Quanto ha pagato ciascuno dei club di Antonio Conte per sbarazzarsi di lui?

Antonio Conte riceverà un compenso significativo dopo essere stato sollevato dai suoi doveri al Tottenham. Non è la prima volta che l’allenatore lascia il suo lavoro in circostanze difficili e non è la prima volta che viene ben pagato per il suo lavoro.

Prima di ottenere l’incarico alla Juventus nel 2011, l’ex centrocampista si era già affermato come allenatore emergente meritevole di uno dei migliori incarichi in Serie A. Alle spalle di Maurizio Sarri in Serie B, ha lottato contro la retrocessione con l’Arezzo al suo primo incarico da dirigente e ha allenato Bari, Atalanta e Siena prima di tornare alla Vecchia Signora.

Non ha ricevuto alcun compenso in nessuno di quei primi lavori, né si è dimesso o è stato preso di mira da un altro club in ciascuno di essi. Ma per quanto riguarda i migliori lavori che ha lasciato negli ultimi 10 anni? Abbiamo dato uno sguardo più dettagliato.

Juventus (2014)

Durante la sua prima stagione al timone, Conte ha portato la Juventus al suo primo titolo in Serie A da quando è retrocessa dopo Calciopoli. Avrebbero continuato a mantenere il titolo nel suo secondo anno e negli anni junior, e in tutti e tre gli è stato assegnato il Premio Panchina d’Oro come miglior allenatore in Italia.

Tuttavia, non sono riusciti a fare molti progressi in Champions League, non riuscendo a superare i quarti di finale.

“Beh, non puoi andare a mangiare in un ristorante da 100€ con solo 10€ in tasca, vero?” Ha detto notoriamente dell’incapacità della Juventus di competere con l’élite europea.

Nonostante le sue frustrazioni, ha firmato una proroga del contratto di un anno nel 2014, solo per dimettersi nei primi giorni di pre-campionato, risparmiando alla Juventus qualsiasi compenso. Un mese dopo è stato nominato nuovo Presidente della Repubblica Italiana.

READ  Cosa vedrai questo weekend (20-21 marzo) in tv, secondo Matteo Vecino

“Sono maturato con il tempo e le mie sensazioni mi hanno portato a fare questa scelta. Può essere difficile continuare a vincere con la Juventus”, ha detto Conte uscendo.

La Juventus ha continuato a guidare la classifica della Serie A per altri sei anni dopo la sua partenza, mentre il successore Massimiliano Allegri ha guidato la squadra alle finali di Champions League nel 2015 e nel 2017.

Chelsea (2018)

Questa è la cosa importante. Il più grande ritorno nella storia del calcio.

Dopo aver svolto un lavoro straordinario portando i Blues al titolo di Premier League nel 2016-17, Conte ha firmato un’estensione del contratto di due anni allo Stamford Bridge. Ma questo è il punto in cui le cose hanno iniziato ad andare male.

Tra le turbolenze dietro le quinte, il Chelsea è arrivato solo quinto nella seconda stagione degli italiani. Avevano già vinto la FA Cup ma non riuscire a qualificarsi per la Champions League è stato costoso.

Conte alla fine è stato esonerato dopo una lunga e prolungata saga, uscendo goffamente dal Cobham Stadium per allenare il Chelsea mentre Maurizio Sarri arrivava per lavoro.

Ma non era la fine. Conte ha portato il Chelsea in tribunale del lavoro.

Il giudice del lavoro Andrew Glennie ha dichiarato: “La denuncia di licenziamento ingiusto è giustificata”.

“Il Convenuto pagherà al Ricorrente un risarcimento danni di base di £ 1.524 e un premio compensativo di £ 83.682, per un totale di £ 85.206.”

Aggiungilo ai 26,6 milioni di sterline che i conti del Chelsea mostrano che sono stati pagati a Conte e al suo staff nell’estate del 2018.

READ  Nei fumetti, il tempismo è tutto, specialmente su Netflix

Leggi: Classifica di ogni acquisto della prima squadra Antonio Conte al Chelsea

Inter (2021)

Dopo aver posto fine al dominio di nove anni della Juventus ai vertici della Serie A portando l’Inter al suo primo scudetto in oltre un decennio, Conte ha lasciato San Siro sotto una nuvola, frustrato dalla decisione del club di incassare stelle come Romelu Lukaku .

Il club e l’allenatore hanno concordato di comune accordo che Conte se ne sarebbe andato, nonostante avesse ancora un anno di contratto da 13 milioni di euro per la stagione. Dopo essere passato al Tottenham nel corso dell’anno, Conte ha ricevuto un risarcimento di 2 milioni di euro come parte di una clausola del suo contratto che gli impediva di unirsi a un altro club italiano.

Dopo che sono emersi tutti i dettagli, il comico italiano Stefano Corti si è presentato alla porta di Conte a Londra. Corti gli ha regalato la maschera di Salvador Dali dello show Netflix Money Heist per deridere le sue grandi vincite.

Conti ha risposto: “Sì, ma dai, non è così”. “Se faccio bene io è giusto che tu faccia bene. Io lavoro in alto e quindi quello che mi pagano è giusto”.

Tottenham (2023)

Ci sono voluti otto lunghi giorni dopo che la notizia della sua partenza dal Tottenham è stata confermata nella conferenza stampa straordinaria di Conte.

“Sono abituati qui. Non giocano per niente di importante”, ha detto il 53enne arrabbiato ai giornalisti dopo che il Tottenham ha pareggiato 3-3 con il Southampton.

“Non vogliono giocare sotto pressione, non vogliono giocare sotto pressione. È facile così. La storia del Tottenham va avanti da 20 anni. C’è il titolare ma non hanno vinto niente. Perché? “

READ  I vincitori dell'Oscar del 2021 includono i seguenti film: Zhao, Kaluya, Fennell e altri

La scritta era stata sul muro per molto tempo prima. Avendo lasciato Conte due mesi prima della scadenza del suo contratto a nord di Londra, Conte riceverà 4 milioni di sterline di risarcimento secondo il club. donna.


Leggi dopo: Quanto ha pagato ciascuno dei club di Jose Mourinho per sbarazzarsi di lui

Fai un quiz: puoi nominare tutti i giocatori che Antonio Conte ha usato al Tottenham?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *