Proprietari di strade e piazze ‘invisibili’ in Italia: i senzatetto

Roma

Mentre i paesi celebrano lunedì la Giornata internazionale dei senzatetto, le strade italiane ospitano più di 50.000 persone e il numero aumenta di giorno in giorno, secondo fonti non ufficiali.

I senzatetto in Italia, per lo più immigrati di diverse nazionalità, vivono in condizioni difficili nelle strade e nelle piazze della capitale italiana, Roma, e della seconda città più grande, Milano.

Francesco Nicolai, 66 anni, che preferisce farsi dare il nome di battesimo, riceve aiuto dai volontari della Croce Rossa Italiana a Roma, ha detto, aggiungendo di essere un senzatetto da 26 anni.

“Ho 66 anni, aspetto la pensione. È molto difficile trovare un lavoro a questa età”, ha detto all’agenzia Anadolu.

Francesco e il suo cane Tommaso, che ha adottato sei anni fa, vivono per strada. Ha detto di aver avuto un letto all’ingresso del Museo dell’Ara Pacis a Roma negli ultimi 10 anni, dove trascorre le notti.

“Durante il giorno ci fermiamo in un hotel vicino”, ha detto. Andiamo alla caffetteria nel pomeriggio. Torniamo qui con lui (Tomaso) la sera”.

Un altro senzatetto, Alberto, vive in Piazza Risorgimento vicino alla Città del Vaticano. Ha detto che non ha “problemi finanziari davvero grossi”, aggiungendo: “Sono divorziato e ho deciso di aiutare gli altri”.

Ha continuato: “A volte dormo qui, a volte nel centro di residenza, a volte in Vaticano. Qui queste persone sono in grossi guai. Qui aiuto tutti”.

Francesca Nicolai, una volontaria della Croce Rossa che lavora a Roma, ha affermato di essere in contatto regolare con i senzatetto per capirne i bisogni.

Ha detto che distribuiscono tè caldo, biscotti e zuppe, oltre a prodotti per l’igiene come la carta igienica ai senzatetto.

READ  Ucraina e Italia discutono di cooperazione nel campo della digitalizzazione, del commercio e degli investimenti

Forniscono anche coperte quando fa freddo e il loro scopo principale è parlare con loro, capire i loro problemi e trovare soluzioni.

Marco Tozzi, un altro volontario della Croce Rossa di Milano, ha affermato di aver iniziato ad aiutare i senzatetto nel 2001 e da allora il numero dei volontari è in aumento.

“Abbiamo quasi 500 volontari. Abbiamo anche aumentato la qualità dei nostri servizi dal 2015. Sono un volontario, ma anche psicologi e professionisti dell’istruzione si sono uniti a noi”, ha affermato.

“Le persone non scelgono di vivere per strada”, ha detto. “Molti finiscono in questa situazione dopo anni di sofferenza. Possono essere causati da problemi economici, psicologici, sociali o da una combinazione dei tre”.

Il sito web dell’Agenzia Anadolu contiene solo una parte delle notizie fornite agli abbonati dell’AA News Broadcasting System (HAS) e in sintesi. Si prega di contattarci per le opzioni di abbonamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.