Preoccupazioni per il personale del British Council intrappolato in Afghanistan nonostante l’hacking | Afghanistan

Oltre 180 appaltatori del British Council sono rimasti intrappolati Afghanistan Ho ottenuto il permesso immediato dal governo del Regno Unito di fare domanda online per venire in Gran Bretagna, ma non c’è traccia di come uscire dal paese in sicurezza.

La svolta parziale ha fatto seguito a una campagna guidata da deputati ed ex membri dell’equipaggio che avevano il terrore di essere lasciati indietro e di dover affrontare rappresaglie da parte dei talebani per aver insegnato loro i valori della diversità e dell’apertura.

Si stima che ci siano 180 appaltatori del British Council ancora in Afghanistan, 85 dei quali sono classificati come “altissimo rischio”, mentre altri 90 circa sono considerati ad “alto rischio”.

Molti di loro si sono nascosti nella paura per la propria vita mentre i talebani impongono un governo sempre più repressivo nel Paese.

Tuttavia, quasi 11 mesi dopo essere stato lasciato durante un’evacuazione di emergenza, il personale del British Council non ha ancora una data fissa per l’estrazione dal paese, o un modo per farlo, secondo Joe Seton, un ex dipendente del British Council. che ha lavorato al fianco di molti di loro in Afghanistan.

Il Regno Unito ha inizialmente deciso di dare la priorità al personale a tempo pieno del British Council che vive a Kabul e ha fatto riferimento ai 180 insegnanti che offrono corsi in quest’area come appaltatori, anche se la loro situazione fisicamente isolata li ha resi più vulnerabili e visibili.

In una concessione, Lord Ahmed e Lord Harrington, i due primi ministri, hanno annunciato a metà giugno che questi appaltatori che lavorano nel settore sarebbero stati autorizzati a presentare domanda nel Regno Unito con le loro famiglie. Inizialmente è stato detto loro che avrebbero dovuto aspettare fino a metà agosto per iniziare ad affrontare i casi.

READ  Olimpiadi invernali 2022: l'Australia si unisce agli Stati Uniti nel boicottaggio diplomatico dei Giochi di Pechino | notizie dal mondo

I ministri hanno promesso al parlamentare conservatore John Barron che i loro casi sarebbero stati presi in considerazione su base continuativa una volta raggiunto il Ministero degli Interni.

“Abbiamo fatto alcuni progressi di recente, ma non sembra esserci ancora un accordo chiaro su come farli uscire”, ha detto Seton. Questa è una domanda importante. Quanto tempo ci vorrà per farli uscire? Ogni giorno è un altro giorno in grave pericolo, e finora tutti gli sforzi del governo nel trattare con l’ex personale del British Council sono stati estremamente lenti e preoccupanti. Il governo deve accelerare notevolmente la gestione dei singoli casi”.

Ha esortato nuovamente il British Council a fornire al governo un elenco cartaceo dei loro ex dipendenti, in modo che le persone che esaminano le domande abbiano un elenco a portata di mano. “Ho fornito al British Council elenchi di appaltatori in diverse occasioni in cui non avevano le informazioni”, ha affermato.

Seton, che conosce molti membri del personale intrappolato dal suo tempo come direttore del British Council in Afghanistan, ha detto che viaggiare in Afghanistan è sempre rischioso, ma i posti di blocco talebani saranno una sfida.

Gestisce due gruppi WhatsApp attraverso i quali rimane in contatto quasi quotidiano con i dipendenti. Ha descritto il loro umore come “ottimista, ma preoccupato che questa potrebbe essere un’altra falsa alba”.

A seguito delle campagne di Seton e altri, il Ministero dell’Interno ha annunciato a giugno che avrebbe consentito agli appaltatori del British Council, ai dipendenti di GardaWorld e Chevening Scholars di venire nel Regno Unito con le loro famiglie fintanto che il numero totale di rifugiati in questa categoria che fa domanda per il Foreign L’ufficio non ha superato 1.500. Inizialmente è stato indicato cosa Se non sono a rischio di morte, le loro richieste non inizieranno l’elaborazione fino al 15 agosto, il termine per le domande per il regime. Tutti i loro reclami richiedono controlli di sicurezza.

READ  L'Iran potrebbe accettare la proposta dell'UE di rilanciare l'accordo nucleare se le richieste saranno soddisfatte, riferisce l'agenzia di stampa IRNA

Anche il ministro dell’Interno Victoria Atkins ha inizialmente insistito sul fatto che dovessero presentare le loro domande online, anche se ha riconosciuto che si trattava di una “sfida” in alcune parti dell’Afghanistan.

In una successiva dichiarazione alla Camera dei Lord, il ministro degli Esteri sembrava indicare che non sarebbero state necessarie richieste più formali da parte del personale del British Council.

Ha annunciato separatamente che il governo accoglierà solo altri 2.000 afgani quest’anno nell’ambito del programma rivisto di reinsediamento dei cittadini afgani. Si dice che ci siano più di 9.000 afgani negli hotel del Regno Unito in attesa di essere ospitati e altri 15.000 al confine con l’Afghanistan, principalmente a Islamabad.

Il British Council ha dichiarato: “Abbiamo un elenco completo e completo dei nostri ex colleghi e l’abbiamo condiviso con i dipartimenti governativi competenti.

Sappiamo che i nostri ex colleghi vivono in condizioni sempre più disperate, poiché la situazione nel Paese continua a deteriorarsi.

Il governo del Regno Unito amministra i piani di reinsediamento in Afghanistan. Abbiamo spinto per progressi con i contatti di alto livello all’interno del governo del Regno Unito per garantire che le richieste di trasferimento dei nostri ex colleghi fossero prese in considerazione quanto prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.