Sam Kane ‘non abbastanza per l’Italia’: lo scrittore inglese di rugby sbatte AB

Lo scrittore inglese di rugby Stuart Barnes ha criticato ancora una volta Sam Kane, dicendo che il capitano degli All Blacks non è abbastanza bravo per fare il XV titolare italiano.

scrivere I tempiL’ex allenatore italiano dei Lions n. 10 Kieran Crowley ha dichiarato che “il coraggioso, maltrattato ma determinato Kane di seconda mano non sostituirà Michael Lamero”.

“Buono per la Nuova Zelanda, non per l’Italia.”

Barnes ha affermato che la storica sconfitta in serie di questo mese contro l’Irlanda è stata “un’opportunità per questa famosa terra del rugby di rilanciare le proprie prospettive – un’opportunità per rinnovare la propria leadership anche fuori dal campo”.

“Nemmeno loro”, ha concluso. “Ian Foster è responsabile fuori dal campo, Sam Kane su questo.”

Dopo la vittoria per 42-19 degli All Blacks nel primo Test, Barnes ha sostenuto Cane dovrebbe essere lasciato cadere e RD Xavia dovrebbe essere spostato dal n. 8 al fianco aperto. Ha affermato che il numero 7 irlandese Josh van der Flier aveva “eclissato” il capitano degli All Blacks.

“La gestione consiste tanto nel fare le scelte difficili quanto nell’evitare quelle facili”.

Barnes ha detto che il rugby neozelandese non è riuscito a portare abbastanza cambiamenti dopo la sconfitta in serie contro l’Irlanda.

“È una delle migliori definizioni di follia. Qualcosa continua a fallire più e più volte, quindi lavori di più per fare la stessa cosa. I paraocchi sono buoni e veri.”

Barnes ha giustamente notato l’importanza della maglia numero 7 per il rugby All Black: “Gli uomini in nero hanno vinto tre Mondiali; Michael Jones è stato il re nel 1987 e McCaw centrale nei trionfi del 2011 e 2015.

READ  Corona virus: verso il ristorante nel giorno di Santo Stefano - politica

“Aardie Savea è uno dei contendenti per essere il miglior openside sulla terra, ma Foster lo gioca al numero 8. Questo mantiene Kane al suo posto”.

Barnes ha detto che mentre gli irlandesi erano in attacco, il capitano degli All Black “non poteva rallentarli né con il peso del contrasto né con l’inganno”.

“Quando la Nuova Zelanda ha rivendicato il piede davanti, era anonimo rispetto ai talentuosi portatori di palla e scaricatori come Savea”.

Mentre gli All Blacks guardano avanti alle partite contro Sud Africa e Australia, Barnes ha notato che entrambe le squadre sono guidate dai loro lati aperti.

“Sette è un livello significativo.

“Gli Springboks non penserebbero di cambiare il loro capitano per nessuno, per non parlare del capitano della Nuova Zelanda”.

Barnes ha anche elencato altre grandi nazioni di rugby, dicendo che Kane non sarebbe stato selezionato davanti a Michael Hooper (Australia), Tommy Refell (Galles), Hamish Watson (Scozia), Tom Curry e Sam Underhill (Inghilterra) e Anthony Gelonch (Francia). .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.