Spettacolo mattutino: nemmeno a metà tempo

Uno sguardo al giorno successivo nei mercati europei e globali da Anshuman Daga

Mentre gli incontri sui tassi della banca centrale dall’Australia e dalla Gran Bretagna agli Stati Uniti tengono gli investitori al passo questa settimana, i mercati dovranno anche far fronte a importanti dati sull’inflazione e sull’occupazione.

Lunedì inizia con le stime sull’inflazione flash dell’Eurozona per ottobre, che dovrebbero rimanere elevate con un aumento del 10,2% su base annua.

Con la Banca centrale europea che ha appena introdotto il suo secondo aumento del tasso di 75 punti base (bps) per arginare le pressioni sui prezzi, le autorità sono disperate per vedere se le loro azioni stanno avendo l’effetto desiderato.

Il membro del Consiglio direttivo della Banca centrale europea Claes Knott ha dichiarato domenica che la prossima mossa della banca centrale a dicembre sarà probabilmente compresa tra 50 e 75 punti base.

“Non siamo ancora nella metà del tempo”, ha detto Knot in un’intervista al programma televisivo olandese Buitenhof, riferendosi alla battaglia della Banca centrale europea contro l’aumento dell’inflazione nell’eurozona.

Venerdì i costi finanziari dell’Eurozona sono aumentati dopo i dati sull’inflazione più forti del previsto da paesi come Francia, Germania e Italia.

Si prevede che le indagini presso le fabbriche all’inizio della settimana aumenteranno l’evidenza della debolezza della domanda globale.

Ma per gli investitori globali, la riunione della Federal Reserve di martedì e mercoledì sarà al centro della scena insieme ai dati sull’occupazione negli Stati Uniti di venerdì.

Lunedì le azioni asiatiche sono aumentate in base alle aspettative che la Federal Reserve allenterà i suoi previsti aumenti dei tassi di interesse dopo la riunione di questa settimana. La Federal Reserve sta per aumentare i tassi di interesse di 75 punti base mercoledì.

READ  Benetton e Blackstone si preparano a fare un'offerta per Atlantia a fine estate

I dati di venerdì scorso hanno mostrato che la spesa al consumo negli Stati Uniti è aumentata più del previsto a settembre mentre persistevano le pressioni sull’inflazione core.

Con una mossa che potrebbe aggravare la crisi alimentare globale, la Russia ha sospeso la partecipazione a un accordo mediato dalle Nazioni Unite per esportare il grano del Mar Nero, facendo salire i prezzi dei futures sul grano di Chicago del 5% lunedì.

Nel frattempo, Luis Inacio Lula da Silva ha sconfitto per un soffio il presidente Jair Bolsonaro nel ballottaggio di domenica, che ha segnato lo straordinario ritorno dell’ex presidente di sinistra e la fine del governo più di destra del Brasile da decenni.

Grafica Reuters
consumo personale

Principali sviluppi che potrebbero influenzare i mercati lunedì:

Dati economici: vendite al dettaglio tedesche per settembre, prestiti ipotecari nel Regno Unito per settembre, CPI dell’Eurozona per ottobre, PIL del terzo trimestre

Dati economici USA: Chicago PMI negli USA

Preparato da Anshuman Dagha

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.