siena: Una foto virale aiuta a portare in Italia una famiglia di profughi siriani

Siena, Italia: un uomo che ha perso una gamba in un bombardamento in Siria ha lasciato suo figlio volare in aria ed essere nato senza arti, un’altra vittima della guerra civile nel Paese – una foto premiata è diventata virale in Italia lo scorso anno.
Venerdì, l’uomo nella foto, Munzeer El Nessel, e suo figlio Mustafa li hanno portati in Italia dopo un notevole sforzo da parte degli organizzatori dei Siana International Photo Awards. Famiglia Dalla Turchia, sono fuggiti dopo la Siria. “Stiamo arrivando, grazie”, ha detto Mustafa, sei anni, con un ampio sorriso, in un videomessaggio registrato prima di salire sull’aereo ad Ankara, in un video di lui e della sua famiglia: padre, madre e i suoi due sorelle – di uno e quattro anni. Giovedì volo per l’Italia. “Amiamo l’Italia”, ha detto.
La foto di Mustafa e suo padre con un sorriso affettuoso è stata scattata dal fotografo turco Mehmet Aslan nel gennaio 2021 ed è stata chiamata “Trouble of Life” ed è stata dichiarata la Fotografia dell’anno ai Cyan Awards dello scorso anno. Il film emozionante e scioccante ha fatto notizia in Italia e si è diffuso a livello internazionale sui social media, spingendo gli organizzatori del festival ad agire e lanciare una campagna di raccolta fondi per curare padre e figlio.
Mustafa e suo padre hanno contattato gli organizzatori del festival, gli ambasciatori a Siena, gli ospedali, i centri di riabilitazione e la diocesi cattolica per ricevere cure e protesi, per gestire la famiglia siriana. “Questa foto va oltre ogni immaginazione”, ha affermato Luca Venturi, l’ingegnere che ha fondato sei anni fa il premiato Siena Photo Festival. “Pensavamo di poter andare oltre la paura di non poter fare nulla per questa famiglia”. Come tutti i paesi, l’Italia può rilasciare visti per motivi umanitari, ma i rifugiati devono essere finanziati da un’organizzazione locale che si occupi delle pratiche burocratiche e fornisca assistenza finanziaria. Dopo il successo dell’impegno per finanziare l’incontro, l’organizzazione no-profit che gestisce il festival fotografico ha deciso. Finanziamenti per la famiglia siriana. “Era un grande sogno per tutti”, ha detto Venturi. Il 33enne ha utilizzato Google Translate per comunicare in arabo con il padre di tre bambini e si è avventurato in contatti regolari con El Nesel tramite WhatsApp.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.