Si ritiene che la star del rugby league dello Yorkshire sia morta per un “infarto correlato alla droga” in una stanza d’albergo italiana

Il due volte vincitore della Challenge Cup Ricky Pepe, 40 anni, è stato trovato dalla polizia nelle prime ore del 16 luglio al Continental Hotel di Firenze. Si era recato in Italia il 15 luglio con una donna di 43 anni che si credeva fosse la sua compagna, ha detto il 24 agosto il Coroners Court di Rochdale.

La donna accanto a lui è stata trovata gravemente ferita e portata all’ospedale Karigi per le cure, ed è stata ascoltata. Alla corte è stato detto che l’autopsia non aveva ancora fornito la causa medica del decesso, mentre i risultati dell’autopsia eseguita in Italia non erano ancora stati ricevuti.

Ma l’ufficiale forense Bernadette Hutton ha raccontato di come la polizia italiana sia stata chiamata in hotel dove ha trovato Bibi “sdraiato sul pavimento e non rispondeva”. La corte ha sentito che le autorità italiane avevano notificato al padre di Bibi che soffriva di “apnea” che “potrebbe essere correlata alla droga”.

Ricky Baby. (Foto: Wakefield Trinity)

L’indagine ha sentito che la polizia della Greater Manchester sta indagando sull’incidente. L’assistente medico legale Matthew Cox ha rinviato le indagini e un’indagine completa sulla morte di Bibi sarà condotta in un secondo momento.

Bibey, un ex giocatore, ha vinto due volte la Rugby League Challenge Cup nella sua carriera prima con i Wigan Warriors nel 2002 e poi con l’arcirivale St Helens nel 2004. La sua carriera lo ha visto anche rappresentare il Wakefield Trinity in Super League, il massimo campionato sportivo, e ha tenuto tre incantesimi a Leigh Centurions.

Al momento della sua morte, viveva a Oldham ed era un lavoratore autonomo, gestiva un’attività di pulizia dei vetri.

Dopo la sua morte, il suo compagno di squadra, l’attuale manager per la cura dei giocatori di Leigh Centurions, Ste Maden, ha dichiarato: “Ricky era un esemplare d’attacco senza fronzoli. Era un grande giocatore con cui giocare e anche un grande ragazzo, la vita e l’anima della festa. Ricky non ha mai temuto nessuno sul campo da rugby, ha sempre fatto gli spazi difficili quando ne avevi bisogno e non ha mai evitato una sfida.

“Questo è ciò che lo ha reso un giocatore così popolare con i suoi compagni di squadra perché era così solidale con tutti, ha lasciato tutto in campo. Era anche un giocatore di talento e ha giocato molto”.

Il proprietario di Leigh Centurions, Derek Beaumont, ha detto di Bibey: “Ricky era un ragazzo grosso con un grande cuore”.

READ  Angelo Ogbonna potrebbe saltare il resto della stagione a causa di un infortunio al West Ham | Squadra del West Ham United

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.