Sei Nazioni: l’Irlanda ha battuto l’Italia a 12 uomini 57-6

Irlanda (24) 57
Provare: Carbery, Gibson Park, Lowry 2, O’Mahony, Lowe 2, Bird, Treadwell contro: Carbery 2, Sexton 4
Italia (6) 6
penne: Padovani, Garbissi

Il nuovo arrivato Michael Lowery ha segnato due tentativi quando l’Irlanda ha condannato l’Italia a 12 uomini alla 100esima sconfitta del Sei Nazioni a Dublino.

I padroni di casa hanno giocato un vantaggio per i giocatori per 60 minuti dopo che la prostituta del sostituto italiano Hamm FIFA è stata espulsa a metà del primo tempo.

Il suo licenziamento ha provocato un dolore incontrastato, che ha costretto l’Italia a deporre un altro giocatore.

Gli ospiti hanno chiuso la partita con 12 giocatori dopo un cartellino giallo nel finale di Braam Steyn.

L’Irlanda ha sfruttato appieno il proprio vantaggio numerico, effettuando nove tentativi per aumentare la propria differenza punti dopo aver recuperato dalla sconfitta di Parigi due settimane fa.

Il doppio smacco di aver perso due giocatori dopo appena un quarto di gioco ha fatto sì che l’Italia non avesse mai sperato di evitare il triste traguardo di un secolo di sconfitte nel torneo.

Gli Azzurri sono rimasti senza vittorie nella competizione dal 2015 dopo aver perso le ultime 35 partite, mentre l’Irlanda ha rivolto la sua attenzione al Twickenham nell’arco di due settimane.

L’Italia si riduce a 13 uomini dopo l’apertura del quarto

La forma di entrambe le squadre nella competizione di domenica suggerisce che l’Italia ha poche possibilità di vincere. Ci sarebbero voluti ben 80 minuti per lasciare Dublino con una vittoria – 20 minuti dopo ci sarebbero voluti molti miracoli.

Dopo essere stata convocata per sostituire l’infortunato Gianmarco Lucchesi, la prostituta sostituta Fifa è apparsa in rosso per essere entrata in contatto con la testa di Dan Sheehan.

Senza nessun’altra prostituta a sostituire Faiva, l’arbitro Nika Amashukeli ha chiamato il suo scroto incontrastato. Essendo la squadra costretta a non litigare, l’Italia non solo ha perso Faiva ma ha dovuto nominare un altro giocatore (in questo caso il numero otto Toa Halafihi) per lasciare il campo.

Il cartellino rosso di Hame Faiva ha effettivamente posto fine alla partita come una gara dopo 20 minuti

La consapevolezza che la partita era finita come una competizione ha colpito immediatamente all’interno dell’Aviva Stadium. Peccato considerando che il primo trimestre dell’anno è stato abbastanza competitivo con l’offerta della difesa italiana tanto quanto buono.

Nonostante il tentativo di Joey Carbery al quarto minuto, l’Irlanda ha faticato a controllare la partita.

Con il vantaggio di avere due persone, era una storia diversa, e lo spazio da godersi non era più caro.

L’Irlanda ha segnato altri tre tentativi per assicurarsi il punto bonus prima dell’intervallo. L’applauso più forte è stato dedicato al nuovo arrivato Laurie, che ha mostrato il piede veloce che lo ha reso uno dei preferiti dalla folla dell’Ulster per farsi strada nello spazio prima di finire.

Anche Jamison Gibson Park e il capitano Peter O’Mahony hanno incrociato e l’Irlanda ha tenuto la partita nascosta nel primo tempo.

Gli irlandesi lottano per il ritmo in attacco

Data la situazione, nessuna delle due squadre può trarre vantaggio dal gioco, anche se l’Italia sarà contenta di come combatterà, mentre l’Irlanda saprà che è necessaria una prestazione offensiva più acuta se vuole lasciare Twickenham con una vittoria in due settimane.

L’Italia ha gareggiato con tenacia sul crollo e ha avuto l’occasione di segnare i primi punti del secondo tempo, solo per Paolo Garbessi che ha spinto via il calcio di rigore.

Incapace di dominare uno staff esausto, l’Irlanda potrebbe comprensibilmente non riuscire a trovare il ritmo in una partita che non perderà mai.

Tuttavia, i tentativi continuarono ad apparire a intervalli irregolari: Lowe fu trovato a vagare attraverso la linea in acri di spazio da Gibson-Park.

Lo spettacolo di due mete di Lowry è stato un momento clou per i padroni di casa. Solitamente fuori portata con la palla, il 23enne ha approfittato del maggiore spazio offerto per raccogliere un passaggio di Johnny Sexton, lanciando un manichino e scivolando una seconda volta.

Lowry è stato uno dei sei cambiamenti apportati da Andy Farrell dalla sconfitta a Parigi e uno dei tre giocatori a fare la sua prima partita del Sei Nazioni. Un altro è stato Ryan Bird, che ha segnato il settimo tentativo dell’Irlanda quando ha trasformato il rigore di Alessandro Fusco dopo l’ora.

L’Italia era in modalità di limitazione dei danni dal 20° minuto, il che significa che lo spazio che si stava aprendo durante la partita non è stata una sorpresa.

Cercando disperatamente di impedire a Mack Hansen di aggiungere un altro punteggio, Braam Steyn ha deliberatamente colpito la palla in avanti, ricevendo un cartellino giallo al 75 ‘per vedere la sua squadra tornare a soli 12 uomini.

L’Irlanda ha segnato altri due gol nei restanti cinque minuti, il primo grazie a Lowe che ha accettato con gratitudine il passaggio disinteressato di Lowry quando il terzino è stato facilmente in grado di sostenersi per una tripletta.

Il pugno finale è arrivato dal blocco alternativo Kieran Treadwell, che è entrato nell’ultima corsia di gioco per il nono tentativo della sua squadra.

Irlanda: Lauri. Hansen, Ringrose, Henshaw, Lowe; Carberry, Gibson Park; Porter, Sheehan, Furlong, Byrne, Byrd; O’Mahony, van der Flier, Doris.

Alternative: Aringa, Kilquin, Pelham, Treadwell, Conan, Casey, Sexton, Hume.

Italia: Padovani. Bruno, Brix, Marin, Ewan; Garbisi, Varney; Fischetti, Lucchesi, Ceccarelli, Cannone, Ruzza, Pettinelli, Lamaro (capitano), Halafihi.

Alternative: Fifa, Tiger, Pasquale, Cissy, Zuliani, Stein, Fusco, Zanon.

Informazioni sul banner BBC iPlayerInformazioni sul footer di BBC iPlayer

READ  Cerimonia di apertura di Euro 2020 - e come guardare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.