Regno Unito e Italia si uniscono a Stati Uniti e Canada nel fermare i finanziamenti all’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati a Gaza

Gran Bretagna, Italia e Finlandia sabato sono diventati gli ultimi paesi a sospendere i finanziamenti all'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA), il cui staff è stato coinvolto negli attacchi di Hamas contro Israele il 7 ottobre, ha riferito Reuters.

Istituita per aiutare i rifugiati della guerra del 1948 durante la fondazione di Israele, l'UNRWA fornisce servizi di istruzione, sanità e assistenza ai palestinesi di Gaza, Cisgiordania, Giordania, Siria e Libano. Serve due terzi della popolazione di Gaza, che conta 2,3 milioni di abitanti, e ha svolto un importante ruolo di aiuto durante l'attuale conflitto.

Gli Stati Uniti, l'Australia e il Canada hanno già sospeso i finanziamenti all'agenzia umanitaria dopo che Israele ha affermato che 12 operatori dell'UNRWA sono stati coinvolti in un attacco transfrontaliero. L'azienda ha avviato un'indagine su diversi dipendenti che hanno interrotto i rapporti con loro.

Il Ministero degli Esteri britannico ha dichiarato che sospenderà temporaneamente i finanziamenti all'UNRWA, poiché le accuse sono state riesaminate e Londra ha condannato gli attacchi del 7 ottobre come terrorismo “brutale”.

“Il governo italiano ha sospeso i finanziamenti all'UNRWA dopo il brutale attacco contro Israele del 7 ottobre”, ha detto il ministro degli Esteri Antonio Tajani sul sito di social media X.

Anche la Finlandia ha dichiarato di aver interrotto i finanziamenti.

Alti funzionari palestinesi e Hamas hanno criticato la decisione di alcuni paesi occidentali di congelare i finanziamenti all'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l'occupazione dei palestinesi e hanno chiesto un'immediata inversione di rotta, che rappresenta un rischio “enorme”, riferisce Al-Jazeera.

Sabato, il segretario generale dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), Hussein al-Sheikh, ha affermato che la decisione dei paesi “comporta gravi rischi di soccorso politico e umanitario”.

READ  Il CEO di Vivendi gode di colloqui costruttivi alla TIM italiana

“In questo momento particolare e alla luce della continua aggressione contro il popolo palestinese, abbiamo bisogno del massimo sostegno a questa organizzazione internazionale, e non di rifiutarne il sostegno e l'assistenza”, ha scritto su X, esortando i paesi a “ritirare immediatamente la loro decisione”. “.

“Chiediamo all'Onu e alle organizzazioni internazionali di non cedere alle minacce e alle minacce di Israele”, ha detto l'ufficio stampa di Hamas in un post su Telegram.

Israele ricorse spesso alla propaganda e le potenze occidentali caddero facilmente.

Quando Israele attaccò l’ospedale di al-Shifa nel novembre dello scorso anno, affermò che il sito era una copertura per un’operazione militare di Hamas.

Un portavoce americano ha poi rifiutato di commentare la questione e ha detto che non c'era nessun soggetto indipendente in grado di verificare nessuna delle affermazioni di Israele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *