Più di 550 società internazionali e molte società europee operano ancora in Russia

Washington- Più di 550 aziende internazionali, molte dall’Europa, fanno ancora affari in Russia in misura maggiore o minore, sfidando le pressioni dell’opinione pubblica per ritirarsi dal paese dopo l’invasione dell’Ucraina, secondo un nuovo rapporto dell’Università di Yale.

Di questi, 223 operano “come al solito”, compresi quelli degni di nota dall’Italia (Boaggi, Benetton, Calzedonia), Francia (Clarence, Etam, Lacoste), Germania (Siemens Healthineers, B Braun) e Paesi Bassi (Philips).) .

L’elenco “business as usual” include anche alcune note società americane, come Tom Ford, Tupperware e TGI Friday’s, nonché diverse società cinesi, come Alibaba, Tencent e ZTE, e vettori aerei passeggeri, come Emirates Airlines, EgyptAir e Qatar Airways e Turkish Airlines

I numeri sono compilati e aggiornati regolarmente da un team di esperti dell’Università di Yale, che ha monitorato la pubblicità delle aziende dallo scoppio della guerra nel febbraio 2022.

In totale, il database di Yale comprende 1.389 aziende di tutto il mondo, suddivise in cinque categorie:

• Prospezione: 223 società operano ancora “come di consueto”, comprese le società sopra menzionate.

• Comprare tempo: 162 società hanno posticipato operazioni future ma continuano a fare “affari sostanziali” in Russia.

• Riduzione delle dimensioni delle operazioni: 170 aziende hanno ridotto alcune operazioni “importanti”, ma ne stanno proseguendo altre.

• Commento: 493 aziende hanno temporaneamente ridotto “la maggior parte o tutte le operazioni” proprio in Russia, ma mantengono la possibilità di ottenere rendimenti finanziari residui.

• Un taglio netto: 341 aziende hanno “totalmente” cessato l’attività in Russia.

Combinate, le tre categorie con le peggiori prestazioni (prospezione, acquisto di tempo ed espansione aziendale) ammontano a 555 aziende, che rappresentano quasi il 40% del database.

READ  Festival del Cinema di Venezia 2021: vedi tutte le star in Italia | Galleria

Tra le aziende che ancora “guadagnano tempo”, ci sono molte aziende note sia dell’UE che del G7, come AstraZeneca (UK), Barilla (Italia), Bayer (Germania), BlaBlaCar (Francia).

Engie (Francia), Giorgio Armani (Italia), ING Bank (Paesi Bassi), Merck (Germania), Nestlé (Svizzera), Red Bull (Austria), Total Energies (Francia), Unilever (Regno Unito) e Yves Rocher (Francia) sono anche alcune delle società europee incluse in tale categoria.

Quelle in fase di “ridimensionamento” sono caratterizzate da nomi facilmente riconoscibili come Adobe (USA), Allianz (Germania), la casa madre di Google Alphabet (USA), Bosch (Germania), Coca-Cola (USA), Duolingo (Stati Uniti ), Eni (Italia), Ferrero (Italia), JPMorgan (Stati Uniti), Microsoft (Stati Uniti), Ørsted (Danimarca), Pirelli (Italia), Spotify (Svezia), Toyota (Giappone) e Vattenfall (Svezia) .

Non è chiaro quanti soldi guadagnino queste società attraverso le loro operazioni in Russia, dato il rallentamento economico del paese e le turbolenze commerciali causate dalle sanzioni occidentali.

Tuttavia, la loro continua presenza in Russia sembra minare l’unità politica dei Paesi occidentali, che da mesi cercano di tagliare le entrate che potrebbero finanziare la macchina da guerra del Cremlino.

“Le nostre sanzioni in sé e per sé non obbligano le aziende a lasciare la Russia, molte hanno deciso di andarsene da sole”, ha detto a Euronews un portavoce della Commissione europea in risposta alle conclusioni di Yale.

“Coloro che rimangono non violano necessariamente le sanzioni dell’UE, purché non siano coinvolti in settori o con entità soggette a sanzioni”.

Secondo il team di Yale, 493 società internazionali rimangono in un limbo “sospeso”, nel senso che hanno sospeso o sospeso la maggior parte delle attività commerciali, vendite, spedizioni, voli, prenotazioni, transazioni finanziarie e altri servizi relativi alla Russia, ma senza completare la separazione dei legami con il Paese.

READ  Incontra Michele Morrone, la star italiana che è diventata la prossima grande novità di Netflix

Tra le 341 aziende che si sono completamente ritirate dalla Russia troviamo Accenture (Irlanda), Aldi (Germania), Asda (Regno Unito), Deloitte (Stati Uniti), Deutsche Bank (Germania), Equinor (Norvegia), Heineken (Paesi Bassi) ), IBM (USA), IKEA (Svezia), Lufthansa (Germania), McDonald’s (USA), Mercedes-Benz (Germania), Netflix (USA), Nike (USA), Nissan (Giappone), Nokia (Finlandia), Renault (Francia) e Vodafone (Regno Unito).

Questo gruppo comprende anche l’Eurovision e molte organizzazioni sportive che hanno vietato ai cittadini russi di partecipare alle loro competizioni.

Yale aggiorna il database analizzando una varietà di fonti di informazioni, come documenti normativi governativi, documenti fiscali, dati aziendali e resoconti dei media, nonché una rete di addetti ai lavori e informatori dell’azienda. euronews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.