Principale sospettato nei migranti catturati in Etiopia, dice l’Italia

MILANO, 11 ott (Reuters) – Un presunto capo del traffico di migranti in Etiopia è stato arrestato dopo due anni di latitanza ed estradato per far fronte alla giustizia in Italia, riferiscono fonti del ministero della Giustizia italiano.

Temesgen Ghebru Ghebremedhin, 35 anni, è “considerato un membro chiave di una vasta organizzazione transnazionale dedicata al contrabbando di migranti dal Nord Africa all’Europa”, ha detto una delle fonti a Reuters.

Un sospetto eritreo accusato di essere membro della criminalità organizzata internazionale e di incitamento all’immigrazione illegale è stato arrestato all’aeroporto di Addis Abeba.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

I giudici di Palermo, in Sicilia, hanno emesso mandati di cattura per lui e molti altri trafficanti nel 2020, hanno affermato le fonti.

Gebremethin era nell’elenco dei latitanti dell’Interpol “avviso rosso” ed è stato fermato mentre si recava in Australia, dove operavano altri membri del suo gruppo criminale, hanno aggiunto le fonti.

Nell’ultimo decennio, centinaia di migliaia di migranti sono sbarcati sulle coste italiane, di solito pagando migliaia di dollari ai trafficanti e rischiando la vita su barche pericolose.

I pubblici ministeri italiani hanno avviato diverse indagini sul redditizio traffico di migranti nel Mediterraneo, ma ottenere arresti o condanne si è rivelato difficile.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Riporta Emilio Barodi

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  I video mostrano come i giorni di Little Italy siano cambiati drasticamente da quando è stata creata negli anni 2000 | Notizie | Pittsburgh

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.