Recensione del film: Piano Piano: L’imminente dramma italiano porta sentimenti vivaci e ansia [Locarno 2022]

recensione pianoforte pianoforte

pianoforte pianoforte (2022) recensione del film Da 75° annuale Locarno Film FestivalE il un Film Diretto da Nicola ProsatorScritto da Prosator, Antonia TroppoE il Francesco AgostiniE il Davide SerenoCampionato del Truppo, Domenico DonnarummaE il Giuseppe PerozziE il Massimiliano ChiazzoE il Antonio Di MatteoE il Giovanni EspositoE il Lillo Arena.

Scatta veloce come le auto che presto percorreranno l’autostrada interstatale che cerca di demolire il villaggio dei suoi personaggi, Nicolas Prosator. pianoforte pianoforte È una storia di raggiungimento della maggiore età tanto intelligente e ricca quanto densa. Potresti avere un po’ di tempo per riprendere fiato, ma nel mezzo di un assalto di trigger e documenti narrativi, non ci pensi molto.

Annunci

In un povero complesso residenziale rurale in Italia tra la metà e la fine degli anni ’80, Anna (Dominique Donnarumma) lotta con le tipiche fonti di ansia adolescenziale: una madre single prepotente (Antonia Tropo), ormoni inferociti e il costante ostracismo e molestie da parte dei cittadini . È stata soprannominata “La principessa” per il suo appartamento al piano di sopra e per la sua mancanza di segni evidenti di estrema povertà, che i vicini suppongono potrebbero essere solo situazioni di classe arrogante. Non aiuta il fatto che la tastiera elettronica di Anna, collegata al subwoofer, possa essere ascoltata attraverso le finestre aperte e le pareti sottili dello sviluppo, portando a una risposta mista da parte della società (dopotutto sono tutti critici).

Queste sono tutte ottiche temporanee, ovviamente, poiché il governo prevede di demolire il villaggio attraverso un importante campo di un’autostrada, e la madre di Anna, che desidera disperatamente lasciarsi alle spalle il suo duro passato, non vede l’ora di entrare in quello che pensa sarà il governo – alloggi sovvenzionati questa volta. Ma questo ha portato a una spaccatura tra lei e Anna, che non vuole lasciare la casa della sua infanzia. Crea anche un cuneo tra Anna e i cittadini, che presumono che non sia altro che un’arrampicatrice sociale come sua madre e non originale nel suo amore per la società.

READ  Avellino Una deliziosa esperienza culinaria italiana | stile di vita

Ribollita da una frustrazione complessa, Anna tollera i piccoli frammenti di fuga che ha, come suonare canzoni pop sintattiche sulla sua tastiera invece di brani classici per pianoforte (con sgomento di sua madre, che preferirebbe invece che Anna prendesse la strada più professionale e stravagante. ) Per assicurarsi il suo biglietto fuori dalla povertà). Trova anche divertimento in tutti gli angoli e le fessure del villaggio, arrampicandosi attraverso di loro come farebbe qualsiasi antropologo adolescente.

In questo grande successo cittadino incontra Peppino (Giuseppe Perozzi), figlio adolescente di un mercante di vestiti di città (Giovanni Esposito), e stringono una strana amicizia per reciproca curiosità. Pepino lentamente cresce per lei, e mentre Anna non sa davvero se può ricambiare quelli Sentimenti speciali fino ad ora Fare Un vivo interesse per la missione segreta del ragazzo: aiutare (e forse favorire) un robusto sconosciuto (Antonio Di Matteo) accampato alla periferia della città. È un’occasione per un ultimo brivido e per svelare finalmente alcuni segreti sulla città.

Con la nostra crescente gamma di interazioni online, descrivere qualcosa come “atmosfera” è forse un po’ antiquato. Tuttavia, è onestamente il più votato pianoforte pianoforteche esplode alle cuciture nello stretto tempo di 84 minuti con entrambe le modalità E il livello. L’ambientazione dalla metà alla fine degli anni ’80 non è ironicamente munta come ha fatto con altri festival moderni, ma colloca invece la notevole sottotrama del campo (e, per inciso, una serie di diversi fattori di stress per i personaggi) in un contesto storico. Ricorda il progetto distruttivo di vasta portata che può essere miope pianificazione pubblica e rafforza la nozione di miopia finanziaria che impone alla popolazione sfollata. Il ritmo veloce del film e lo slancio della sua trama ci hanno messo esattamente nella mentalità degli abitanti delle città: scollegati e senza il privilegio di vivere oltre il momento presente.

READ  Luke Evans pensa che l'edizione di Pinocchio sarà unica

Alcune delle sottotrame possono sembrare casuali e non numerabili – in particolare quelle sul boss della mafia locale (Lilo Arena) e le sue azioni spregevoli all’interno dell’area assediata – ma spesso servono a rafforzare questa metafora dell’insicurezza sociale ed economica e dell’incertezza che divora la città. In questo contesto, anche alcune delle lotte di Anna giungono a una conclusione soddisfacente (per non dire solida), eppure accadono tutte così rapidamente – allo stesso tempo e in costante successione l’una all’altra – che lo lasciamo scorrere su di noi come la trama fa il suo corso. Fortunatamente, la fotografia di Edoardo Carlo Bolli raramente consente un fermo immagine (comprese alcune ingegnose inquadrature con il drone) e la colonna sonora elettronica di Francesco Seracci (anch’essa simile a un drone) è spaventosa e animata allo stesso tempo, rendendo il tutto coinvolgente e diretto. . .

pianoforte pianoforte È una bildungsroman non proprio come nessun’altra del suo genere: anche se può essere difficile seguirla a poco a poco – o, pianoforte pianoforte Vieni a patti con questo imperativo mentre ti immergi nel suo senso unico dello spettacolo. È difficile dire se questo si adatta alla tua lunghezza d’onda cinematografica o meno, ma per coloro che possono sincronizzarsi con esso… sei assolutamente in ottima forma.

valutazione: 7/ 10

Lascia i tuoi pensieri su questo pianoforte pianoforte Rivedi il film qui sotto nella sezione commenti. I lettori che desiderano supportare questo tipo di contenuti possono visitare il nostro sito Pagina Patreon È diventato uno degli sponsor di FilmBook. I lettori che cercano altre notizie sul Festival Internazionale del Film di Fantasia possono visitare la nostra pagina del Festival del film di Locarno, la nostra pagina del Festival del cinema e la nostra pagina del Festival del film di Locarno. Pagina Facebook del Festival del cinema. I lettori che cercano altre recensioni sui film possono visitare la nostra pagina delle recensioni sui film Pagina di recensione del film su Twittere noi Pagina recensione film su Facebook. Vuoi notifiche precise? Lo staff di FilmBook pubblica articoli per e-mailE il TwitterE il FacebookE il InstagramE il tumblrE il PinterestE il rossoE il Flipboard.

READ  Dominic Cooper e Douglas Booth sono i protagonisti della serie TV Spaghetti Western "Quella borsa nera sporca" - Scadenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.