Svelati gli hotspot di attacco degli squali nel mondo: la mappa interattiva mostra le aree con il maggior numero di incontri

La scorsa settimana, un subacqueo è stato lasciato “in cerca di aiuto” dopo essere stato morso da uno squalo al largo delle coste della Cornovaglia nel primo attacco di questo tipo nelle acque britanniche in 175 anni.

La donna – che non è stata identificata – era a Penzance, in Cornovaglia, con Blue Shark Snorkel Trips quando è avvenuto l’incidente martedì scorso.

Sebbene gli attacchi di squali non provocati siano estremamente rari nei mari intorno al Regno Unito, sono più comuni in altre parti del mondo.

Produci un utile Museo della Florida mappa interattiva Ti consente di esplorare il numero di attacchi di squali non provocati in tutto il mondo.

Rivela che gli Stati Uniti sono il punto caldo per gli attacchi di squali nel mondo, con 1.563 attacchi non provocati dal 1580, seguiti da Australia (682 attacchi), Repubblica del Sud Africa (258 attacchi) e Brasile (110 attacchi).

Il Museum of Florida ha prodotto una mappa interattiva di facile utilizzo basata sui dati dell’International Shark Attack File (ISAF) che consente di esplorare il numero di attacchi di squali non provocati in tutto il mondo dal 1900.

Sebbene gli attacchi di squali non provocati siano estremamente rari nelle acque britanniche, sono più comuni in altre parti del mondo.  Nella foto: un grande squalo bianco

Sebbene gli attacchi di squali non provocati siano estremamente rari nelle acque britanniche, sono più comuni in altre parti del mondo. Nella foto: un grande squalo bianco

Paesi con il maggior numero di attacchi di squali non provocati dal 1580

  1. Stati Uniti d’America – 1564
  2. Australia – 682
  3. Repubblica del Sud Africa – 258
  4. Brasile – 110
  5. Nuova Zelanda – 56
  6. Papua Nuova Guinea – 48
  7. Isole Mascarene – 47
  8. Messico – 41
  9. Bahamas Carote – 33
  10. Iran – 23

La mappa interattiva si basa sui dati dell’International Shark Attack File (ISAF).

READ  La polizia del Bangladesh arresta il proprietario della fabbrica dopo che decine di persone sono morte nel fuoco | Bangladesh

“(ISAF) è l’unico database al mondo completo e scientificamente documentato di tutti gli attacchi di squali conosciuti”, spiega il Florida Museum sul suo sito web.

“Ha avuto inizio nel 1958 e ora ci sono oltre 6.800 indagini individuali che coprono il periodo dall’inizio del XVI secolo ad oggi”.

Un cursore nella parte inferiore della mappa ti consente di modificare l’intervallo di tempo dal 1900 al 2021, mentre puoi anche utilizzare gli interruttori a levetta per selezionare tipi specifici di squali e se gli attacchi sono fatali.

Puoi quindi esplorare il numero di attacchi di squali non provocati in tutto il mondo disegnando un riquadro attorno ai punti dati che ti interessano.

Nel 2021, ci sono state 137 presunte interazioni tra squali in tutto il mondo, secondo la Forza internazionale di assistenza alla sicurezza.

Ciò includeva 73 morsi non provocati – quelli in cui si è verificato un morso su un essere umano vivo nell’habitat naturale dello squalo – e 39 morsi provocatori.

Il Museo della Florida spiega: “Dei restanti 25 casi, quattro riguardavano morsi di navi marine motorizzate o non (“morsi di barche”) e uno riguardava morsi post mortem di squali (“scavenging”).

Cinque casi sono stati considerati “sospetti” o incidenti che probabilmente non coinvolgevano uno squalo.

“Questi casi includevano un caso attribuito a una razza pungente, tre casi attribuiti a un pesce osseo e un caso di lesione correlata a un masso raschiato”.

La mappa mostra che gli Stati Uniti sono il punto caldo per gli attacchi di squali nel mondo, con 1.563 attacchi non provocati dal 1580, seguiti da Australia (682 attacchi), Repubblica del Sud Africa (258 attacchi) e Brasile (110 attacchi).

La mappa mostra che gli Stati Uniti sono il punto caldo per gli attacchi di squali nel mondo, con 1.563 attacchi non provocati dal 1580, seguiti da Australia (682 attacchi), Repubblica del Sud Africa (258 attacchi) e Brasile (110 attacchi).

Squali trovati nelle acque britanniche

Squalo martello liscio – Atlantico settentrionale al largo della punta occidentale della Cornovaglia

squalo blu – 10 miglia al largo della costa meridionale della Cornovaglia

squalo volpe La Manica al largo della costa del Devon

squalo mako pinna corta Canale di Bristol e al largo delle coste del Galles

squalo burpeagle – Più comune nella costa meridionale

squalo elefante – Mare delle Ebridi

Dei 73 morsi di squalo inspiegabili registrati lo scorso anno, la stragrande maggioranza (47) è stata registrata negli Stati Uniti e uno si è rivelato fatale.

Dodici attacchi si sono verificati in Australia, tre dei quali si sono rivelati fatali.

Nel frattempo, Brasile, Nuova Zelanda e Sud Africa hanno avuto tre morsi e un decesso ciascuno nel 2021, mentre la Nuova Caledonia ha riportato due incidenti, entrambi mortali.

È stato riscontrato che la maggior parte dei morsi è correlata agli sport del surf e dell’imbarco.

“Secondo le tendenze recenti, i surfisti e coloro che praticano sport da tavola rappresentano il maggior numero di incidenti (51% di tutti i casi)”, ha affermato il Florida Museum.

Questo gruppo trascorre una notevole quantità di tempo nell’area del surf, un’area comunemente frequentata dagli squali, e può inavvertitamente attirarli spruzzando, pagaiando ed “eliminando”.

Nuotatori e trampolieri rappresentano il 39% degli incidenti, con i restanti incidenti divisi tra subacquei/apneisti (4%) e body surfer (6%).

Sebbene queste statistiche possano sembrare allarmanti, il Museo della Florida sostiene che il rischio di essere morsi da uno squalo è ancora molto basso.

“Sebbene l’incidenza di morsi fatali nel 2021 sia stata più alta del solito, non lo consideriamo motivo di preoccupazione”, ha aggiunto.

READ  Le "Porte dell'Inferno" potrebbero presto spegnersi in Turkmenistan a causa dei danni ambientali | notizie dal mondo

Al momento, non ci sono prove che il recente aumento dei decessi sia legato a fenomeni naturali.

È ancor più probabile frutto del caso, conclusione confermata dal fatto che il numero dei morsi non provocati è in linea con i recenti trend quinquennali.

La scorsa settimana, l'immersione è stata abbandonata

La scorsa settimana, un subacqueo è stato lasciato “in cerca di aiuto” dopo essere stato morso da uno squalo al largo della Cornovaglia nel primo attacco del genere in 175 anni, in quello che la vittima ha descritto come un “incidente molto spaventoso” in mare. Nella foto: uno squalo blu

La scorsa settimana, un subacqueo è stato lasciato “in cerca di aiuto” dopo essere stato morso da uno squalo al largo della Cornovaglia nel primo attacco del genere in 175 anni, in quello che la vittima ha descritto come un “incidente molto spaventoso” in mare.

La donna – che non è stata identificata – era a Penzance, in Cornovaglia, con Blue Shark Snorkel Trips quando è avvenuto l’incidente giovedì scorso.

Lo sfortunato avventuriero stava nuotando per 15 miglia in mare aperto durante il viaggio di £ 180 a persona quando lo squalo improvvisamente si morse una gamba senza essere provocato.

La nuotatrice è stata restituita alla barca noleggiata dove ha ricevuto immediatamente i primi soccorsi ed è stata portata a terra per ulteriori cure.

Questo è il primo attacco di squali del genere nelle acque britanniche dal 1847. Molti pescatori sono stati morsi negli ultimi anni, ma solo dopo aver portato creature marine a bordo delle loro navi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.