Putin e Xi elogiano la “stabilità” del partenariato sino-russo a margine dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai | Notizie da Xi Jinping

Il presidente russo Vladimir Putin e il leader cinese Xi Jinping hanno elogiato la “partnership” dei loro paesi a margine del vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, un blocco di sicurezza regionale istituito dai due per contrastare la potenza occidentale.

Mercoledì, parlando a margine del vertice di Astana, in Kazakistan, Putin e Xi hanno elogiato l'adesione al gruppo in espansione, che comprende paesi dell'Asia centrale, nonché India, Iran e Bielorussia, che sono in attesa di adesione. Hanno inoltre continuato a rappresentare la relazione tra Cina e Russia come una forza stabilizzatrice in tempi caotici.

Putin ha affermato che l'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai “rafforza il suo ruolo come uno dei pilastri fondamentali di un giusto ordine globale multipolare”. Tuttavia, ha sottolineato che “la cooperazione non prende di mira nessuno e non creiamo blocchi o alleanze. Lavoriamo solo per il bene dei nostri popoli”.

Nei commenti televisivi prima dell’incontro bilaterale con Xi, il leader russo è passato subito a parlare delle relazioni tra Mosca e Pechino. Ha detto: “Il partenariato globale e la cooperazione strategica tra i due paesi stanno testimoniando il loro periodo migliore della storia”.

A sua volta, Xi ha sottolineato la “turbolenta situazione internazionale e l’ambiente esterno” e ha affermato che Russia e Cina “dovrebbero continuare ad aderire alle originali aspirazioni di amicizia per le generazioni future”.

Ha aggiunto che Putin è un “vecchio amico” e che i due paesi hanno fatto “piani e accordi per il futuro sviluppo delle relazioni bilaterali”.

L’incontro tra i due leader – il secondo in due mesi – avviene in un momento in cui sia la Cina che la Russia continuano a subire pressioni da parte dell’Occidente sulle loro politiche regionali. Durante il loro recente incontro a Pechino, i due leader si sono impegnati ad approfondire le relazioni, rivolgendo allo stesso tempo velate critiche alle organizzazioni e ai blocchi internazionali tra cui le Nazioni Unite, il G20 e l’Organizzazione del Commercio del Nord Atlantico (NATO).

READ  Incendio traghetto filippino: almeno sette morti, oltre 120 soccorsi dopo l'incendio | notizie dal mondo

In totale, i due leader si sono incontrati circa 40 volte. Ciò includeva la conclusione di un partenariato strategico “senza confini” pochi giorni prima che la Russia invadesse l’Ucraina nel 2022.

La Cina è stata ripetutamente criticata per quelle che gli Stati Uniti e i suoi alleati occidentali hanno descritto come le sue azioni sempre più aggressive nella regione Asia-Pacifico e le sue politiche nei confronti di Taiwan, l’isola autonoma che rivendica come propria.

La Russia sta cercando di dimostrare di non essere isolata sulla scena internazionale nel contesto della continua invasione dell’Ucraina, nonostante sia il bersaglio di una serie di sanzioni e pressioni da parte dei paesi occidentali.

Ottica comune

Durante il vertice, Putin ha incontrato anche il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che era tra i paesi osservatori che hanno partecipato al vertice insieme all'Arabia Saudita e all'Egitto. La Turchia è membro della NATO e ha stretti rapporti commerciali e finanziari con Mosca e si è presentata come potenziale mediatore nella guerra tra Russia e Ucraina.

La presidenza turca ha affermato che Erdogan ha detto a Putin che la Turchia “può gettare le basi per il consenso per porre fine alla guerra in corso tra Russia e Ucraina, prima con un cessate il fuoco e poi con la pace”.

Ha aggiunto: “Una pace giusta che possa soddisfare entrambe le parti è possibile”.

Successivamente il portavoce di Putin ha affermato che Erdogan non può fungere da mediatore nel conflitto tra Russia e Ucraina.

“No, non è possibile”, ha detto Dmitry Peskov quando in un'intervista con una stazione televisiva russa gli è stato chiesto se Erdogan potesse assumere un ruolo del genere, ha riferito l'agenzia di stampa TASS.

READ  Ucraina Ultime notizie oggi Russia: l'unica portaerei di Putin, l'Admiral Kuznetsov, prende fuoco

Anche la Bielorussia, uno stretto alleato della Russia, da cui la Russia ha in parte lanciato la sua invasione dell'Ucraina, dovrebbe aderire formalmente giovedì all'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai.

In un’intervista con i media statali kazaki, il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha affermato che il gruppo “mostra al mondo che esistono piattaforme internazionali alternative e diversi centri di potere”.

Ma gli interessi di molti Stati membri sono rimasti ostinatamente divergenti sin dalla fondazione dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai nel 2002.

Mosca e Pechino competono per l’influenza nell’Asia centrale, che comprende le ex repubbliche sovietiche del Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan. Il Turkmenistan è l'unico paese a non essere membro dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai.

Nonostante decenni di influenza russa, la regione ricca di risorse è stata fondamentale per i principali progetti economici e commerciali di Pechino, compreso il suo progetto infrastrutturale di punta Belt and Road volto a potenziare le rotte commerciali globali verso la Cina.

Parlando all’Associated Press, Nigel Gould-Davies, studioso senior di Russia ed Eurasia presso l’International Institute for Strategic Studies di Londra, ha osservato che la SCO presenta “significative differenze in termini di sicurezza tra i suoi membri”.

Tuttavia, ha affermato che il “valore fondamentale” dell’organizzazione risiede nella sua capacità di unire i paesi non occidentali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *