note scritte a mano mostrano che il presidente Trump ha incaricato direttamente la più alta agenzia delle forze dell’ordine della nostra nazione di adottare misure per annullare elezioni libere ed eque negli ultimi giorni della sua presidenza”, ha affermato il rappresentante Carolyn Maloney, presidente del comitato di sorveglianza. affermazione.

READ  Jon Stewart prende in giro la lettera di dimissioni della Screen Actors Guild di Trump: "Anch'io, SAG-AFTRA nega !!!"

Sabato, Trump ha risposto con rabbia, senza sostenere di aver detto ciò che ha detto nelle note.

“Il popolo americano vuole e chiede che il presidente degli Stati Uniti, il principale funzionario delle forze dell’ordine della nazione, stia con loro per combattere per l’integrità elettorale e indagare sui tentativi di minare la nostra nazione”, ha scritto. “Il nostro paese ha appena subito un’elezione presidenziale incredibilmente corrotta, ed è tempo che il Congresso e gli altri indaghino su come abbiamo permesso che tale corruzione si verificasse piuttosto che indagare su coloro che espongono questa massiccia frode al popolo americano”.

Le elezioni del 2020 non sono state, infatti, corrotte o fraudolente. Presidente Joe Biden Ha vinto sia il voto popolare che il collegio elettorale, e il signor Trump ha fallito in dozzine di cause legali per dimostrare che si è verificata una frode elettorale diffusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.