Scienziati argentini scoprono un dinosauro con braccia sottili e una testa dura | dinosauri

Scienziati dentro Argentina Hanno scoperto i resti di un tipo precedentemente sconosciuto di dinosauro carnivoro che visse circa 70 milioni di anni fa e aveva braccia deboli e potrebbe aver usato la sua testa forte per respingere la sua preda.

Cranio fossile del periodo Cretaceo dinosauro, chiamato Guemesia ochoai, è stato scoperto nella provincia di Salta, nel nord-ovest dell’Argentina. Probabilmente apparteneva a un gruppo di dinosauri carnivori chiamato Apilisaurus, che camminava su due gambe e aveva solo braccia a forma di pancia, anche più corte di quelle dei dinosauri nordamericani, hanno detto i ricercatori.

I ricercatori hanno affermato che le braccia corte potrebbero aver costretto Gomezia a fare affidamento sul suo cranio e sulle mascelle forti.

“È davvero unico e completamente diverso dagli altri dinosauri carnivori, il che ci permette di capire che abbiamo a che fare con una specie completamente nuova”, Federico Agnolin, autore principale di uno studio sui dinosauri pubblicato sul Journal of Vertebrate Paleontology e ricercatore con il Consiglio nazionale argentino della scienza, ha detto a Reuters. .

L’animale, potenzialmente un giovane, visse alcuni milioni di anni prima che un asteroide colpisse la penisola messicana dello Yucatan, spazzando via circa tre quarti delle specie della Terra, compresi i dinosauri, circa 66 milioni di anni fa.

Gli scienziati ritengono che l’aplesaurus vagasse in quelle che oggi sono l’Africa, il Sud America e l’India, e dozzine di esemplari sono stati scavati prima in Argentina Quasi tutti si trovano nella Patagonia meridionale, lontano dal luogo della scoperta di Gimécia.

“Sappiamo che aveva un senso dell’olfatto e una miopia molto acuti”, ha detto Agnolin, notando che avrebbe camminato eretto sui suoi grandi piedi, con il suo cranio duro che gli apriva la strada.

“Alcuni scienziati pensano che questo possa significare che l’animale caccia la sua preda caricando la testa”, ha aggiunto Agnolin.

La scoperta si aggiunge alla reputazione dell’Argentina come un tesoro di fossili di dinosauri e altre creature preistoriche.

Guemesia prende il nome dall’eroe dell’indipendenza argentino Martin Miguel de Guemes e Javier Ochoa, l’operaio del museo che ha fatto la scoperta.

READ  Il libro rivela che l'epidemia di AIDS potrebbe aver avuto origine da un soldato nella prima guerra mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.