“Sono isolato dalla mia famiglia”: la comunità russa in Finlandia critica la chiusura delle frontiere

La decisione di Helsinki di chiudere quattro dei nove valichi di frontiera del paese con la Russia per arginare il flusso di migranti e rifugiati non registrati verso la Finlandia colpisce i residenti con parenti in Russia. Durante una protesta nella capitale, la gente ha espresso preoccupazione per la nuova “cortina di ferro”.

annuncio

Diverse centinaia di manifestanti, tra cui russi che vivono in Finlandia e con doppia cittadinanza, hanno cantato “aprite le frontiere” durante una manifestazione davanti al parlamento a Helsinki sabato, dopo che alcuni posti di blocco con la Russia sono stati chiusi a mezzanotte di venerdì.

Molte persone hanno affermato che la decisione renderebbe loro difficile raggiungere i parenti in Russia.

Vera Ponamoreva, residente a Helsinki, che ha la doppia cittadinanza, ha detto di essere preoccupata di non potersi prendere cura dei suoi genitori anziani che vivono a San Pietroburgo.

“Mi sento isolata dalla mia famiglia”, ha detto.

“Sono molto preoccupata, e anche loro (i suoi genitori) sono molto spaventati. Tutti ricordano, anche io ricordo cos’è la cortina di ferro. È molto spaventoso tornare a questo.”

Pavel Miakkinen, con doppia cittadinanza, ha detto di essere preoccupato che sua madre non possa fargli visita, perché attraversare i valichi di frontiera aperti nel nord della Finlandia sarebbe un viaggio lungo e costoso.

Sebbene i manifestanti abbiano affermato di sostenere il diritto del Paese a rendere sicuri i propri confini, non credono che le chiusure saranno efficaci nel fermare gli immigrati clandestini.

Le guardie di frontiera nella regione sud-orientale hanno affermato che le richieste di asilo sono in realtà diminuite. Venerdì sono stati segnalati 176 richiedenti asilo e due sabato.

READ  La falsa ereditiera Anna "Delphi" Sorokin afferma di aver ottenuto "esattamente quello che volevo" con il rilascio dalla prigione | Notizie dagli Stati Uniti

“Oggi abbiamo goduto di completa calma perché i nostri valichi di frontiera sono stati chiusi a mezzanotte”, ha detto Jukka Lokari, vice comandante del distretto delle guardie di frontiera sud-orientale.

Ha aggiunto che sul lato russo si trovavano piccoli gruppi di migranti, ma a causa della chiusura dei valichi di frontiera non è stato loro permesso di entrare.

Il confine terrestre tra Finlandia e Russia, che funge da confine esterno dell’UE, si estende per 1.340 chilometri, per lo più attraverso le fitte foreste del sud, fino all’aspro paesaggio dell’Artico settentrionale.

Helsinki accusa Mosca di “indirizzare” i migranti verso i suoi valichi, in risposta al rafforzamento delle relazioni di difesa tra il Paese e gli Stati Uniti.

Il Cremlino nega queste accuse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *