Poiché la reputazione militare della Russia è diminuita, anche le vendite di armi asiatiche sono diminuite

L’invasione russa dell’Ucraina Potrebbe aver suonato la campana a morto per le sue vendite di armi in Asia, che un tempo era uno dei suoi maggiori mercati di esportazione di armi.

Gli analisti affermano che l’inasprimento delle sanzioni e dei controlli sulle esportazioni, insieme al danno reputazionale sulla qualità delle armi russe, sta accelerando la spirale al ribasso delle vendite di difesa ai paesi asiatici.

Il mese scorso, le Filippine hanno confermato che stavano annullando un accordo da 227,7 milioni di dollari per l’acquisto di 16 elicotteri Mi-17 russi per paura di poter affrontare sanzioni occidentali, mentre rapporti non confermati la scorsa settimana suggerivano che il Vietnam potesse allontanarsi ulteriormente dall’agenzia russa per gli armamenti. – flessione a termine. in vendita.

“Sono finiti i giorni in cui la Russia era la numero uno nel sud-est asiatico. Penso che siano finiti anche prima della guerra e non credo che si riprenderanno mai”, ha affermato il dottor Ian Storey, esperto di sicurezza del sud-est asiatico presso l’ISEAS-Yusof Ishak Institute di Singapore.

In un recente rapporto, ha affermato che le preoccupazioni per le sanzioni sono state esacerbate da un “disastro delle pubbliche relazioni” per le immagini di veicoli militari distrutti e abbandonati in Ucraina che “solleva interrogativi sulla qualità e l’affidabilità dell’equipaggiamento militare di fabbricazione russa”.

I paesi del sud-est asiatico hanno acquistato alcune delle attrezzature distrutte sul campo di battaglia, inclusi carri armati, mezzi corazzati per il trasporto di personale, elicotteri d’attacco e trasporto militare.

La reputazione dell’aereo di fabbricazione russa – l’esportazione di difesa più redditizia di Mosca nella regione – ha subito un duro colpo quando un missile antiaereo ha abbattuto uno dei suoi caccia più avanzati, la quarta generazione più SU-35, sull’Ucraina ad aprile .

READ  Hamad Saeed Raghash: il viaggio di un ambizioso emiratino per diventare un'icona riconosciuta della cultura e del patrimonio

Il mese scorso, il capo della filiale russa di esportazione di armi ha previsto che le entrate totali nel 2022 sarebbero state probabilmente di circa 10,8 miliardi di dollari, che sarebbero circa il 26% in meno rispetto al 2021, nonostante le promesse del presidente Vladimir Putin di espandere la cooperazione militare con gli alleati. . Asia e Africa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.