Settimana introduttiva dell’International Volleyball Hall: Silvano Brandi dall’Italia

È la settimana della presentazione all’International Volleyball Hall of Fame di Holyoke, Massachusetts. Sei di coloro che si uniranno si uniranno ai 161 ex giocatori, allenatori, amministratori e capitani provenienti da 25 paesi che sono già stati premiati presso il museo, considerato la culla della pallavolo. Abbiamo storie su tutti e sei, a cominciare da Silvano Brandi dall’Italia:

Può essere difficile da credere adesso, ma l’Italia non è sempre stata una potenza nella pallavolo maschile.

Gli italiani finirono ottavi alle Olimpiadi del 1976 e noni alle Olimpiadi di Mosca del 1980 colpite dal boicottaggio.

Ma tutto questo prima che entrasse in scena Silvano Brandi.

Nel 1982, Brandi ha allenato la nazionale italiana e due anni dopo la squadra di Los Angeles “Bel Pais” ha vinto la sua prima medaglia olimpica, un bronzo.

Per questo e molti altri successi, Brandy, 75 anni, un illustre allenatore di pallavolo, è ora membro dell’Ultimate Club e membro inserito della International Volleyball Hall of Fame.

È il sesto italiano ad essere premiato, e solo il secondo allenatore (Julio Velasco è l’altro) di quel Paese.

Dopo aver appreso del suo onore, Brandy ha dichiarato: “Durante i miei 47 anni di carriera ai massimi livelli, ho assistito a moltissimi momenti emozionanti. Quello nella Hall of Fame è sicuramente uno dei più straordinari.

Silvano Brandi

Brandy La sua influenza sullo sport è così evidente che almeno 10 dei giocatori che ha allenato lo hanno preceduto in sala, inclusi alcuni dei più grandi nomi della storia dello sport: Dimiter Zlatnov, Craig Pak, Giovanni Gavio, Nalbert Betancourt, Giba, Vladi , Nikola Grbic, Lorenzo Bernardi e Samuel Papi e Andrea Gardini.

READ  Sei Nazioni Femminili 2024: Italia-Inghilterra 0-48 - Le Rose Rosse conquistano punti bonus nonostante il cartellino rosso di Sarah Beckett

Tuttavia, nessuna di queste icone è citata come il miglior giocatore che Brandy abbia mai allenato. Questo onore va all’incomparabile opposto della Spagna Rafael Pascual (gli elettori dell’IVBH 2024 ne prendano nota).

“Perché oltre ad essere un grande atleta è stato sempre un grande esempio anche per i suoi compagni”.

Questa citazione rivela l’essenza del Brandy. Soprattutto, valorizza quegli intangibili che fanno grande una squadra.

All’inizio dei suoi giorni da allenatore, Brandy si guadagnò il soprannome di “Il Professore”, poiché iniziò la sua carriera insegnando educazione fisica nelle scuole pubbliche. Il soprannome rimase, e per una buona ragione. Allenare tutti quei talenti di alto livello, convincerli ad ascoltare ed esibirsi, è di per sé un lavoro di alto livello.

Allora, qual è la salsa segreta?

“Non ho mai smesso di voler imparare confrontandomi costantemente con allenatori, giocatori e chiunque potesse insegnarmi qualcosa”, ha detto Brandy. C’è anche qualcos’altro che spiega il suo successo, qualcosa di più profondo.

“Sono nato con la passione di insegnare e vedere i giovani migliorare.”

Anche a 75 anni, Brandy allena ancora ai massimi livelli di questo sport. Dal 2015 è il capitano del Chaumont Volley-Ball 52 nella Ligue 1 francese. L’americano Joe Worsley è uno dei giocatori chiave di questa squadra.

Anche Brandy non era un tipo trascurato come giocatore. Si è guadagnato per molti anni un ruolo di punta nel club italiano, prima con il Piemonte Vole (1960-1969) e poi con il Palavolo Torino (1969-1972).

La carriera da allenatore di Brandi, durata 47 anni, è iniziata con il Pestefani Torino nel 1976. Rimase con loro fino al 1987, con brevi pause per allenare la nazionale italiana, culminate con una medaglia di bronzo olimpica nel 1984.

READ  World Games 2022: le migliori donne negli sport aerei

“È stato un grande risultato”, ha detto Brandy. “L’Italia non ha mai vinto una medaglia olimpica, il che è un grande sollievo anche per me!”

Dal 1988, Brandi ha lasciato il segno in molti top club italiani, tra cui nomi famosi come Charro Esperia Padova, Tnt Alpitour Cuneo, Lube Banca Marche Macerata, Estense 4 Torri Ferrara, Itas Diatec Trentino e Bre Banca Lannutti Cuneo.

Nel 2008, Brandi è stato nominato allenatore della nazionale bulgara, dove è rimasto fino al 2010. Sotto la sua guida, i bulgari hanno conquistato una medaglia di bronzo ai Campionati Europei del 2009, uno dei migliori piazzamenti che il paese abbia mai ottenuto a livello continentale e mondiale. concorrenza. . È tornato brevemente anche come allenatore della Bulgaria dal 2019 al 2021.

Nonostante il successo a livello internazionale, a Brandy piace soprattutto allenare le squadre del suo club.

“Nei club ci si allena più a lungo e si ha una maggiore influenza sulla crescita dei giocatori”, ha detto, offrendo la risposta naturale di un uomo noto come “Il Professore”.

Brandy ha citato l’ex CEO di USA Volley e allenatore vincitore della medaglia d’oro olimpica nel 1984 Doug Bell come la sua stella polare.

“Ho imparato da molte persone, ma il mio più grande modello è stato Doug Bell”, ha detto Brandy. “Ha cambiato il mio modo di intendere la pallavolo”.

Molte cose sono cambiate nel mondo in generale e nella pallavolo in particolare nell’ultimo mezzo secolo. Brandy ha visto tutto. Ma quali cambiamenti ha visto nei suoi giocatori in quell’epoca?

“I cambiamenti erano per lo più mentali”, ha detto. “I giocatori hanno capito che noi allenatori gli diamo la bici, ma sono loro che devono pedalare più forte se vogliono vincere!”

READ  Il Leicester ha confermato la nomina a sorpresa dell'assistente di Pep Guardiola, Enzo Maresca, come nuovo allenatore
Cerca le storie di questa settimana sulla quattro volte medaglia d’oro olimpica e olimpionica Phil Dalhauser (USA, giocatore di spiaggia); Due volte medaglia olimpica e cinque volte campione del FIVB World Tour Larissa France Maestrini (Brasile, giocatore di spiaggia); Tre volte medaglia olimpica e palleggiatore creativo con una carriera ventennale Katsutoshi Nekoda (Giappone, attore interno); Quattro volte olimpionico e tre volte medaglia olimpica Yumilka Ruiz (Cuba, giocatore indoor); Direttore di lunga data di varie federazioni nazionali e internazionali e primo membro a rappresentare la Thailandia nella IVHF, Chanrit Wongprasert (Thailandia, leader).
Clicca qui per informazioni sul ticket Se non partecipi alle cerimonie, verranno trasmesse su IVHF.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *