Sovranità illimitata, con denaro dell’UE – EURACTIV.com

In vista delle elezioni anticipate in Italia del 25 settembre, EURACTIV Italia esamina più da vicino come la piattaforma del partito di Matteo Salvini si relaziona con l’Unione Europea.

Leggi l’articolo originale in italiano quaggiù.

La piattaforma presentata dalla Lega presenta una posizione nazionalista e anti-UE in linea con il fatto che il partito fa parte del gruppo di estrema destra Identità e Democrazia al Parlamento europeo e ignora la posizione pro-UE e filo-occidentale. Si è presentato per entrare nel governo del presidente del Consiglio Mario Draghi.

Tuttavia, il programma riafferma la partecipazione dell’Italia all’Ue e alla Nato, ma dedica solo tre delle sue 202 pagine all’Ue.

Nella sua piattaforma, l’associazione ritrae l’Unione Europea come una “realtà sempre più burocratica e distaccata” e punta specificamente alle politiche climatiche dell’UE – come Green Deal e Fit for 55 – che secondo il partito mirano al “Made in Italy” e ” pericoloso” marchio. sulla competitività delle imprese e sullo stile di vita dei cittadini italiani”.

Il programma non menziona la prossima generazione dell’UE ma solo parti del piano nazionale di ripresa, sebbene l’Italia sia il principale beneficiario di questi fondi.

Tuttavia, il partito afferma con coraggio che nessun governo italiano è stato in grado di influenzare le istituzioni dell’Unione europea negli ultimi vent’anni, anche se la Lega ha fatto parte del governo in molti di quegli anni e molti italiani, come ex Il presidente della Commissione Europea Romano Brody e il primo nell’Unione Europea. L’alto diplomatico, Federica Mogherini, ha conquistato i primi posti a livello dell’Unione Europea.

In termini economici, il programma manca anche di riferimenti alla moneta unica o all’Unione economica e monetaria, nonostante i negoziati sulla riforma del Patto europeo di stabilità, crescita e governance economica dovrebbero iniziare in autunno. Questa è stata una sorpresa poiché il capo dell’economia della Lega, Alberto Bagnai, e prima di lui Claudio Borghi, si sono opposti all’euro. Questa omissione potrebbe essere spiegata dal timore della Lega di perdere voti se fosse apertamente contraria all’euro, o che una tale dichiarazione potesse incidere sui mercati e quindi aumentare il debito pubblico – come avveniva quando l’Italia era sotto gli euroscettici – il primo critico Conte governo.

READ  Telecom Italia sta studiando opzioni per le società di cavi cloud sottomarini

Per quanto riguarda la guerra russa in Ucraina, la Lega chiede una conferenza di pace senza specificare se sostiene il mantenimento delle sanzioni contro la Russia o fornisce aiuti militari all’Ucraina insieme al resto dell’Unione Europea e della NATO.

Per quanto riguarda l’ampliamento dei poteri dell’Unione europea e la fine della procedura di voto all’unanimità, come proposto dalla Conferenza sul futuro dell’Europa, l’Associazione si dice favorevole al mantenimento del consenso e contraria all’aumento dei poteri e dei poteri dell’Unione europea Unione.

Per contrastare Usa, Cina e Russia, l’associazione afferma che non è necessaria un’azione congiunta con l’UE e invita invece l’Italia a rilanciare il suo ruolo “a tutela dell’interesse nazionale” – un concetto che il partito non definisce chiaramente nella sua piattaforma.

Tuttavia, alcune sezioni del programma, in particolare relative all’economia, implicano l’UE, in particolare il Piano nazionale per la ripresa e la resilienza, i Fondi strutturali dell’UE e i programmi dell’UE in generale, poiché sarebbero necessari per finanziare le proposte dell’Ateneo.

In quello che sembra un programma un po’ paradossale, l’associazione vuole che l’Italia ristabilisca la sovranità assoluta senza restrizioni dell’UE, ma considera comunque i fondi dell’UE necessari per attuare le sue proposte e propone persino di rafforzare la rappresentanza permanente dell’Italia a Bruxelles. Per creare un migliore coordinamento tra la rappresentanza, i ministeri, il Parlamento nazionale e i deputati italiani.

La Lega, insomma, disprezza l’Unione Europea, ma capisce tacitamente che l’Italia non può farne a meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.