Tammy Abraham parla di Mourinho, Dybala e della vita in Italia

L’attaccante della Roma Tommy Abraham ha discusso a lungo del suo ruolo nella Roma di Jose Mourinho e del suo rapporto con lo Special One e l’ultimo grande acquisto estivo dei giallorossi Paulo Dybala in una recente intervista. Mail giornaliera.

“Se due anni fa mi avessi detto che avrei giocato in Italia, non ti avrei creduto. È difficile lasciare il Chelsea, sono cresciuto qui da quando avevo sette anni.

“Non sapevo molto del calcio italiano, ma mi ha aiutato a crescere come giocatore e come persona. Sono uscito dalla mia comfort zone e non ho rimpianti. Amo la vita e ha rivelato un altro lato del mio gioco.

“Al Chelsea ero visto solo come un marcatore. Qui ho imparato diversi aspetti del gioco. Se il nostro avversario ha più palla, so come posizionarmi in modo difensivo. Devi avere più occasioni di rifinitura cliniche perché possono essere limitato.

“Il calcio italiano è molto tattico. Le squadre dovrebbero impedirti di segnare il più possibile. Penso che si concentrino principalmente sul fermare i gol, il che rende decisamente difficile per un attaccante.

“Una cosa che ho dovuto imparare in fretta era come vincere i calci di punizione. Tieni la palla quando la tua squadra ha bisogno di una pausa e prendi i falli economici che chiamiamo in Inghilterra. Ho aggiunto piccole cose del genere.

Su Jose Mourinho, Tommy non trattiene la sua ammirazione: “È bravo a gestire gli uomini. Sa parlare con i giocatori, il modo migliore per affrontare ognuno di loro.

“Nel mio caso, non mi ha detto quanto fossi bravo. All’intervallo, pensavo nella mia testa: ‘Sai che sto giocando bene’, ma non ho mai fatto ‘bene’. Vuole sempre che tu lo faccia meglio.

READ  Massa di piccoli terremoti sotto eruzione laterale / vulcanica orientale

“La scorsa stagione prima della semifinale di Europa League contro il Leicester, mi ha tirato in una stanza e ha detto: “Tom, non penso che tu sia stato abbastanza bravo”.

“Sono rimasto sorpreso perché ho segnato nella partita precedente! Gli ho chiesto cosa ha detto e lui ha detto che non aveva visto Tommy giocare ad esempio contro la Lazio. È stato incoraggiante e ho segnato la vittoria contro il Leicester.

Sul recente recupero di Leonardo Spinazzola da una devastante rottura d’Achille: “Ora è tornato e sta bene. È sempre difficile quando esci per la prima volta da un lungo infortunio.

Alla domanda sulla vita in Italia, Abraham ha detto: “Ho parlato con Chris Smalling prima di firmare e mi ha detto bel tempo, bella gente, buon cibo, buon campionato. Non ha commesso un errore. Roma è bella. Sono venuto in giro e mi sono goduto la storia. Luoghi come il Colosseo sono stati costruiti molto tempo fa.

“I tifosi sono molto appassionati, ovunque tu vada – che sia la Roma o la Lazio – la competizione è pazzesca. Puoi stare a un distributore di benzina ed essere assalito, che è diverso da Londra, dove puoi perderti un po’ di più. C’è voluto alcuni si abituano, ma le persone sono gentili quando le vedi. Sei a casa. Tendi a passare un po’ più di tempo!

Infine, su Paulo Dybala: “Ha talento. Ecco quanto è bravo in FIFA. Sembra un dodicenne ma porta anche doti di leadership! Ha l’esperienza di vincere trofei alla Juve ed è quello che ci serve.

READ  Claire Egan è arrivata quarta ai Mondiali di Biathlon in Italia

“Per me personalmente è positivo e stiamo costruendo quella partnership”, ha concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.