Trova le montagne nascoste della terra

Un’idea è che le montagne siano parti del mantello inferiore Era molto riscaldato A causa della sua vicinanza al nucleo incandescente della Terra. Mentre il mantello può raggiungere i 3.700°C (6.692°F), questo è relativamente mite – il nucleo può raggiungere un massimo di flessione atomica di 5.500°C (9.932°F) – non lontano dal caldo sulla superficie del sole. IL parti più calde Dal confine nucleo-mantello, si suggerisce, potrebbero fondersi parzialmente: questo è ciò che i geologi vedono come ULVZ.

In alternativa, le profonde montagne della Terra potrebbero essere fatte di un materiale leggermente diverso dal mantello circostante. Incredibilmente, si ritiene che possano essere i resti dell’antica crosta oceanica che, nelle sue profondità, alla fine è scomparsa affondando centinaia di milioni di anni per stabilirsi al di sopra del nucleo.

In passato, i geologi hanno cercato indizi su un secondo mistero. Le montagne profonde tendono a trovarsi vicino ad altre strutture oscure: bolle massicce o grandi province a bassa velocità di taglio (LLSVP). Ce ne sono solo due: una massa amorfa chiamata “Tuzo” sotto l’Africa, e un’altra nota come “Jason” sotto l’Oceano Pacifico. Si ritiene che siano davvero primitivi, forse miliardi di anni. Ancora una volta, nessuno sa cosa siano o come ci siano arrivati. Ma la loro vicinanza alle montagne ha portato a credere che siano in qualche modo imparentati.

Un modo per spiegare questa connessione è che in realtà è iniziata con le placche tettoniche che scivolavano giù nel mantello terrestre e poi affondavano fino al confine nucleo-mantello. Questi poi si espandono lentamente per formare una varietà di strutture, lasciando dietro di sé una serie di montagne e macchie. Ciò significa che entrambi sono fatti di un’antica crosta oceanica: una miscela di roccia basaltica e sedimenti dal fondo dell’oceano, sebbene sia stata trasformata da calore e pressione intensi.

READ  Sfidare la più grande teoria di Einstein in un esperimento di 16 anni - Testare la relatività generale con stelle estreme

Hansen suggerisce che la presenza di montagne profonde nel terreno sotto l’Antartide potrebbe contrastare questo. “La maggior parte della nostra area di studio, l’emisfero australe, è molto lontana da quelle strutture più grandi”.

compito rigido

Per installare le stazioni di sismologia antartica, Hansen e il suo team sono volati in luoghi idonei con elicotteri e piccoli aerei, posizionando l’attrezzatura nella neve alta fino alla cintola, alcune vicino alla costa, sotto lo sguardo dei pinguini residenti, altre nell’entroterra.

Sono bastati pochi giorni per ottenere i primi risultati. Gli strumenti possono rilevare i terremoti quasi ovunque sul pianeta – “se sono abbastanza grandi, possiamo vederli”, dice Hansen – e ci sono molte opportunità. Documenti del National Earthquake Information Center degli Stati Uniti Circa 55 in tutto il mondo ogni giorno.

Mentre le catene montuose nelle profondità della Terra sono state identificate in precedenza, nessuno le ha verificate sotto l’Antartide. Non è neanche lontanamente vicino a nessuno dei punti sfocati, o da nessuna parte vicino a dove le placche tettoniche sono cadute di recente. Tuttavia, il team è stato sorpreso di trovarlo in ogni sito che hanno campionato.

Potrebbe piacerti anche:

In precedenza si credeva che le montagne fossero sparse vicino ai luoghi occupati dai punti. Ma i risultati di Hansen indicano che potrebbe formare un mantello continuo che avvolge il nucleo della Terra.

Testare questa idea richiederà ulteriori indagini: prima dello studio antartico, era stato esaminato solo il 20% del confine nucleo-mantello. “Ma speriamo di colmare questa lacuna”, afferma Hansen, spiegando che dipende anche dallo sviluppo di nuove tecniche per identificare strutture più piccole. In alcune aree, le strutture dell’ULVZ assomigliano a sottili altipiani più che a montagne, quindi l’intero strato non può ancora essere visto – non si vede sui sismometri, ammesso che esista.

READ  Un asteroide gigante più grande della Statua della Libertà entra nell'orbita terrestre

Tuttavia, se le montagne sono veramente diffuse, ciò ha implicazioni sia per i loro componenti che per il modo in cui si relazionano alle grandi strutture puntuali. Potrebbero i resti di placche tettoniche più piccole, delle dimensioni di una montagna, finire così lontano dai grandi blob?

Qualunque cosa scopriamo, stranamente, i paesaggi ghiacciati e bizzarri dell’Antartide ci hanno fornito indizi su strane montagne surriscaldate nelle profondità della Terra.

Unisciti a 1 milione di fan di Future mettendo mi piace Facebooko seguici Cinguettio O Instagram.

Se ti è piaciuta questa storia, Iscriviti alla newsletter settimanale di bbc.comchiamato “The Essential List” – una raccolta di storie accuratamente selezionate dalla BBC futuroE culturaE vita lavorativaE Viaggio E Presto Consegnato nella tua casella di posta ogni venerdì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *