Recensione Porsche 911 GT3 2022: la supersportiva

Ingrandisci / Ci sono 911 e poi ci sono 911 GT3.

Bradley Egger

Originariamente prodotta per soddisfare le regole di omologazione delle competizioni FIA, la 911 GT3 è stata intrinsecamente legata agli sforzi di Porsche sin dal suo debutto nel 1999. Con l’introduzione della GT3 di 992a generazione, il DNA comune è diventato più chiaro che mai. Tuttavia, Porsche è riuscita in qualche modo a trovare un equilibrio tra capacità e pragmatismo, risultando in una macchina ad alte prestazioni che avrebbe dato la caccia ai pirati senza pietà su un circuito fornendo allo stesso tempo un’esperienza di guida piacevole su una pista stradale strutturata.

Ma non pensare per un momento che GT3 sia diventato morbido. Sviluppata insieme alle sue concorrenti da corsa dalla divisione GT di Porsche, il peso di 3.200 libbre (1.451 kg) della nuova vettura rimane quasi invariato rispetto al suo predecessore nonostante sia passato alla piattaforma 992 più grande grazie a una forte attenzione alla riduzione della massa in tutto il veicolo. Il nuovo sistema di scarico consente di risparmiare 22 libbre (10 kg) qui e la batteria al litio ferro fosfato vola qualche chilo lì: tutto sommato. Questo approccio è una caratteristica ricorrente della 992 GT3.

I nuovi elementi aerodinamici regolabili consentono un aumento del carico aerodinamico fino al 150 percento rispetto alla precedente generazione GT3 (nota come 991.2). Per la prima volta su una qualsiasi 911 su strada, la nuova GT3 adotta la configurazione delle sospensioni anteriori a doppio braccio oscillante dell’auto da corsa 911 RSR per migliorare la precisione di guida. Secondo il capo della divisione GT Andreas Preuninger, il design migliora la stabilità della zona di contatto poiché la sospensione assorbe urti e altre imperfezioni della superficie stradale, consentendo agli ingegneri Porsche di irrigidire il telaio mantenendo la conformità alla guida. Nuovi ammortizzatori adattivi, che possono reagire alle condizioni della strada in circa la metà del tempo, aiutano ulteriormente in questo compito.

READ  GAME e Currys PS5 il rifornimento di lunedì sarà il `` più grande di sempre ''
Nota le gambe curve con le ali posteriori.
Ingrandisci / Nota le gambe curve con le ali posteriori.

Bradley Egger

Ma essendo l’unico modello aspirato nell’attuale gamma 911, il motore è senza dubbio una pietra miliare della formula GT3. Apparentemente, una versione aggiornata del 4.0 L Flat-six utilizzato nella 991.2 Speedster, la sua striscia rossa di 9.000 giri / min è ciò di cui sono fatti i sogni. I numeri di potenza massima di 502 CV (375 kW) e 346 piedi per libbra di coppia di 469 Nm sono aumenti marginali rispetto alla generazione precedente, ma la GT3 in uscita non era del tutto priva di propulsione in linea retta. La nuova ingegneria elettrica della 992 ha permesso agli ingegneri di equipaggiare il motore GT3 con sei singoli corpi farfallati per una risposta più immediata.

Abbinato al cambio automatico PDK a sette rapporti della GT3, la combinazione può lanciare il coupé a trazione posteriore a 60 mph da fermo in 3,2 secondi. Per coloro che amano pagaiare da soli, è disponibile come optional anche un cambio manuale a sei marce con regolazione automatica dei giri. Il nostro banco di prova era equipaggiato con quest’ultimo e pensiamo che valga la pena spendere mezzo secondo in più per raggiungere quella velocità. Gli acquirenti americani di Porsche sembrano essere d’accordo, con oltre il 70 percento di loro che sceglie tre pedali con l’ultima generazione di GT3.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.