Produzione Blue Bridge non possiamo pagare! Non pagheremo! Ha dei punti di forza innegabili

La satira – Bidoon sfacciatamente ampia e beata – descrive le tragedie comiche di sfortunati cittadini comuni che lottano per sbarcare il lunario. L’inflazione è fuori controllo Nel frattempo, le aziende senza cuore continuano a fare fortuna sulle spalle dei poveri che lavorano sodo (suona familiare?).

Realizzazione del nuovo Teatro Repertorio Ponte Blu di Dario Fo Non possiamo pagare! Non pagheremo! Un po’ un pasticcio tentacolare. In una certa misura questo è intenzionale. In una certa misura non lo è.

La serata di apertura di giovedì sera ha aperto il sipario su uno spettacolo che necessita di ulteriori prove. Ci sono stati, in particolare, problemi di tono e velocità. In generale, questo splendore in tutto tranne che nel lavello della cucina dava l’impressione che ci si stesse impegnando troppo, non una buona cosa nella commedia.

Così ha detto, Non possiamo pagare! Non pagheremo! La farsa politica italiana del 1974 citata dal regista David Ferry ha innegabili punti di forza. Il principale tra loro è Brett Small, una delizia carismatica e dinamica che, nei panni di Tony Salt of the Earth, trasmette leggende della commedia come Jackie Gleeson e Lucille Ball. In una performance molto fisica, Small ha fatto di Tony una Falstaff donna: odiosa, astuta, felice (a un certo punto avrebbe stretto i seni insieme per deridere una conoscenza con il suo “mono-tetta”). Il teatro fiducioso è stato influenzato anche da RJ Peters (Lou) e Trevor Hinton (in vari ruoli).

Il compianto Fu, il drammaturgo italiano vincitore del Premio Nobel, è stato una figura di spicco sulla scena mondiale. Le sue opere sono rappresentate in tutto il mondo. Non possiamo pagare! non lo faremo Paga!radicato nella tradizione della commedia dell’arte, è stato prodotto in più di 35 paesi.

READ  Olivia Rodrygo's "driver's license" bows first

La satira – Bidoon sfacciatamente ampia e beata – descrive le tragedie comiche di sfortunati cittadini comuni che lottano per sbarcare il lunario. L’inflazione è fuori controllo Nel frattempo, le aziende senza cuore continuano a fare fortuna sulle spalle dei poveri che lavorano sodo (suona familiare?).

Veniamo a sapere che Tony (giovane) si è unito a un gruppo di casalinghe squattrinate che hanno rubato la spesa dal supermercato. Temendo la denuncia del marito, convince il suo ragazzo Margie (Jasmine Duchon) a nascondere il bottino. In una routine che ci ricorda Amo Lucia o Il luna di mieleLa coppia mette la merce sotto i vestiti e inganna la coppia facendogli credere di essere incinta.

nella comprensione Non possiamo pagare! Non pagheremo! È utile considerare il contesto dell’opera. Alla fine degli anni ’60, le italiane si ribellarono contro i bassi salari e le cattive condizioni di lavoro: nel 1968 scoppiò uno sciopero generale. Nel frattempo, il movimento femminista del paese era in cima alla lista. Si vedono prove di tutto questo in Non possiamo pagare! Non pagheremo! Dove le donne, in particolare Tony, sono motivate ad agire mentre gli uomini creduloni, siano essi mariti o poliziotti, ingannano.

Non possiamo pagare! Non pagheremo! Molto europeo. Vaux è stato influenzato da spettacoli di strada medievali, farse francesi e spettacoli circensi. Il risultato è uno stile sconosciuto a molti frequentatori di teatro nordamericani. Ciò rappresenta un’ulteriore sfida per le compagnie teatrali in termini di connessione con il pubblico svezzato su Netflix e HBO.

Per fornire stabilità e immediatezza, Ferry ha lavorato duramente sulla localizzazione Non possiamo pagare! non lo faremo Paga!. La commedia è stata trasportata dall’Italia a Nanaimo negli anni ’80, l’epoca del movimento Solidarietà. Nella commedia, gli uomini lavorano all’Harmac Mill e frequentano il Queens Hotel. I riferimenti oggettivi abbondano: Bill Bennett, Grace McCarthy, Jack Monroe, Arsenio Hall, Matt Dillon in rumore di pesceE il SCTVBob e Doug Mackenzie.

READ  Napoli è l'unica destinazione italiana nella wishlist di CNN Travel nel 2022

C’è sicuramente molto da fare e, a volte, lo spettacolo sembrava vacillare sotto il peso di tutto ciò. Raggiungere un tono umoristico coerente era un problema. Ad esempio, l’impennata performance teatrale di Small era in contrasto con quella di Lawrence Dean Eiffel che interpretava suo marito Johnny. Ifill, un attore televisivo veterano, ha optato per uno stile di recitazione minimalista. C’era un po’ di chimica tra i due.

Il ritmo veloce e la schiuma necessari per una farsa di successo (qualcuno una volta ha detto che una buona farsa è come le bolle di champagne che scoppiano) erano instabili nel primo atto.

Alcuni apprezzeranno l’ampiezza e la fisicità implacabili del gioco. Altri potrebbero trovarla un’esperienza. Le battute sulle donne che nascondono il cibo sotto i loro cappotti mentre fingono di essere incinte continuano a essere nauseanti. (Ad essere onesti, questo è probabilmente uno degli atteggiamenti “Non sono tu, io” di George Costanza. Alcuni modelli di farse generali non mi piacciono e gran parte del pubblico ha riso molto e spesso.)

Questo spettacolo si è concluso con l’aggiunta di canzoni di protesta con attori che suonavano chitarra, violino e mandolino. Prolunga un gioco davvero lungo, ma fornisce anche un senso dell’autenticità del movimento operaio

Non possiamo pagare! Non pagheremo! Andrà in scena al Roxy Theatre fino al 17 luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.