Prima che gli Stati Uniti entrassero nella seconda guerra mondiale, i neri americani si offrirono volontari per combattere l’Asse Italia.

La maggior parte del mondo non sapeva che nell’estate del 1935 vari conflitti in diverse regioni sarebbero sfociati in un’intera guerra mondiale. La prima guerra mondiale è stata vista come la fine del conflitto tra le “grandi potenze”, ma quella speranza non è stata estesa alle cosiddette “grandi” potenze che opprimevano i vicini più piccoli.

A metà degli anni ’30, il Giappone aveva già invaso la Manciuria cinese, ponendo le basi per la guerra del Pacifico. Adolf Hitler era presidente della Germania, ristrutturando lentamente il paese per la sua guerra di conquista in Europa. Nel frattempo, l’Asse Italia puntava su un nuovo impero romano che copriva l’intero Mediterraneo.

Prima che il dittatore italiano Benito Mussolini iniziasse a combattere con le nazioni intorno al Mediterraneo, decise di regolare il vecchio conto, che era imbarazzante per gli italiani e il loro esercito: l’Abissinia.

Dal 1925 Mussolini disegna lui stesso In Due (Presidente).

Oggi, ciò che chiamiamo Abissinia è ciò che chiamiamo Etiopia. L’Etiopia si distingue tra le altre nazioni africane come un paese che non è mai stato catturato o colonizzato dalle potenze europee, di cui sono (giustamente) orgogliose fino ad oggi. Quando l’Europa si è ritagliata l’Africa, l’Italia è stata “data” di soggiogare e colonizzare l’Africa orientale, inclusa l’Etiopia. Gli italiani hanno avuto una grande sorpresa.

Nel 1895, gli italiani invasero l’Etiopia con 35.000 soldati e armi avanzate, credendo che gli africani arretrati e le loro armi antiche sarebbero state presto smantellate. Nonostante il successo iniziale della loro invasione, gli etiopi, con pistole, spade e lance obsolete, raccolsero 135.000 persone e sconfissero gli italiani.

40 anni dopo, completamente armato, Mussolini tornò in Etiopia con 200.000 soldati italiani. Durante questo periodo, tuttavia, la tecnologia come le radio e l’artiglieria moderna ha reso difficile per l’Etiopia il contrattacco. La diffusa aggressività dei poteri della stampa ha permesso a molti in tutto il mondo di vedere all’improvviso ciò che era scritto sul muro.

READ  Incontra Brady Ferry baby Assura, che prende il nome dagli eroi italiani di Euro 2020

Nelle vicinanze di Harlem, New York, l’invasione italiana, simbolo mondiale dell’unità africana e ultima nazione africana indipendente, è stata insopportabile. La gente è scesa in piazza per attirare l’attenzione del governo degli Stati Uniti sull’appello dell’imperatore etiope Hailey Selassie contro l’occupazione regionale.

Prima che gli Stati Uniti entrassero nella seconda guerra mondiale, i neri americani si offrirono volontari per combattere l'Asse Italia.
John Robinson, un membro della Brown Condor Air Force, ha combattuto contro le forze di occupazione italiane fasciste in Etiopia nel 1935.

Quando ciò non ha funzionato, i neri americani hanno iniziato a combattere a fianco dell’esercito etiope in Etiopia. Sfortunatamente, alcuni di quei volontari si sono trasferiti in Africa. In base alla legge che vieta loro di combattere per un altro paese a meno che quel paese non fosse un alleato degli Stati Uniti, il governo degli Stati Uniti ha bloccato i loro viaggi.

Le cose sono diventate sempre più tese quando i neri americani di Harlem e circa 100.000 italoamericani si sono scontrati in manifestazioni e contromanifestazioni per le strade di New York.

Solo pochi americani verranno in Etiopia per sostenere la lotta etiope. John C., un pioniere dell’aviazione. Robinson arriva nel 1935 con il suo meccanico Charles Coffee. Robinson diventerà presto capo dell’aeronautica militare etiope. Servirà anche il pilota Hubert Julian.

Tuttavia, sono tutti inutili. Nel 1936, l’Italia aveva annesso l’Etiopia come parte di un nuovo impero italiano. L’imperatore Hailey Selassie fu costretto ad andarsene e il paese non avrebbe riguadagnato la sua indipendenza fino alla fine della seconda guerra mondiale. Le forze dell’Impero britannico avrebbero liberato l’Etiopia dal dominio italiano nel 1942, ma la piena indipendenza non sarebbe arrivata fino a quando l’Asse non fosse stato espulso dall’Africa.

I neri americani come John Robinson tornarono ad Addis Abeba con l’imperatore per prendere in carico l’aviazione etiope e addestrare i suoi piloti. Oggi, quella tradizione può essere fatta risalire alla Ethiopian Airlines, una delle più grandi compagnie africane, e all’aviazione africana.

READ  Sei Nazioni Rugby | Italia: recensito per un anno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.