Slow Food Heroes: cucinare per chi ha bisogno

Francesco e Hugo, due amici dall’Italia, possiedono un ristorante a Bruxelles chiamato Racine. Durante la prima chiusura, hanno dovuto chiudere la loro attività a tempo indeterminato, come molti altri in città. Una volta passato lo shock, hanno deciso di dare una mano alle organizzazioni locali e hanno iniziato a cucinare per i bisognosi.

Siamo Hugo e Francesco, veniamo dall’Italia, e siamo arrivati ​​in Belgio circa 8 anni fa per aprire il nostro ristorante Racines a Bruxelles. Seguiamo il movimento Slow Food da vent’anni e basiamo il nostro approccio al cibo sulla filosofia Slow Food.

Offriamo carne che non proviene da manzo, ma da vecchie mucche allevate in Belgio e non ne acquistiamo in grandi quantità. Abbiamo deciso di fare l’opposto di quello che di solito ci si aspetta, ovvero le verdure sono il piatto principale e la carne il contorno. Ci vuole tempo perché i clienti si abituino, ma ci arriviamo. Per quanto riguarda il pesce, acquistiamo solo pesce pescato in modo sostenibile lungo le coste belghe da piccoli pescatori. Inoltre, non diamo più ai nostri clienti la possibilità di scegliere cosa mangeranno. Quando vengono nel nostro ristorante, devono solo sedersi e lasciarsi stupire. Questo ci permette di essere più creativi e di ridurre significativamente gli sprechi alimentari.

Quando è iniziato il primo lockdown (marzo 2020), abbiamo dovuto chiudere per settimane e ci siamo ritrovati con enormi quantità di avanzi di pasta fresca. Abbiamo deciso di contattare un’organizzazione locale chiamata “Il Martelletto”, un gruppo che combatte gli sprechi e la precarietà dei mezzi di sostentamento, e ha un negozio di alimentari per i bisognosi che portano lì il loro cibo gratuitamente. Quando il COVID19 ha colpito, molti lavoratori del settore della ristorazione sono rimasti senza nulla, poiché a tutti i bar, caffè e ristoranti è stato detto di chiudere a tempo indeterminato. In quel momento, l’organizzazione iniziò ad aiutare circa 150-200 famiglie i cui membri lavoravano nel settore della ristorazione.

READ  Un costruttore navale italiano ha annunciato un cantiere navale da 150 milioni di dollari nello Yucatan

In Racines abbiamo avuto la fortuna di continuare a fare bene durante il lockdown. Abbiamo iniziato a preparare menu da asporto che erano molto popolari, ma sapendo che 200 dei nostri colleghi in tutta Bruxelles non hanno avuto la stessa fortuna, abbiamo deciso di aiutarli in ogni modo possibile. Abbiamo iniziato a realizzare scatole di pasta fresca che “la javelle” si possono dividere tra tutte le famiglie. Non ci guadagniamo nulla, è stato tutto volontario che il nostro team ha felicemente accettato. In tutto abbiamo prodotto 25 kg di pasta fresca (equivalenti a 175 porzioni) per “No Javel”.

Successivamente, abbiamo anche partecipato a un progetto di solidarietà con un’altra organizzazione chiamata “Non sprecare altro, che aveva una partnership conNutri la cultura“, un’organizzazione che fornisce agli artisti cibo di emergenza e prodotti di prima necessità. Anche il settore artistico ha sofferto così tanto della pandemia che ha ridotto drasticamente le sue fonti di reddito. Avevano bisogno di pasti cucinati, quindi abbiamo iniziato a fare 150 porzioni a settimana durante entrambi gli arresti.

A quel tempo, furono creati diversi movimenti di solidarietà in tutta Bruxelles. Molte associazioni, ristoranti e privati ​​si sono attivati ​​per aiutare coloro che sono stati duramente colpiti dalle restrizioni COVID19. Siamo stati felici di vedere.

Perché abbiamo aiutato queste organizzazioni? Bene, entrambi abbiamo attraversato un periodo difficile e frustrante durante il nostro blocco iniziale e abbiamo sentito il bisogno di fare qualcosa di significativo. Prima del COVID19, le nostre vite erano come un treno che viaggia a 500 km/h e non ci prendevamo il tempo di fermarci a guardarci intorno. Improvvisamente tutto si è fermato ed è stato uno shock enorme. Avevamo bisogno di nutrire le nostre menti e le nostre anime e ci sentivamo bene per aiutare a nutrire le persone che ne avevano più bisogno, quindi la vittoria è stata positiva per tutti.

READ  18 paesi sono stati in grado di ridurre le emissioni, far crescere l'economia

Lo faremo sicuramente di nuovo, ma il COVID19 ha reso difficile assumere nel settore della ristorazione, quindi in questo momento siamo a corto di personale. È un lavoro duro e non siamo mai sicuri per quanto tempo ci sarà concesso di rimanere aperti, quando o se verrà imposta la prossima chiusura, molte persone hanno cambiato percorso professionale.

Il nostro unico consiglio ai ristoratori che vogliono aiutare le organizzazioni solidali è di non esitare a metterci in contatto con loro, hanno sempre bisogno di aiuto e volontari. Sappiamo che non è sempre facile trovarlo quando non sai dove cercare, quindi ti suggeriamo di esplorare i social media. Solo per fare un esempio, abbiamo trovato “No Javel” tramite Instagram.

Dai un’occhiata a “Racine” sito web o seguili Instagram, per un’esperienza da leccarsi i baffi!
Per coloro che vivono a Bruxelles e vorrebbero dare una mano, controlla le seguenti organizzazioni:

Slow Food Heroes è un progetto finanziato di Fondazione Europea della Culturae con Contributo alla Fondazione CRC.
  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • si No

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.