Steve Nielsen: Il veterano della Formula 1 è stato nominato direttore sportivo della FIA

Steve Nielsen ha trascorso oltre un decennio a lavorare con il team ora noto come Alpine

Il veterano della Formula 1 Steve Nielsen ha assunto un nuovo ruolo con la Federazione automobilistica internazionale (FIA) con l’obiettivo di risolvere i problemi di gestione delle gare di questo sport.

Nielsen ha lasciato una posizione di rilievo in Formula 1 per diventare il direttore sportivo della FIA.

Il 58enne britannico supervisionerà i controlli della gara, che negli ultimi anni sono stati al centro di una serie di polemiche.

L’ex direttore tecnico delle monoposto della FIA Nicholas Tombazis è stato promosso a manager delle monoposto.

In una nuova struttura di gestione annunciata dalla FIA, Tombazis ha ricevuto una nuova posizione che lo pone a capo delle operazioni di Formula 1 della FIA sotto il presidente Mohamed Ben Sulayem.

L’ex direttore tecnico della McLaren Tim Goss è diventato il direttore tecnico della FIA come suo vice.

Nielsen è il direttore sportivo del detentore dei diritti commerciali di F1 dal 2017, sotto l’ex amministratore delegato Ross Brawn, e prima ancora ha avuto una lunga carriera come direttore sportivo per una serie di squadre.

La mossa di Nielsen arriva con la benedizione della F1, che crede che sia l’uomo giusto per risolvere i problemi che da tempo preoccupano questo sport.

Bin Sulayem ha dichiarato: “Abbiamo dedicato molto tempo e sforzi per apportare modifiche significative e ben informate al nostro team di Formula 1 per creare la struttura giusta con le persone giuste per supervisionare la futura organizzazione di questo sport.

“Sviluppando e responsabilizzando le persone all’interno della nostra organizzazione, oltre a portare competenza ed esperienza dall’esterno, sono fiducioso che siamo nella migliore posizione possibile per il futuro con i nostri partner di gestione della F1 e i team di F1”.

READ  Imogen Grant ottiene l'argento per la Gran Bretagna nel campionato europeo di canottaggio

Il capo della F1, Stefano Domenicali, ha dichiarato: “Vorrei ringraziare Steve Nielsen per il suo duro lavoro e la sua dedizione negli ultimi cinque anni in Formula 1.

“È un professionista molto rispettato nel nostro sport e sosteniamo pienamente il suo passaggio alla FIA. Le sue capacità ed esperienza in Formula 1 aiuteranno la FIA nei suoi continui sforzi per migliorare le sue operazioni durante i fine settimana”.

Il team di supporto Nielsen è in movimento

La mossa di assumere Nielsen per supervisionare le operazioni di gara ha un ampio sostegno tra i team di F1.

L’amministratore delegato della McLaren Racing Zak Brown ha dichiarato a BBC Sport: “Steve è molto rispettato, molto conosciuto e ha un rapporto con tutti sul campo.

“In ruoli come questo, hanno il set di abilità tecniche? Sì. Hanno la credibilità e le connessioni? Sì. Quindi spunta le caselle in cui non penso che una squadra metterà in discussione la decisione e la logica. “

E Nielsen aveva già due volte rifiutato un ruolo simile, dopo la morte di Charlie Whiting e il licenziamento dell’ex direttore di gara Michael Massey, dopo che l’australiano aveva gestito male il Gran Premio di Abu Dhabi che ha deciso il titolo nel 2021.

La decisione di Nielsen di accettare questa volta è stata fondata sulla sua convinzione che servisse gli interessi più ampi della F1. È da tempo consapevole dei problemi di controllo della gara e crede di poter fare davvero la differenza nel risolverli.

Il team principal della Haas, Guenther Steiner, ha dichiarato: “È fantastico che la F1 lo abbia reso disponibile perché è stato in F1 per molto tempo, quindi conosce molto della storia di ciò che è accaduto in diverse situazioni.

READ  I marcatori africani guidano il campionato italiano

“Questa è la cosa più importante che alcune delle persone che hanno partecipato si sono perse: la storia degli ultimi 20 anni. È molto difficile da insegnare.

“Le persone che lo fanno non sono persone cattive, ma non hanno l’esperienza. Se provi a imparare 30 anni di storia delle regole, ci vogliono alcuni anni e ci aspettiamo che quelle persone si siedano e prendere le decisioni giuste.

“Non sanno quello che non sanno, mentre Steve sa un sacco di cose, cosa è successo quando. Meglio non fomentare litigi.”

Cosa ha portato a questa mossa?

Di conseguenza, la FIA ha licenziato Masi lo scorso anno Non applicare correttamente le regole Durante il ritardo della Safety Car di Abu Dhabi.

Le sue azioni hanno portato il campionato a passare da Lewis Hamilton a Max Verstappen.

La FIA ha avviato una serie di modifiche alla direzione della gara dopo le polemiche, ma gli errori di controllo della gara sono continuati per tutta la scorsa stagione, con frustrazione di piloti e team.

Questi errori sono culminati nel Gran Premio del Giappone, quando A.J È stato inviato un veicolo di recupero in pista in condizioni di pioggia torrenziale e scarsa visibilità, riportando alla memoria la morte di Jules Bianchi nella stessa gara otto anni prima.

Gli errori includevano la cattiva gestione della procedura di partenza del GP di Monaco; la mancata ripresa del Gran Premio d’Italia, con conseguente conclusione della gara sotto safety car; Confusione sul sistema a punti e se Max Verstappen ha conquistato il titolo al Gran Premio del Giappone; e una serie di incidenti in cui i conducenti hanno sollevato dubbi sulla gestione dei problemi di sicurezza da parte della FIA.

READ  Open d'Italia: Rory McIlroy è in testa a Roma, Matt Fitzpatrick è dietro di uno

Parte del nuovo ruolo di Nielsen sarà quello di supervisionare e guidare i direttori di gara in condizioni difficili.

Perché abbiamo bisogno di Nielsen?

Da allora la FIA non ha mai sostituito completamente l’ex direttore della F1 Whiting È deceduto alla vigilia della stagione 2019.

In qualità di direttore della FIA F1, Whiting ha supervisionato tutte le questioni tecniche e sportive all’interno dello sport e ha anche agito come direttore di gara e titolare ufficiale. All’epoca fu riconosciuto che il ruolo di Whiting era troppo grande per un uomo e che le sue responsabilità dovevano essere divise.

Il nuovo ruolo di Tombazis è un’eco della precedente posizione di Whiting come direttore di F1, ma all’interno di una struttura che offre più supporto.

Esperto delle regole che governano il lato sportivo della Formula 1, Nielsen ha trascorso più di un decennio nel team ora noto come Alpine, passando attraverso le sue varie iterazioni come Benetton, Renault e poi Lotus.

In una carriera che dura da 30 anni, ha giocato anche per la Toro Rosso e la Williams II per la Red Bull, e per l’ormai defunta Tyrrell & Arrows.

Ha mantenuto un ruolo centrale nelle questioni sportive dopo essere passato alla F1 sotto la guida dell’amministratore delegato Brawn dopo che è stata rilevata dalla società statunitense Liberty Media nel 2017.

Tramite lo striscione della BBCTramite il piè di pagina della BBC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.