Serbia e Kosovo raggiungono un accordo sulla libera circolazione | Serbia

Il capo della politica estera dell’Unione europea ha annunciato sabato che Serbia e Kosovo hanno concordato un accordo per la libera circolazione tra i loro paesi.

Josep Borrell ha affermato che la Serbia ha accettato di annullare il documento di ingresso e di uscita per i titolari di carta d’identità del Kosovo e il Kosovo ha accettato di non fornirlo ai titolari di carta d’identità serbi.

L’accordo ha fatto seguito ai colloqui a Bruxelles all’inizio di questa settimana tra il primo ministro del Kosovo Albin Kurti e il presidente serbo Aleksandar Vucic, presieduto da Borrell.

Petar Petkovic, capo dell’ufficio della Serbia in Kosovo, ha accolto con favore l’accordo sulla libertà di movimento.

“Siamo riusciti a garantire la pace e la stabilità nel territorio del Kosovo e la conservazione delle carte d’identità serbe” per i serbi “che vivono in Kosovo” e quindi anche la presenza dello Stato serbo su questi territori”, ha affermato.

A Pristina, Kurti ha detto: “Le soluzioni alla normalizzazione devono includere la reciprocità, perché le relazioni di buon vicinato significano questo”.

La Serbia è profondamente risentita per lo status separatista del Kosovo e non ha mai riconosciuto la sua indipendenza. I serbi nel nord del Kosovo si sono rifiutati da tempo di riconoscere l’autorità di Pristina e sono rimasti in gran parte fedeli al governo serbo di Belgrado.

L’incontro di Bruxelles è stato chiamato per cercare di disinnescare l’ostilità tra i vicini balcanici che nelle ultime settimane ha portato a violenti incidenti nel nord del Kosovo.

Kurti e Vucic hanno anche incontrato il vicesegretario di Stato aggiunto in visita degli Stati Uniti, Gabriel Escobar, a Bruxelles alla fine di mercoledì, e Borrell ha ringraziato gli Stati Uniti per il loro sostegno ai colloqui.

READ  Il video virale mostra il fumo che sale da un alligatore che mangia droni in Florida

“Ma questo lavoro sulla libertà di movimento non è ancora finito”, ha detto. “Ci sono dei problemi in sospeso”.

“Mi aspetto che entrambi i leader continuino a mostrare pragmatismo e costruttività per risolvere il problema con le loro targhe”, ha aggiunto.

Un altro punto di tensione tra i due paesi è stato sulle targhe dei veicoli che Pristina ha imposto in tutto il Kosovo, anche per la minoranza serba che vive nel nord.

Vučić ha detto sabato mattina che il problema della carta d’identità era un “piccolo problema”, ma che la prima targa era “molto più complicata”.

La maggioranza etnica albanese del Kosovo ha combattuto contro le forze serbe nel 1999 con il supporto degli aerei da guerra della NATO.

Nel 2008 ha dichiarato la sua indipendenza, riconosciuta dalla maggior parte ma non da tutti gli Stati membri dell’UE.

Nuove violenze sono esplose alla fine di luglio nel Kosovo settentrionale, spingendo mercoledì il capo della NATO Jens Stoltenberg a dire che le 3.700 forze di pace della NATO dispiegate in Kosovo faranno il necessario per garantire un ambiente sicuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.