“Stiamo resistendo”, dice il vicesindaco della città ucraina assediata

PAKHMUT, Ucraina (Reuters) – I residenti della città assediata di Pakhmot, nell’Ucraina orientale, vivono in condizioni miserabili, con civili uccisi e feriti ogni giorno mentre infuriano i combattimenti tra le forze russe e ucraine, ha affermato sabato il vicesindaco. città.

Bakhmut è stato un obiettivo importante per l’esercito russo nella sua lenta avanzata attraverso la regione di Donetsk, uno dei territori che il Cremlino afferma di aver annesso dopo quelli che Kiev e l’Occidente hanno descritto come falsi referendum a settembre.

L’esercito di Kiev afferma che l’area ha assistito ad alcune delle battaglie più feroci con le forze russe e il vicesindaco Oleksandr Marchenko ha detto a Reuters che le forze russe stavano “cercando di assaltare la città da diverse direzioni”.

La Reuters non ha potuto confermare in modo indipendente la sua versione della situazione sul campo di battaglia.

“Ogni giorno che passa diventa sempre più difficile sopravvivere in questa città”, ha detto Marchenko dall’interno di un edificio governativo vuoto, mentre i mortai si spargevano nelle vicinanze.

Ha detto che più di 120 civili sono stati uccisi a Bakhmut dall’invasione russa del 24 febbraio.

“Ci sono aree in cui non conosciamo il numero esatto di morti a causa dei combattimenti in corso o dell’occupazione temporanea degli insediamenti (da parte delle forze russe)”, ha aggiunto.

Marchenko ha affermato che le forze ucraine stanno “mantenendo fermamente la prima linea”, mentre descrive il deterioramento della situazione umanitaria che deve affrontare la città, con la popolazione che scende dal livello prebellico di circa 80.000 a 12.000 oggi.

Era già senza luce, gas e acqua corrente da quasi due mesi.

READ  Sergei Mingut: A Spanish mountaineer died after falling from K2

Marchenko ha detto che la gente del posto si sta ancora avventurando per fare acquisti, raccogliere aiuti umanitari o raccogliere acqua nonostante sia stata invitata a evacuare. Ha aggiunto che l’inverno sarà più difficile per gli anziani e gli infermi.

“Stiamo resistendo e speriamo che le forze armate ucraine saranno in grado di respingere il nemico lontano dalla città”, ha detto.

(Copertura) Di Joseph Campbell a Bakhmut Scritto da Dan Belichuk a Kiev Montaggio di Helen Popper

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.