Starbucks si sta espandendo in Italia nonostante l’intensa cultura del caffè del Paese

Nel 2018 Starbucks ha aperto il suo primo negozio in Italia, un tostapane di 25.000 piedi quadrati a Milano. Nonostante sia ispirata dalla cultura dei caffè italiani, la catena americana ha incontrato resistenze entrando nel Paese.

Starbucks ha impiegato 47 anni per aprire un negozio in Italia. Gli italiani prendono molto sul serio la loro cultura del caffè: è ricca di tradizioni, usanze e rituali. È normale ordinare un espresso, berlo velocemente al bancone mentre si chiacchiera con il barista e andarsene, a differenza dei negozi Starbucks, dove i clienti possono sedersi per un po’ a lavorare sul proprio laptop.

Quando Starbucks ha annunciato i suoi piani ufficiali per l’apertura a Milano, alcuni locali hanno rifiutato e alcuni manifestanti hanno dato fuoco a un mucchio di palme che Starbucks aveva piantato in Piazza del Duomo.

“Il nostro obiettivo con questo progetto è sempre stato quello di mostrare il nostro rispetto e la nostra gratitudine alla città di Milano, che ha fortemente ispirato Starbucks nel corso degli anni”, ha affermato la società. nella situazione attuale.

Per garantire una transizione graduale in un territorio inesplorato, l’azienda ha collaborato con un Brand Manager italiano e altre attività locali.

Nonostante le sfide, Starbucks ha battuto le probabilità in Italia e prevede di espandersi.

“Mi è piaciuto molto il caffè che ho bevuto lì… Ha un sapore proprio come il caffè italiano, e direi un buon caffè italiano”, ha detto Eva del Soldato, professore associato di studi italiani presso l’Università della Pennsylvania.

Guarda il video per saperne di più su come Starbucks si è adattato alla cultura italiana.

READ  La Casa Bianca risponde alla decisione della Russia di mettere in massima allerta le forze nucleari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.