Ritrovati i possibili resti del bombardiere americano disperso nella seconda guerra mondiale, equipaggio in Italia

Uno scavo archeologico in Sicilia ha rivelato le tracce di un bombardiere pesante americano perso nella seconda guerra mondiale e abbattuto nel 1943, e possibili resti umani che potrebbero portare all’identificazione di cinque piloti i cui corpi non sono stati ritrovati.

L’esplorazione di sei settimane e conclusa questa settimana è stata condotta da un team di prigionieri della difesa/agenzia di contabilità del Dipartimento della difesa degli Stati Uniti (Pentagono), che sta localizzando e identificando il personale militare statunitense disperso in tutto il mondo.

Il sito nei pressi di Sciacca è stato individuato nel 2017 dagli investigatori utilizzando documenti storici e metal detector.

L’archeologo Clive Villa, direttore scientifico della spedizione, ha affermato che lo scavo di quest’anno ha rivelato relitti “compatibili solo con un B-25”, contribuendo alla speranza che eventuali resti confermati siano collegati all’equipaggio scomparso.

“Lo dobbiamo alle loro famiglie per risposte accurate”, ha detto Villa all’Associated Press giovedì.

Il bombardiere pesante nordamericano B-25 Mitchell con un equipaggio di sei persone fu una delle 52 perdite aeree con personale disperso nell’area durante la seconda guerra mondiale, soprattutto durante il 1943, quando gli Alleati si spinsero nella Sicilia sud-orientale.

È stato abbattuto quando ha preso di mira una pista di atterraggio tedesca mimetizzata tra uliveti e pascoli il 10 luglio 1943. Un rapporto militare tedesco ha documentato lo schianto di un aereo americano a circa due chilometri (poco più di un miglio) dall’aeroporto di Sciacca, ha detto Villa.

Un membro dell’equipaggio è stato subito ritrovato e sepolto nel cimitero del paese. Ufficiali militari statunitensi annunciarono il corpo nel 1944, ma gli altri cinque piloti rimasero dispersi.

READ  Dwayne Johnson Launches Young Rock Trailer on Instagram: Every Hero Has Their Origin Story

Nei decenni successivi, ha detto Villa, il luogo dello schianto “come la maggior parte degli altri siti nel Mediterraneo, è stato cercato per i minerali e la terra è stata restituita al suo uso originale”. “Le cicatrici da sfogo sono sparite.”

Le prove, che includono possibili ossa umane e possibili resti dell’aereo, sono state portate in un laboratorio negli Stati Uniti per essere esaminate.

In tutto il mondo, mancano più di 81.600 militari statunitensi, di cui 72.350 della seconda guerra mondiale, 7.550 della guerra di Corea e 1.584 della guerra del Vietnam. Si presume che oltre 41.000 del totale siano stati persi in mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.