Tassa minima come il sacco da boxe di un tiranno – EURACTIV.com

Benvenuti al Brief economico settimanale di EURACTIV. Puoi iscriverti alla nostra newsletter quaggiù.

Dopo che il governo polacco ha sbloccato miliardi di fondi per il recupero prendendo in ostaggio la direttiva sull’imposta minima sulle società dell’UE con un veto, il governo ungherese sta ora cercando di fare lo stesso.

Sebbene le linee guida minime sull’imposta sulle società possano essere una vittima indiscriminata della sete di denaro dei governi di destra, è una giusta vittima dell’autoritarismo antidemocratico.

La guida alla tassazione minima mira ad attuare uno dei pilastri di un accordo internazionale per sostenere la corsa globale al ribasso nella tassazione delle società garantendo che tutti i profitti delle grandi società siano tassati almeno al 15%.

Scambia il veto con un altro

Tuttavia, la direttiva che dovrebbe essere attuata in modo uniforme a livello dell’UE è stata ostacolata dal governo polacco. Ufficialmente, il governo ha affermato di volere assicurazioni legalmente vincolanti che anche l’altro pilastro dell’accordo fiscale globale sarebbe stato implementato prima di accettare di porre il veto alla guida fiscale più bassa.

Più realisticamente, il governo polacco voleva aumentare la pressione per sbloccare i fondi dell’UE, bloccati a causa di problemi di stato di diritto, che finanzierebbero la ripresa della Polonia dalla pandemia. Una volta che la Commissione europea ha revocato l’embargo sui fondi, il governo polacco ha revocato il veto anche se non ha ottenuto le assicurazioni legalmente vincolanti che sosteneva così tanto da volere.

Tuttavia, la speranza che ciò avrebbe spianato la strada all’adozione della direttiva si è rivelata prematura, poiché la scorsa settimana il governo ungherese si è opposto bruscamente alla direttiva, i cui fondi per il recupero sono stati bloccati anche a causa di problemi di stato di diritto.

READ  ETERNA Maglioni Spring Report di tendenza 2022: un nuovo focus

“Provalo”

“È una tattica negoziale”, ha detto un funzionario dell’UE, aggiungendo che “se sei il primo ministro Orban e vedi che nel caso della Polonia funziona, provaci”.

La guida fiscale minima sarebbe probabilmente la vittima indiscriminata dei governi autoritari che cercano di spremere denaro dall’UE rimanendo impuniti per le loro violazioni dello stato di diritto. Ma è comunque una vittima adatta.

La definizione di una tassa minima globale dovrebbe essere un obiettivo unificante. “Dobbiamo garantire equità ed equità sia per le nostre economie che per le nostre società”, ha detto questa mattina il commissario all’Economia Paolo Gentiloni al Parlamento europeo durante un dibattito sull’argomento.

Approfitta del combattimento

L’affermazione piuttosto blanda nasconde una verità esistenziale.

Le democrazie non possono prosperare in modo giusto ed equo se sono in costante competizione per il capitale. La concorrenza globale sulla tassazione delle società mette le democrazie l’una contro l’altra, favorendo così in modo sproporzionato il capitale a spese di tutte le aree della società che beneficerebbero di una disponibilità più volontaria di fondi pubblici.

I grandi vincono fintanto che i ragazzi combattono contro se stessi.

Sebbene la concorrenza fiscale globale non sia uno schema ingannevole imposto dall’alto, gli autocrati di destra dovrebbero essere consapevoli di questa dinamica perché usano lo stesso principio nella loro politica interna, mettendo gli elettori della classe media e operaia contro altre parti deboli della società, per esempio facendo immigranti Altre minoranze sono capri espiatori per tutti i tipi di mali sociali.

Una via d’uscita da questa situazione è ridurre le possibilità di distruggere i tentativi di cooperazione unilaterale, ad esempio abolendo i requisiti di consenso delle decisioni dell’UE.

READ  Agenzia stampa degli Emirati - Emirati Arabi Uniti e Italia discutono di cooperazione parlamentare

Poiché l’UE può decidere in materia fiscale solo all’unanimità, non è in grado di rispondere efficacemente alle sfide poste dagli autocrati.

Nel dibattito parlamentare di questa mattina, il ministro francese per l’Europa Clement Bonn ha ricordato ai parlamentari che mentre Parigi è favorevole a cambiare la regola del consenso, soprattutto in materia finanziaria, c’è un problema: “Per allontanarci dal consenso, abbiamo bisogno del consenso”.

Venerdì (24 giugno) è probabile che i leader dell’UE diano alla Croazia il via libera definitivo per l’adesione alla zona euro dopo che la Commissione europea ha espresso la sua valutazione positiva pubblicando il suo rapporto sulla convergenza all’inizio di questo mese.

Pertanto, se tutto andrà come previsto, la Croazia potrà entrare nell’euro il 1° gennaio 2023.

Tuttavia, in un certo senso, la Croazia è già più euro di molte economie dell’Eurozona. I dati di Eurostat mostrano che le aziende croate stanno già utilizzando l’euro per i loro scambi con partner non UE, e più della media dell’UE.

Infografica di Esther Sneby

In effetti, solo la Slovenia ha un tasso di utilizzo dell’euro superiore alla Croazia nell’intera Unione Europea. Tuttavia, ciò potrebbe avere meno a che fare con l’entusiasmo delle società croate per l’euro e più con il fatto che la Croazia non è una potenza commerciale globale come la Germania, ad esempio, che usa più spesso dollari USA nei suoi rapporti con i partner commerciali al di fuori del paese . Unione europea.

Mentre i paesi di destinazione più importanti per le esportazioni tedesche nel 2021 sono stati gli Stati Uniti e la Cina, la destinazione di esportazione più importante per la Croazia al di fuori dell’Unione Europea è stata il suo paese vicino, la Bosnia ed Erzegovina.

READ  L'UE avvia il dibattito sulle regole di bilancio tra l'aumento del debito e delle esigenze di investimento

I principali partner commerciali della Germania potrebbero essere meno inclini al commercio con l’euro. Nel frattempo, la valuta bosniaca è ancorata all’euro, il che rende il trading sull’euro un’opzione più naturale.

EURACTIV assume un corrispondente politico a Berlino! Vorresti aiutare il pubblico tedesco a comprendere le politiche economiche, del lavoro e dei trasporti dell’UE? Oppure conosci qualcuno che potrebbe essere interessato a fare reportage sulle politiche economiche tedesche? Non vediamo l’ora di ricevere la domanda da parte tua o del tuo amico che potresti voler informare su questa opportunità commerciale.

Il ruolo della politica monetaria nella transizione verde: Lina Boniva, Gianluigi Ferrucci e Francesco Paolo Mongeli discutono di cosa possono fare le banche centrali per accogliere i problemi del cambiamento climatico nei loro quadri di politica monetaria.

Sette fatti “sorprendenti” sull’Italia: Con la crescente diffusione tra i paesi del sud e del nord Europa, le voci nel nord Europa si sono alzate di nuovo su come paesi come l’Italia dovrebbero agire in modo irresponsabile. Questo articolo dell’economista Philip Heimberger del 2021 sfata alcuni miti comuni sull’economia italiana.

I grandi errori degli antiglobalisti: Il sistema commerciale multilaterale è in crisi. Tuttavia, secondo Martin Wolf del Financial Times, né la “deglobalizzazione” né il “reinsediamento” sembrano essere nell’elenco. Elenca sette errori da evitare quando si pensa al futuro del commercio globale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.