Ruf 3.4 RSR Review (2022)

In metallo è qualcosa del volume di una pinta; Semplice ma ricco di dettagli irresistibili, delinquente ma cucciolo, minuta ma con una presenza selvaggia. Che miele assoluto, e guarda quei grassi Pirelli P7 da 285 sezioni.

Scivola sui membri bassi della gabbia piena e nei sedili d’epoca, e mentre questo è un altro restomod 911, non c’è alcuna licenza tecnica discutibile esercitata all’interno di questa cabina. Raggiunge una specifica RSR 2.8, sebbene l’originalità dei materiali insieme al livello di vestibilità generale e rigidità raggiunta dalla Ruf moderna sia di per sé un fascino. L’ambientazione è aspra ma anche abitabile e la visibilità è prevedibilmente ottima rispetto alle recenti incarnazioni dei 911, che di per sé non sono affatto male.

Gira la chiave nell’accensione e il motore Ruf da 316 CV – 20 cavalli in più di un 2.8 RSR o 930 Turbo – non si accende immediatamente, ma quando lo fa, si deposita in quei segni pesanti, ghiaiosi e cavi comuni sulle 911 storiche di un certo gravità. È intenso e tonico. È certamente più probabile che attiri l’attenzione rispetto al lancio dell’attuale Porsche 911 GT3. Decelera in modo pulito e uniforme, e mentre il pedale della frizione alla fine ti darà muscoli delle gambe come Lance Armstrong, tirare su non è più difficile che farlo con la Caterham Seven.

Vai avanti e il motore e la dinamica dell’auto manterranno la promessa di un aspetto e una sensazione 3.4 RSR. Certo, le strade scivolose bavaresi all’inizio dell’estate non sono esattamente la tua notte fresca e piovosa a Stoke, ma mentre Rove presumibilmente ha costruito una vera usabilità in questa macchina, è ancora più probabile che venga utilizzata nei giorni di punta come oggi, quindi questo sembra tipico.

READ  Il nuovo aggiornamento di Snapchat risolve il problema di arresto anomalo

La prima cosa è che il cambio, gestito non dallo stesso cambio originariamente montato sul 2.8 RSR ma da un’unità a cinque marce G50 leggermente successiva (questo ha reso necessaria l’installazione di un nuovissimo raggio di torsione posteriore quando il 3.4 RSR era sul jig) risulta stretto e preciso. Come tutto il resto di questo progetto, la geometria e la cinematica sono state migliorate, aperture tra i cancelli con un’impressione che contrasta con la gru lunga, contorta e dall’aspetto invecchiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.