Tornare alla “vita normale”? Come la prima settimana di Jane si confronta con gli addetti stampa di Saki

Sono stati pochi giorni buoni per Jane Psaki.

Un giornalista dell’Associated Press le ha chiesto: “Vedi il tuo ruolo principale nel promuovere gli interessi del presidente?” “O sei lì per fornirci la verità disincarnata, in modo che possiamo condividerla con il popolo americano?”

Il 42enne, che in precedenza era stato portavoce del Dipartimento di Stato di Barack Obama, si è fermato a malapena prima di rispondere. Ha detto di aver viaggiato in tutto il mondo con la valuta del governo per “rafforzare la democrazia” e di aver visto “il potere di questa piattaforma, il potere della verità e l’importanza di fornire un modello di partecipazione e trasparenza”.

“Quindi mi limiterò a dire – perché mi hai dato l’opportunità – ho un profondo rispetto per il ruolo di una stampa libera e indipendente nella nostra democrazia e il ruolo che gioca tutto”, ha aggiunto.

Non tutte le domande che ha ricevuto in dieci giorni o giù di lì hanno funzionato in modo abbastanza semplice. Allo stesso tempo, Shawn Spicer non ha mai avuto un’apertura così facile.

Allo stesso modo, la prima interazione di Spicer con la stampa non è stata quella di rispondere alle domande, ma piuttosto di leggere una dichiarazione che condannava la copertura mediatica della folla all’inaugurazione di Donald Trump.

La valutazione di Psaki da parte della maggior parte delle persone che interagiscono con lei come reporter, confinata nella sala riunioni della Casa Bianca intitolata al segretario stampa di Ronald Reagan, il compianto James Brady, che fu gravemente ferito nel 1981 attentato al presidente, sembra ampiamente favorevole. Lo stesso vale per la classe dei critici che la confinano con la televisione.

La segretaria stampa della Casa Bianca Jane Basaki tiene una conferenza stampa

Sembrava amichevole ma non brillante, intelligente ma non arrogante. Ha fornito una quantità costante di informazioni su vari argomenti e si è impegnata a tornare dalle persone se non avesse avuto una risposta. I giornalisti veterani hanno apprezzato il fatto che abbia posto la prima domanda all’agenzia di stampa – una tradizione di lunga data per tali briefing – e si sono impegnati a condurne una ogni giorno. Biden ha anche aperto nuove strade definendo la presenza di un sito in lingua dei segni in ogni briefing.

È stata anche colpita dall’aver portato esperti o dirigenti senior nella sala riunioni, come il dottor Anthony Fauci, Brian Dees, direttore del Consiglio economico nazionale e John Kerry, e le è stato permesso di parlare solo.

Tuttavia, molti dei flussi su Psaki di Democratici e progressisti – ha scritto su Twitter l’attivista Amy Siskind che aveva pianto mentre guardava il suo primo briefing il giorno in cui Biden è stato inaugurato – riguardavano meno cosa sia Psaki, ma cosa lei non è.

A differenza di Spicer, e diversamente dagli addetti stampa di Trump che hanno seguito – Anthony Scaramucci, Sarah Huckabee Sanders, Stephanie Grisham e Kylie McKinani, Psaki deve ancora deviare dai fatti a favore del presidente. Lei è diversa da Killian Conway, l’instancabile consigliere del presidente che ha aggiunto al lessico insistendo su “fatti alternativi”.

READ  Tracciata in tempo reale dell'uragano Henry - Tempesta tropicale declassata a causa dell'alluvione di New York appena prima dell'approdo nel nord-est

Soprattutto non è come lo stesso Donald Trump, poiché è stata sorpresa a raccontare bugie numerose volte nel corso dei suoi quattro anni – Washington Post mettere Ha totalizzato 30.573 – non era chiaro se credesse davvero a quello che stava dicendo.

Anche se il sake può valere il periodo della luna di miele, è improbabile che duri a lungo. Ho già affrontato domande più impegnative, come artisti del calibro del corrispondente di Fox News Peter Dossi, che li ha affrontati sulla precedente affermazione di Biden secondo cui il divieto di viaggio di Trump in Cina a causa del coronavirus era “xenofobo”, anche se Biden aveva imposto il suo divieto di viaggio. sulla Cina. Sud Africa.

“Non credo che questa sia un’espressione giusta”, ha detto. Il presidente ha detto chiaramente di ritenere che vietare i musulmani fosse xenofobo. Abolito il divieto islamico. Nonostante questo, ha anche sostenuto le misure e le restrizioni di viaggio, per mantenere il popolo americano al sicuro, per garantire che l’epidemia sia sotto controllo “.

Diversi commentatori hanno indicato che, sebbene sia positivo per la stampa avere un rapporto professionale con un portavoce del governo, non aiuta nessuno che questa relazione sia eccessivamente calda.

Anche se potrebbe essere una novità per Basaki promettere di dire la verità, tutta la verità e nient’altro che la verità, è importante ricordare che altri presidenti hanno segretari giornalistici “tradizionali” e molti di loro hanno talvolta avuto rapporti tesi con i giornalisti, soprattutto su argomenti controversi.

Tuttavia, ha affermato che è possibile che l’amministrazione Biden trovi anche il modo per fuorviare i media e il pubblico, e la stampa dovrebbe essere attenta a questo. (É successo, Mail Questa settimana, i fact-checker hanno assegnato a Biden il loro primo rating “Tre Pinocatius” da quando è diventato presidente, indicando un “grave difetto di fatti” nella sua affermazione che i contratti con le società straniere sono aumentati del 30% sotto Trump)

“Le bugie presidenziali erano devastanti molto prima che Trump apparisse”, ha detto Cerroer. “Quindi la stampa e il pubblico dovrebbero resistere alla tentazione di presumere che l’amministrazione Biden sarà sempre al livello, o che il suo comportamento scorretto può essere tollerato perché il predecessore di Biden praticava la menzogna con un tale abbandono”.

Ha detto che il team di Biden aveva già cercato di “fuorviare il pubblico fissando aspettative per le vaccinazioni che secondo gli esperti erano troppo modeste – il che consentirebbe al presidente di dichiarare il suo approccio altamente efficace se l’obiettivo viene superato”.

Ha detto: Biden sta mentendo. Tutti i presidenti lo fanno. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.