più chiaro | In che modo il piano infrastrutturale del G7 influirà sull’India?

Qual è il fondo proposto per la tecnologia agricola e la sostenibilità climatica? L’India riceverà fondi sufficienti per lo sviluppo delle infrastrutture?

Qual è il fondo proposto per la tecnologia agricola e la sostenibilità climatica? L’India riceverà fondi sufficienti per lo sviluppo delle infrastrutture?

La storia così lontana: Il 26 giugno, il Gruppo delle Sette nazioni più industrializzate del mondo – Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti insieme all’Unione Europea – ha lanciato un investimento globale per infrastrutture e investimenti guidato dagli Stati Uniti da 600 miliardi di dollari ( PGII) partnership Al loro vertice a Schloss Elmau, in Germania, dove l’India era tra i cinque invitati speciali. L’iniziativa è stata descritta come una “partenariato infrastrutturale trasparente, ad alto impatto e guidato dai valori per soddisfare le enormi esigenze infrastrutturali dei paesi a basso e medio reddito e sostenere gli interessi economici e di sicurezza nazionali degli Stati Uniti e dei suoi alleati”. I funzionari hanno anche chiarito che il PGII avrebbe presentato opposizione alla Belt and Road Initiative (BRI) cinese per progetti in tutto il mondo che è stata ufficialmente lanciata cinque anni fa.

Qual è stata la risposta dell’India?

Lo ha detto il segretario di Stato Vinai Kwatra il giorno dopo che il presidente degli Stati Uniti Joseph Biden ha annunciato il PGII. “Penso che [PGII]… È un’iniziativa del G7 separata e, come promemoria, a meno che non ci sia qualche altro input, penso che non sia un’iniziativa di sensibilizzazione del G7”, aggiungendo: “Dovremo esaminarne i dettagli per poter parlare in modo specifico dei suoi elementi”.

Perché la risposta è importante?

Innanzitutto, la risposta del Sig. Kwatra indica che l’India non era al corrente delle consultazioni PGII e il piano infrastrutturale non faceva parte dei documenti firmati da India, Indonesia, Sud Africa, Senegal e Argentina, che facevano parte del “G- 7 invitati al vertice.” (L’Unione ha condiviso l’Unione Europea nel G-7 dal 1981 come membro “non specificato”).

Questa distinzione è interessante perché solo un mese fa, al vertice del Quartetto a Tokyo, il primo ministro Narendra Modi ha partecipato al lancio dell’Indo-Pacific Economic Initiative (IPEF) a guida statunitense con piani a sorpresa simili e l’India si è unita come “iniziale” gruppo di paesi partner o l’istituzione.

È stato anche sorprendente che l’India non abbia approvato il piano PGII dato che gli Stati Uniti l’hanno descritta come un concorrente della Belt and Road Initiative cinese, con una sensibilità molto maggiore all’onere del debito sostenibile e alle preoccupazioni ambientali. L’India si è opposta attivamente alla Belt and Road Initiative perché ha ignorato queste ragioni e la sua “violazione della sua integrità territoriale”.

C’è un ruolo specifico per l’India?

Secondo i funzionari statunitensi, il PGII avrà quattro priorità principali intorno alle infrastrutture: sicurezza climatica ed energetica, connettività digitale, salute e sicurezza sanitaria e uguaglianza ed equità di genere, tutte aree prioritarie anche per Nuova Delhi. La “scheda informativa” PGII della Casa Bianca include anche un piano di investimenti specifico per il Technology and Climate Sustainability Fund che “investe in aziende che aumentano la sicurezza alimentare e migliorano la resilienza e l’adattamento climatico in India, oltre a migliorare la redditività e la produttività agricola dei piccoli proprietari fattorie”. Secondo i documenti, l’India Fund punterà a 65 milioni di dollari entro settembre 2022 e un capitale target di 130 milioni di dollari nel 2023. La International Development Finance Corporation (DFC) del governo degli Stati Uniti mobiliterà 30 milioni di dollari di capitale privato per il fondo.

Quali potrebbero essere alcune delle ragioni della prenotazione indiana del PGII?

Il Ministero degli Affari Esteri non ha ancora ampliato la sua risposta iniziale all’indagine pubblica ed è molto probabile che una volta studiata e verificata la sua strategia, la avallerà. Uno dei motivi di un certo scetticismo a Nuova Delhi è che il PGII è una delle numerose iniziative economiche guidate dagli Stati Uniti che sono state annunciate a livello globale e nell’Indo-Pacifico, senza molta chiarezza sul fatto che si sovrapporranno o opereranno contemporaneamente tra loro. Al vertice a quattro vie, Biden ha promesso 50 miliardi di dollari in finanziamenti per le infrastrutture in cinque anni. L’annuncio del PGII da 600 miliardi di dollari in cinque anni arriva anche un anno dopo che gli Stati Uniti hanno guidato l’iniziativa del G7 per contrastare la “competizione strategica” della Cina e per ridurre il “divario infrastrutturale” di quasi 40 trilioni di dollari nel mondo in via di sviluppo.

L’anno scorso, l’amministrazione Biden ha anche rilanciato il progetto “Blue Network Initiative” dell’amministrazione Trump per certificare i progetti infrastrutturali, ma ha smesso di finanziarli. Gli analisti affermano che un altro motivo della reazione indiana potrebbe essere quello di mostrare coerenza, data la precedente reazione dell’India alla Belt and Road Initiative, quando Xi Jinping l’ha annunciata per la prima volta nel 2013, anni prima del lancio ufficiale nel 2017. “Quando la Cina ha rivelato per la prima volta The Belt e Road Initiative., La risposta iniziale dell’India è stata anche che si trattava di un piano con conseguenze geopolitiche su cui l’India non è stata consultata. L’India ha affermato che avrebbe dovuto studiare prima di rispondere.’, ha affermato Sanjaya Baru, autrice, analista politico e illustre collega presso United Services Corporation of India (USI) È probabile che la cautela del governo Modi sulla PGII abbia a che fare con un simile atto di bilanciamento.

READ  Il Gourmet Cafe festeggia il suo 15° anniversario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.