Sintomi di demenza: i primi segni possono includere costipazione

Si prevede che il numero di persone affette da demenza supererà i 130 milioni entro il 2050. Ciò potrebbe portare il numero totale di casi nel Regno Unito a due milioni. Sebbene la condizione non sia reversibile, rilevare precocemente i segnali di allarme può consentire una migliore preparazione. Gli esperti hanno ora identificato un nuovo potenziale fattore che potrebbe precedere il deterioramento del cervello fino a due decenni.

Un nuovo studio, pubblicato su The Lancet, ha identificato la stitichezza come uno dei primi fattori a segnalare l’inizio del declino cognitivo, che compare anni prima.

Altre condizioni associate a una diagnosi successiva del morbo di Alzheimer possono includere ansia, costipazione, perdita di peso anormale, reazione a stress estremo, perdita dell’udito, disturbi del sonno e spondilosi cervicale (un tipo di artrite), secondo lo studio.

Katie Bray, Ph.D., ha dichiarato a Medical News Today: “Malattie come l’Alzheimer possono iniziare nel cervello fino a due decenni prima che inizino a comparire i sintomi.

“È difficile sapere come queste condizioni potrebbero contribuire alla progressione della malattia o se potrebbero anche essere sintomi molto precoci”.

Per saperne di più: Demenza: “Uno dei primi cambiamenti” prima della perdita di memoria – potrebbe segnalare il morbo di Alzheimer

I ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche di un gruppo di oltre 20.000 malati di Alzheimer nel Regno Unito e di oltre 19.000 malati di Alzheimer in Francia.

Alcune delle condizioni di cui sopra sono già state riconosciute come fattori di rischio per la demenza; Vale a dire, perdita dell’udito, depressione e disturbi del sonno.

Ma la stitichezza non è stata precedentemente identificata come un fattore di rischio per il morbo di Alzheimer.

READ  La capsula Boeing atterra sulla Terra dopo aver ricattato lo spazio

Thomas Nedelk, uno dei primi autori dello studio, ha osservato che “i collegamenti effettuati ci hanno permesso di confermare associazioni note, come problemi di udito o depressione, e altri fattori sconosciuti o sintomi precoci, come spondilosi cervicale o costipazione”.

non perdere

“Rimane la domanda se i problemi di salute che sperimentiamo siano fattori di rischio, sintomi o segnali di pericolo di malattia”.

Gli autori dello studio hanno concluso il loro articolo con la seguente dichiarazione: “I nostri risultati consentono di modellare potenziali percorsi per i fattori di rischio in vista della diagnosi del morbo di Alzheimer, fornendo nuove informazioni sulle potenziali finestre di prevenzione”.

Le cause più comuni di stitichezza includono la mancanza di fibre alimentari nella dieta, nonché un’assunzione insufficiente di liquidi o un movimento alterato.

Come evitare il morbo di Alzheimer

Il rischio di declino cognitivo aumenta notevolmente con l’età, ma i ricercatori ritengono che determinate abitudini possano ritardare questo declino cognitivo.

L’infiammazione di basso grado nel corpo è un fattore importante nella malattia, ma fortunatamente l’esercizio fisico può contrastarlo.

L’esercizio si rivolge alla corteccia prefrontale, la parte del cervello che regola il processo decisionale e la personalità.

Ma porta anche alla produzione di nuove cellule cerebrali nell’ippocampo, aumentando così le sue dimensioni e mantenendo la memoria.

Le attività cognitive possono anche fare una differenza significativa nello sviluppo del morbo di Alzheimer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.