Sarah Boone: fissata la data del processo per una donna della Florida che “mise il suo ragazzo in una valigia e lo lasciò morire”

Una donna della Florida accusata di aver lasciato morire il suo ragazzo dopo che era stato messo in una valigia a casa sua sarà processata a ottobre dopo un'udienza venerdì.

La data del processo di Sarah Boone è stata fissata per il 7 ottobre durante un'udienza presso il tribunale statale di Orlando, quasi quattro anni dopo il suo arresto.

La signora Boone, 46 anni, si è dichiarata non colpevole di omicidio di secondo grado.

La signora Boone inizialmente ha detto agli investigatori dell'ufficio dello sceriffo della contea di Orange che lei e il suo ragazzo, Jorge Torres, stavano giocando a nascondino nella casa che condividevano a Winter Park, in Florida, quando hanno pensato che sarebbe stato divertente per Torres entrare in casa. valigia.

Avevano bevuto e lei ha deciso di andare a dormire, pensando che Torres potesse uscire dalla borsa da solo, ha detto agli investigatori, secondo il rapporto di arresto.

Quando si svegliò la mattina dopo, non riuscì a trovare Torres ma poi si ricordò che era nella borsa. Ha aperto la cerniera della borsa e lo ha trovato insensibile, dice il rapporto di arresto.

Tuttavia, gli investigatori hanno accusato Boone di omicidio dopo aver trovato video sul suo cellulare che mostravano la Torres urlare di non riuscire a respirare nella borsa e chiamare il nome di Boone, secondo il rapporto di arresto.

“Sì, è quello che fai quando mi soffochi”, ha risposto la signora Boone in un video, secondo il rapporto. “Oh, è così che mi sento quando mi tradisci.”

READ  Nave noleggiata dall'ONU in Ucraina si prepara a viaggiare in Africa

Il rapporto dell'autopsia dice che Torres ha subito abrasioni alla schiena e al collo e contusioni alla spalla, al cranio e alla fronte a causa di un trauma da corpo contundente, oltre a un taglio vicino al labbro rotto.

Dal suo arresto, la signora Boone si è avvalsa di diversi avvocati, il che ha contribuito a ritardare il suo processo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *