Se la vita aliena avesse un’intelligenza artificiale, potrebbe essere ancora più strana di quanto possiamo immaginare

L’attenzione di SETI era sulla parte radio dello spettro. Ma ovviamente, poiché non sappiamo cosa potrebbe esserci là fuori, dobbiamo esplorare tutte le bande d’onda: la banda ottica e quella dei raggi X. Anche se vengono inviati messaggi, potremmo non riconoscerli come artificiali perché potremmo non sapere come decodificarli. Consideriamo la difficoltà che un ingegnere radiofonico veterano, esperto della modulazione di ampiezza del ventesimo secolo, avrebbe nel decodificare le moderne comunicazioni radio.

Trovare l’intelligenza inorganica significa anche prestare attenzione alle prove di fenomeni o attività anormali, anche all’interno del nostro sistema solare. Era vero che il Green Bank Telescope era rimasto puntato su ‘Oumuamua, l’oggetto anomalo che recentemente ha attraversato la nostra regione e si pensa abbia avuto origine al di fuori del nostro sistema solare. Vale anche la pena tenere gli occhi aperti per individuare oggetti luminosi o dalla forma strana che si nascondono tra gli asteroidi. Potremmo anche aver bisogno di cercare prove di progetti di costruzione innaturali, come la Sfera di Dyson, un’ipotetica gigantesca struttura di raccolta di energia costruita attorno a una stella.

In breve, gli astronomi come me dovrebbero aspettarsi delle sorprese. Dobbiamo essere aperti e assicurarci di non perdere nulla di strano.

Potrebbe piacerti anche:

Gli scienziati non sanno ancora se l’origine della vita sia stata rara e sia avvenuta solo qui sulla Terra. Ma se così non fosse, e se la vita iniziasse altrove, l’intelligenza potrebbe evolversi in tutti i modi. Ci sono sistemi planetari là fuori Almeno un miliardo di anni più vecchio del nostro pianetaQuindi è possibile che l’intelligenza si sia già evoluta in qualcosa di inorganico.

READ  Le immagini mostrano che il telescopio spaziale James Webb della NASA è stato danneggiato dopo essere stato fracassato da una roccia spaziale

Forse tutto ciò che esiste non evolve per selezione darwiniana: sarebbe quello che io chiamo “design secolare intelligente” che è un po’ come le macchine che progettano macchine migliori. E anche se non ci trasmette la sua presenza, può essere trovato in tutto l’universo.

*Questo articolo narrato da Richard Fisher. Lord Martin Rees è l’astronomo reale del Regno Unito, con sede presso l’Università di Cambridge. Il suo ultimo libro è Se la scienza deve salvarciE La fine degli astronauticoautore di Donald Goldsmith.

Se ti è piaciuta questa storia Iscriviti alla newsletter dell’Elenco Essenziale – Una selezione selezionata di funzionalità, video e notizie imperdibili consegnati nella tua casella di posta ogni venerdì.

Unisciti a 1 milione di futuri fan mettendo “Mi piace” a noi FacebookOppure seguici Twitter O Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *