Recensione: “Il mio asino, il mio amante e io” ti farà sentire bene

Laure Calamy in “Il mio asino, il mio amante e io”. Foto: intrattenimento di Greenwich

“My Donkey, My Lover & I” è un film davvero fantastico. Questa descrizione può sembrare sciocca o troppo non specifica, eppure quanti film davvero fantastici ci sono, dopo tutto? La conclusione è che se vedi “My Donkey, My Lover & I” e gli dai una possibilità, ti sentirai bene dopo. È costantemente divertente nel momento e poi risplende nella memoria.

Il potere gentile del film è raggiunto, non a caso, non da un regista che cerca di forzare uno stato d’animo, non da una colonna sonora che ci dice come ci sentiamo, ma da una buona combinazione di elementi. Insieme, questi elementi creano un mondo in cui gli spettatori vogliono rimanere.

In cima alla lista c’è Laure Calamy, un’attrice francese diventata famosa negli Stati Uniti per il suo ruolo nella serie Netflix, “Call My Agent”. Nello show, è implacabile, emotiva, sensibile e un gran relitto nervoso. In “My Donkey” sono tutte queste cose, in più è il fulcro della storia. Il minimo tremito di emozione appare sul suo viso, anche quando c’è un conflitto tra due o più sentimenti.

Interpreta Antonietta, un’insegnante di scuola elementare che crede, all’inizio del film, di partire per una settimana con il suo amante sposato, il padre di uno dei suoi studenti. Ma c’è un cambio di programma. Invece, trascorre una settimana con sua moglie e sua figlia, in tournée nella regione di Sevin, nella Francia centro-meridionale.

Dopo una corsa e senza alcun piano, Antonietta decise di prenotare lo stesso volo attraverso la stessa zona. Spera di affrontarlo, anche se non è garantito, e anche se lo fa, non ha idea di cosa farà. Nel frattempo, non ha mai fatto escursioni e cade per 12-15 miglia ogni giorno, accompagnata solo da un asino.

READ  L'esperto di Formula 1 Martin Brundle non riconosce il vincitore della Coppa del Mondo

La bellezza della zona è un altro grande vantaggio qui. Se non hai mai visitato questa parte della Francia prima, questo film ti farà venire voglia di andarci. Se conosci già questa parte della Francia, questo film ti farà venire voglia essere là. La campagna della Francia è unica in quanto le sue parti belle sono collegate ad altre parti belle. Se vai in Italia, le città più belle della Toscana sono collegate all’Italia moderna: autostrade, fabbriche, ecc. Ma la campagna francese, in questo film e nella realtà, è a 360 gradi di bellezza, ovunque ti giri e ovunque guardi.

Poi c’è il culo. Gli asini sono molto emotivi e modesti, ma hanno un grande carattere: filosofi a quattro zampe. Sembrano capire più di quanto non li hanno fatti entrare. Sono ottimi attori sul grande schermo.

Laure Calamy nella campagna delle Cévennes in “My Donkey, My Lover & I” Foto: intrattenimento di Greenwich

La scrittrice e regista Caroline Vignall avrebbe potuto trasformare “My Donkey” in un monologo di 90 minuti, in cui Antoinette parla a un asino. Invece, ci sono molte varianti, colpi di scena intelligenti e personaggi ben disegnati e ben definiti. Vignal rende vivide anche le lettere minuscole, quelle con solo tre o quattro righe.

Calamy, che ha vinto un Cesar Award per la sua interpretazione qui, è bravissima in questo, interpretando una persona destinata a essere scambiata per un idiota da chiunque sia troppo pigro per prestare attenzione. Il ruolo è un modo perfetto per Calamy di abbracciare la vita e il finale è particolarmente forte.

Senza avvicinarci troppo ai dettagli, “My Donkey, My Lover & I” ha uno di quei finali di cui le persone vorranno parlare in seguito. È abbastanza chiaro in termini di ciò che sta accadendo, ma il suo significato è oggetto di dibattito.

READ  La galleria di Damien Davis è piena di espressione

n“Il mio asino, il mio amore ed io”: commedia. Con Laura Calamy. Regia di Caroline Vignal. In francese con sottotitoli in inglese. (Non categorizzato. 97 min.) Apre venerdì 22 luglio presso Opera Plaza, 601 Van Ness Ave. , SF www.landmarktheatres.com/san-francisco; E allo Smith Raphael Film Center, 1118 Forth Street, San Rafael, www.rafaelfilm.cafilm.org.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.