Soldati ucraini incalliti si dedicano alle battaglie di strada mentre sopportano “l’inferno” a Mariupol

Russia e Ucraina hanno deciso di stabilire diversi corridoi umanitari durante la guerra per consentire l’evacuazione dei civili dalle città e hanno condiviso la colpa quando le evacuazioni sono fallite.

Sabato il consiglio comunale di Mariupol ha dichiarato che 10 autobus vuoti si stavano dirigendo a Berdyansk, una città a 84 chilometri (52,2 miglia) a ovest di Mariupol, per raccogliere le persone che sono riuscite ad arrivarci da sole.

I funzionari della città hanno detto che circa 2.000 persone sono riuscite a lasciare Mariupol venerdì, alcuni su autobus e altri con le proprie auto. Le persone che sono riuscite a sfondare le linee russe per raggiungere Zaporizhia hanno descritto il loro viaggio come un calvario durante il quale i soldati russi li hanno ripetutamente fermati per verificare la presenza di combattenti ucraini.

“Hanno spogliato gli uomini e hanno cercato i tatuaggi”, ha detto Dmytro Kartafov, un operaio edile di 32 anni.

Un altro gruppo ha detto di essere stato fermato circa 17 volte ai posti di blocco russi mentre uscivano da Mariupol.

Un’altra, Tamila Mazurenko, ha detto di essere fuggita da Mariupol lunedì e di essere arrivata a Berdyansk quella notte, ma ha dovuto aspettare fino a venerdì per un altro autobus in poi, trascorrendo una notte dormendo in un campo.

“Ho solo una domanda: perché?” Ha parlato della difficile situazione della sua città. “Vivevamo solo come persone normali. E le nostre vite normali sono state distrutte. E abbiamo perso tutto. Non ho lavoro, non riesco a trovare mio figlio”.

READ  Alexei Navalny: il critico di Putin perde l'appello | notizie dal mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.