Sebastian Vettel: il quattro volte campione regna come pioniere della Formula 1 dentro e fuori pista

Sebastian Vettel riceve una guardia d’onore prima del suo ultimo Gran Premio ad Abu Dhabi

Sebastian Vettel lascia la Formula 1 alla fine di una delle carriere più iconiche dello sport sapendo di essere amato tanto da chiunque fuori pista quanto lo è per i suoi successi.

Il 35enne tedesco ha concluso la sua carriera con un 10° posto finale e un posto solitario per l’Aston Martin al Gran Premio di Abu Dhabi, ma non sarà quello che ricorda dal suo weekend da canto del cigno in uno sport in cui ha è stata una figura chiave nell’ultimo decennio e mezzo.

Vettel ha trascorso tutti e quattro i giorni a Yas Marina senza alcun dubbio sull’enorme rispetto che gli viene imposto in tutto lo sport, da colleghi piloti, team e media.

Si è iniziato giovedì con un media day in cui diversi colleghi gli hanno omaggiato, seguito da una cena con tutti gli altri piloti, suggerita da Lewis Hamilton e per la quale il sette volte iridato ha pagato il conto.

Venerdì, durante una riunione della Grand Prix Drivers ‘Association, Vettel ha ricevuto un trofeo dal presidente Alex Wurz in riconoscimento dei suoi “servizi eccezionali e di lunga data alla GPDA”.

Sabato, Vettel ha invitato tutti in F1 a unirsi a lui in uno sprint in pista e centinaia hanno colto al volo l’opportunità.

E domenica, il vecchio rivale Fernando Alonso, partito al suo fianco in quinta fila, ha detto a Vettel prima della gara che non avrebbe attaccato nel primo giro. Un bel segno di rispetto da parte di un uomo di tale intensità agonistica, con cui Vettel in passato non ha sempre avuto rapporti facilissimi.

Alonso ha detto giovedì che le loro carriere saranno sempre legate a causa delle loro battaglie per il titolo nel 2010 e nel 2012, e in effetti hanno trascorso la prima metà della gara correndo insieme, bloccati dietro al compagno di squadra di Alonso Esteban Ocon, prima che la strategia divergesse. le loro serate.

Dopo la gara, Vettel faticava a spiegare tutte le emozioni che lo attraversavano.

“Mi sento un po’ vuoto”, ha detto. “È stato un weekend importante. Gli ultimi due anni sono stati deludenti ma ci sono cose più importanti nella vita.

“È un enorme privilegio essere nella posizione in cui mi trovo. Spero di poter trasferire questa responsabilità ad altri piloti. Ci sono cose molto più grandi e importanti che correre sui ring.

“È stato molto speciale per me avere questo tipo di addio. Mi sono divertito molto e ho potuto godermi il successo e vincere trofei. Da un punto di vista sportivo è stato enorme, ma sono anche riuscito a crescere e maturare in molti modi , pensa a molte cose.” .

READ  Coppa America: Luna Rossa fa il passo successivo

Carriera per classificare il più grande

Sebastian Vettel
Vettel festeggia la vittoria del Gran Premio di Abu Dhabi 2010 diventando il più giovane campione di Formula 1

I successi di Vettel gli hanno assicurato un posto nei libri di storia. Le sue 53 vittorie lo hanno portato al terzo posto nella lista di tutti i tempi dietro Lewis Hamilton e Michael Schumacher. Ha eguagliato il record di Alain Prost di quattro titoli mondiali, con solo Hamilton, Schumacher e Juan Manuel Fangio che avanzavano. In 57 posizioni, è stato inferiore solo a Hamilton, Schumacher e Ayrton Senna.

Nel fasto della Red Bull dal 2010 al 2013, quando ha vinto quattro campionati consecutivi, Vettel è stato una macchina vincente, con quello che Daniel Ricciardo ha descritto questo fine settimana come “uno stile implacabile, come se non fosse soddisfatto; voleva solo fine.” Alla fine distruggi la concorrenza.

Vettel è stato meno convincente nei suoi anni alla Ferrari, che sono stati pieni di errori che hanno contribuito a far fallire le sue campagne per il titolo nel 2017 e nel 2018. Ma comunque nelle sue sei stagioni lì ha ottenuto più vittorie per le leggende italiane di chiunque altro oltre a Schumacher e Niki Lauda avere. .

Nel suo periodo Red Bull, Vettel è sempre stato divertente e carismatico, con un senso dell’umorismo anglofilo e un amore per i Beatles e i Monty Python. Ma la sua spietata volontà di vincere a volte lo ha portato a interpretare un cattivo, in particolare nei suoi combattimenti a volte aspri con il compagno di squadra Mark Webber.

Forse questo è meglio riassunto dalla sua reazione di sfida alle critiche per la sua decisione di ignorare gli ordini della squadra di non superare Webber per la vittoria in Malesia nel 2013: “Sono stato più veloce. L’ho superato. Ho vinto”.

Ma man mano che il successo diventava più difficile da ottenere, Vettel è maturato e si è rilassato, anche se la foschia rossa della rivalità poteva occasionalmente diminuire, come quando ha sbattuto le ruote con Hamilton a Baku nel 2017, credendo erroneamente di essere stato “testato ai freni”.

Vettel ha interrotto Hamilton in una conferenza stampa giovedì per affrontare l’episodio.

“In realtà sono molto dispiaciuto”, ha detto. “È la tua risposta, ma penso che Paco non abbia passato un bel momento, perché quello che ha fatto non era giusto. Ma in realtà da quel momento in poi…”

“La nostra amicizia è migliorata”, ha detto Hamilton.

“Sì, molto meglio”, ha detto Vettel. “Quindi non voglio che quel momento accada… non accada, se capisci cosa intendo.”

READ  L'Italia perde Florenti e Ferrati nella partita contro la Lituania

“Una persona molto gentile e premurosa”

Vettel e Verstappen
Vettel e Verstappen hanno vinto insieme sei titoli mondiali

Sono state le storie su Vettel nel fine settimana di Abu Dhabi a dire di più su di lui.

Presentatogli dalla GPDA, ha detto Wurz a chi scrive, era una replica esatta di quello che l’organizzazione distribuiva negli anni ’60 – quando si stavano imbarcando in una lotta per la sicurezza – per le gare del Gran Premio in cui sentivano che l’organizzazione stava andando bene .

Wurz ha spiegato le origini della loro partnership di otto anni alla guida dell’organizzazione, e vale la pena ascoltarla.

Ha detto “La storia di me e Sebastian sul GPDA, l’hai mai fatto con Schumacher e [David] Coulthard ed è stato nel 2014 quando Sebastian mi ha contattato e mi ha detto: “Guarda, il GPDA sta davvero andando in discesa, ma è un’organizzazione molto importante che dobbiamo davvero fare uno sforzo”.

“Ho detto, ‘l’ho fatto.'” Dipende da voi ragazzi, i piloti attuali. Ma hanno continuato a infastidirmi.

Disse: “No, ma vieni e parla agli autisti”. I giovani hanno bisogno di sentirlo dire non solo da me, ma anche da uomini che li rispetteranno. ”

“Quindi è stato il Gran Premio del Giappone 2014. Abbiamo avuto un incontro venerdì sera. Ho fatto una presentazione. E i giovani piloti erano molto contenti. Dissero che c’erano molte cose che non sapevano e capivano l’importanza di it ed è stato Jules Bianchi a parlare molto.

Ma continuo a dire: ‘Non sono qui per fare il lavoro per voi ragazzi. Sono qui solo per dirvi che dovete stare insieme. Non solo per la sicurezza, ma per prendersi cura dello sport… Un mondo in cui puoi combattere sulla strada giusta ma devi essere unito.

“Condividiamo lo stesso sogno e la stessa passione e questo è molto importante, soprattutto una volta scesi dall’auto”.

Due giorni dopo, Bianchi ha subito orribili ferite alla testa in una caduta durante una gara buia e bagnata, ed è stato subito chiaro che non si sarebbe ripreso.

“Ora dovremo affrontarlo”, ha detto Seb, “e non ho avuto bisogno di essere convinto per dire: ‘Bene, dobbiamo fare qualcosa.'”

“Questo è stato il punto in cui la GPDA si è davvero unita e i piloti hanno spinto molto.

“Quindi la coppa è stata un ringraziamento personale a nome di tutti i membri della GPDA a Seb perché è stato determinante nell’assicurarsi che la GPDA sopravvivesse davvero e fosse più forte come organizzazione”.

C’erano altre storie che rivelavano le dimensioni dell’uomo.

Max Verstappen ha detto che “ricorderà sempre per il resto della mia vita” il comportamento di Vettel dopo l’incidente ad alta velocità dell’olandese al Gran Premio di Gran Bretagna dello scorso anno, dopo di che è stato portato in ospedale.

READ  "L'Inter ha già vinto lo scudetto, fare i playoff renderà il campionato italiano più interessante.

“Sono tornato dall’ospedale alla mia casa espressa per raccogliere tutte le mie cose e lui era lì, ad aspettarmi quando sono sceso dall’auto”, ha detto Verstappen. E lui disse: “Stai bene, Max?” come va? ”

“E questo dimostra solo come sta. Sai, una persona molto simpatica che è interessata non solo a esibirsi, ma anche a fare del bene.”

“Come persona, è stato grandioso – ha detto Leclerc, suo ex compagno di scuderia in Ferrari – Ricordo che quando ero in Formula 2 facevo simulazioni [for Ferrari]il che, beh, non è facile da fare, perché è davvero stancante, e ho pensato che forse Seb non sapeva nemmeno che ero nel simulatore.

“E un giorno ho ricevuto una lettera, ringraziandomi per tutto il duro lavoro. Significava molto per me in quel momento.”

L’ex capo del team Red Bull Christian Horner ha rivelato: “Verrebbe a stare a casa. Vivo in campagna in una piccola fattoria e si frequentano.

“Gli agnelli stavano nascendo in un capannone e lui voleva partecipare, ricordo solo che l’allevatore locale si presentò con Sebastian che aiutava a tirar fuori due degli agnelli. Non aveva idea di chi fosse – quattro – il campione del mondo dell’ovile.

“Abbiamo due asini in miniatura, e lui li ha portati a fare una passeggiata. Sta camminando per il villaggio e uno di loro quasi corre fuori strada pensando: ‘Quello è Sebastian Vettel con un asino compagno?’ ”

“Quindi, solo un bravo ragazzo, e penso che mancherà a tutti noi in Formula 1”.

Da quando ha lasciato la Ferrari ed è approdato all’Aston Martin, la passione di Vettel per i temi della giustizia ambientale e sociale è venuta alla ribalta, e sembra certo che questa sarà la direzione che prenderà la sua futura carriera, anche se al momento dice di non averlo fatto deciso esattamente quale forma assumerà.

“Sono molto contento perché sono stato in grado di costruire molto fuori pista”, ha detto Vettel. “Compagna e ora moglie che amo tanto dopo tanti anni, abbiamo tre figli.

“Non vedo l’ora di passare più tempo a casa con il cane, le cose potrebbero sembrare davvero noiose ma l’ho costruito oltre alle corse e spero di potermi divertire.

“Allora guarda cosa succede, sono turbato in molti modi.”

Carriera stellare nelle immagini

Sebastian Vettel
Vettel ha iniziato la sua carriera in Formula 1 con la BMW Sauber in sostituzione di un infortunio per Robert Kubica al Gran Premio degli Stati Uniti del 2007. Si è qualificato con un impressionante settimo posto in griglia e ha guadagnato il suo punto di debutto in gara arrivando ottavo.
Sebastian Vettel
Vettel è poi passato alla Toro Rosso e ha ottenuto un impressionante quarto posto al Gran Premio di Cina 2007
Sebastian Vettel
Vettel ha ottenuto la sua prima vittoria al Gran Premio d’Italia del 2008 con la Toro Rosso, diventando all’epoca il pilota più giovane a vincere una gara di Formula 1 – all’età di 21 anni e 74 giorni
Sebastian Vettel
Vettel ha conquistato il suo primo titolo e la vittoria in gara per la Red Bull al Gran Premio di Cina del 2009
Michael Schumacher e Sebastian Vettel
Vettel festeggia il suo primo titolo mondiale nel 2010 con il suo amico e mentore Michael Schumacher
Sebastian Vettel
Vettel ha vinto il titolo piloti per la seconda volta consecutiva con la Red Bull nel 2011
Sebastian Vettel
Vettel ha vinto tre titoli piloti consecutivi nel 2012
Sebastian Vettel
Vettel ha conquistato il suo quarto e ultimo titolo piloti al Gran Premio dell’India 2013
Sebastian Vettel
Altre 14 vittorie sono seguite durante sei stagioni alla Ferrari – come è avvenuto qui a Silverstone nel 2018 – ma un quinto titolo mondiale era molto lontano.
Sebastian Vettel
Il 122esimo e ultimo podio di Vettel è arrivato al Gran Premio dell’Azerbaigian del 2021

Informazioni sul banner BBC iPlayerInformazioni sul piè di pagina di BBC iPlayer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.