Sei Nazioni Rugby | Crowley vuole che l’Italia impari dalla paura del Portogallo

Assuri, che è entrato in partita dopo la vittoria del Guinness Sei Nazioni sul Cardiff Wales, è rimasto indietro per la maggior parte della partita e ha preso il comando solo nella morte.

Dopo i gol di Alessandro Fusco, Leonardo Marin, Eterdo Podovani, Gianmarco Luccesi e Serif Troy, la meta di rigore è stata una vittoria per gli spettatori, sesto tentativo dell’Italia nel pomeriggio.

DuPont ha vinto il titolo del Grande Slam per la Francia

Ma questo non è del tutto credibile e Crowley sa che la sua squadra ha bisogno di migliorare molto nelle prossime partite.

Ha detto: “Il Portogallo ha giocato molto bene, ha mostrato velocità sulla palla e fatto ottimi sforzi. Nel primo tempo, in particolare, ci siamo complicati la vita.

“Quando ero a capo del Canada, quando giocavamo contro una squadra della serie, l’obiettivo era mantenere bassa la pressione e vedere come avremmo potuto competere a questo livello. Il Portogallo ha avuto un enorme impatto sul gioco e ha costruito il suo slancio E abbiamo lottato per difendere la Fortezza della Fortuna: qualcosa che non poteva succedere di nuovo nei prossimi giochi.

All’inizio Samuel Marquez ha portato il Portogallo in vantaggio ai rigori, con un tentativo di rigore che avanza di dieci punti, mandando Leonardo Marin a Sin-Pin.

Fusco ha portato l’Italia nel girone prima che Marin tornasse a pareggiare, con solo Rodrigo Marta appena prima dell’intervallo con un vantaggio di 17-10 all’intervallo.

Thomas Appleton ha allungato quel vantaggio all’inizio del secondo tempo, ma l’Italia ha pareggiato 24-24 con Podovani e Lucci.

Il secondo tentativo di Marta aumenta le possibilità di una famosa sconfitta 15 minuti dopo, ma l’Italia finisce forte con Troy, poi concede una prova di rigore per uscire vittoriosa.

READ  Quanto mancano Benasser e Calhanoglu! Nessuna lamentela al Milan, aspetta

Il capitano Michael Lamaro ha aggiunto: Contro l’Uruguay ci sono state situazioni simili. Dobbiamo analizzare alcune azioni per capire come possiamo migliorare. Guardando indietro, posso dirti che scegliere di calciare potrebbe essere la decisione giusta per fare pressione sul tabellone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.