Soumahoro: l’immigrato che può salvare la sinistra italiana | opinioni

Alla fine del mese scorso, la leader di Fratello d’Italia Giorgia Meloni è finalmente riuscita a mettere insieme un governo di coalizione, aggiungendo ufficialmente il suo paese alla lista sempre più ampia di paesi europei guidati dai populisti di estrema destra.

Nella copertura dell’ascesa al potere di Meloni, la maggior parte delle organizzazioni dei media italiane e internazionali si è comprensibilmente concentrata sulla loro apparente ammirazione per l’ex dittatore italiano Benito Mussolini e il leader di estrema destra ungherese Viktor Orbán, nonché sul sostegno dei loro partner nella presunta alleanza di Vladimir La Russia di Putin.

Tuttavia, ora che il governo Meloni è ufficialmente al potere, è urgente spostare il focus di questa conversazione e iniziare a parlare di chi dovrebbe guidare l’opposizione contro il governo di più destra del Paese dai tempi del Secondo Mondo. guerra.

Con il centrosinistra diviso e in perenne crisi, nessuno dei suoi leader noti sembra in grado di mettere insieme un efficace movimento di opposizione contro il governo di estrema destra.

Tuttavia, una persona progressista nel nuovo parlamento italiano ha una reale possibilità di far rivivere la sinistra italiana a lungo in stallo e formare un movimento di opposizione che potrebbe rappresentare una vera sfida per Meloni: il leader sindacale degli immigrati Abubakar Somahoro.

Somahoro, 42 anni, è un cittadino della Costa d’Avorio emigrato in Italia nel 1999, all’età di 19 anni, e sognava di costruirsi una vita migliore nel paese. Dopo aver dormito violentemente per qualche tempo per le strade di Roma, riuscì finalmente a superare molti ostacoli al successo degli immigrati in Italia, diventando cittadino italiano e laureandosi in sociologia all’Università di Napoli.

Nel giro di pochi anni dal suo arrivo in Italia, divenne anche un attivista aiutando gli immigrati privi di documenti, concentrandosi sullo sfruttamento dei lavoratori agricoli. Successivamente fondò un sindacato che rappresentava i lavoratori agricoli sfruttati. Attraverso questo sindacato, ha organizzato proteste contro il “caporalato”, un sistema illegale di esternalizzazione dei lavoratori ai capibanda. Queste esperienze lo hanno aiutato a rendersi conto che le politiche anti-immigrazione danneggiano non solo gli immigrati, ma tutti i lavoratori e lo hanno incoraggiato a candidarsi.

READ  Biden vende il G7 sulle tasse globali, ma il Congresso è un ostacolo

Nelle elezioni del 25 settembre, ha vinto un seggio in Parlamento con il biglietto del partito Verde e Sinistra, diventando l’unico politico nero in Parlamento dominato dai nazionalisti di estrema destra. Nel suo primo intervento in Parlamento, sottolineando le sue radici di immigrato, Meloni ha ricordato che “non si nasce solo italiani, ma si diventa anche italiani”, e ha ribadito la sua intenzione di usare la sua nuova posizione per parlare a nome dei poveri e degli svantaggiati.

Ciò che distingue Somahoro dagli altri esponenti di sinistra in Parlamento e lo rende il candidato ideale per guidare l’opposizione contro il governo Meloni non è solo che è un sindacalista immigrato e attivista di sinistra che incarna tutto ciò che questo governo si oppone e cerca di distruggere, ma è sembra anche capire come il populismo possa aiutare a combattere il fascismo in Italia. .

Tra la fine del XX e l’inizio del XXI secolo, in tutta Europa iniziarono a emergere governi tecnocratici progettati per difendere lo status quo neoliberista di fronte alle minacce delle ideologie di sinistra e di destra. Contro le politiche attuate da questi lontani tecnocrati – che hanno portato a un aumento senza precedenti delle disuguaglianze sociali ed economiche in molti paesi – vari movimenti populisti hanno cominciato a emergere in tutto il continente. Il populismo, una strategia politica che unisce le persone attorno a paure, frustrazioni e desideri condivisi, si è dimostrato vincente in molti contesti, principalmente perché ha offerto un ritorno alla politica in cui i leader formano un rapporto diretto e personale con le masse.

L’establishment neoliberista stava dipingendo tutti i tipi di populismo, sia di sinistra che di destra, con lo stesso pennello, considerandolo antidemocratico e dannoso per i migliori interessi dei popoli d’Europa. Tuttavia, il populismo non è né intrinsecamente antidemocratico né dannoso per gli interessi del popolo. Il populismo è sempre stato un punto fermo della politica democratica e oggi, nell’era dei social media, sembra fornire risultati più rapidi e completi che mai.

READ  L'Italia punta su jet di attacco informatico in stile americano

Pertanto, la domanda che dobbiamo affrontare oggi non è se il populismo abbia un posto nella politica democratica, ma quale tipo di populismo preferiremmo dominare l’arena politica: il populismo di destra di Marine Le Pen e Victor Orbán volto all’unificazione. Masse arrabbiate contro gli immigrati oi populisti di sinistra di Jean-Luc Mélenchon e Bernie Sanders che mirano a creare un fronte unito contro le multinazionali e altre forze distruttive della globalizzazione neoliberista.

L’establishment neoliberista, che ha spinto il mondo nella crisi che sta attraversando, non sarà in grado di contrastare l’ascesa del populismo di estrema destra attraverso le sue politiche che aumentano la disuguaglianza e alimentano la polarizzazione. Forse l’unico modo per fermare la rinascita del fascismo attraverso il populismo di destra in molti paesi occidentali è sostenere progetti populisti di sinistra rivolti sia alle forze fasciste che neoliberiste.

Così, anche in Italia, il modo migliore per sconfiggere il populismo di estrema destra Meloni – che presenta immigrati, comunità gay e femministe come nemici contro i quali gli italiani devono unirsi – è attraverso il populismo di sinistra, e Somahoro sembra saperlo bene.

Somahoro dice non solo che parla a nome dei poveri e dei diseredati, ma che invita le masse in modo populista a riscoprire il loro legame emotivo con la politica – la cui perdita è la ragione principale alla base della crisi delle democrazie rappresentative e istituzioni politiche.

Nel suo libro Humanism in Revolution: Our Struggle for Work and the Right to Happiness, ha esposto i principi ideologici del suo progetto politico. Sottolinea un legame tra lavoro, felicità e le nostre condizioni esistenziali che possono aiutare a mobilitare i lavoratori sottopagati sotto l’ombrello di sinistra. Aggiunge che questo legame può essere stabilito solo se la sinistra ripristina un “attaccamento emotivo alla società”.

Nei suoi discorsi difende spesso i lavoratori sfruttati ed esprime le preoccupazioni dei cittadini comuni. Utilizza anche simboli emotivi per comunicare con il pubblico. Ad esempio, ha indossato abiti infangati davanti al Parlamento il suo primo giorno da legislatore per ricordare alla gente i suoi umili inizi come contadino immigrato e per segnalare la sua sensibilità alle lotte dei lavoratori italiani.

READ  L'exchange di criptovalute Binance in un grande attacco magico con i regolatori: ecco cosa dicono due esperti dovrebbe accadere

Nonostante il suo apparente desiderio di instaurare un rapporto personale con l’elettorato, a Soumahoro non piace parlare per se stesso. Sottolinea che “parlare di “noi” è più importante di “io”, chiarendo che pensa che la politica italiana sia molto personale. In essa include non solo i lavoratori e gli immigrati – persone con cui simpatizza facilmente – ma tutti i gruppi chi si aspetterebbe di soffrire all’ombra dell’attuale leadership, come femministe, ambientaliste e comunità LGBTQ.

Definisce la politica “prima gli italiani” di Meloni come una manipolazione della crisi degli immigrati a scopo elettorale e afferma che fallirà perché “mettere gli italiani al primo posto non solleverà 5,6 milioni di italiani dalla povertà”. Ma si rifiuta di prendere di mira semplicemente Meloni e insiste nell’analizzare come la sinistra italiana ignori i problemi di molti gruppi – come braccianti, domestici e fattorini – solo perché gli fa comodo. Spiega che la sinistra è “bloccata nella logica dell’opportunità politica”. “Ma questa è la logica sbagliata, non dovremmo cambiare le cose per rimanere in posizioni di forza, dovremmo rimanere in posizioni di forza per cambiare le cose”.

Oggi l’Italia ha un disperato bisogno di un’opposizione che possa contrastare le politiche nazionali di Meloni. Soprattutto, il paese ha bisogno di un’opposizione che possa entrare in contatto con le masse e dare loro un motivo per fidarsi e sostenere ancora una volta la sinistra. Somahoro, in quanto sindacalista e politico immigrato di talento che comprende il valore del populismo, è la persona migliore per costruire quell’opposizione.

Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.