Perché la Russia vuole invadere l’Ucraina e cosa potrebbe accadere dopo

I leader mondiali credono che il tempo stia per scadere per evitare che ciò accada su larga scala L’invasione russa dell’Ucraina.

Mosca ha inviato decine di migliaia di soldati ai suoi confini con il suo vicino ex sovietico, ei leader occidentali sono convinti che un’invasione sia imminente.

Venerdì, Joe Biden ha detto che sta parlando con più certezza rispetto alle ultime settimane Il presidente russo Vladimir Putin Ha preso la decisione di invadere l’Ucraina “in pochi giorni”, compreso un attacco mirato alla capitale Kiev.

Il presidente degli Stati Uniti ha affermato che l’impegno diplomatico con il leader russo è fallito e che le truppe erano pronte a trasferirsi in Ucraina entro la settimana.

Biden ha avvertito Mosca di “una guerra di scelta inutile e catastrofica” e ha affermato che gli Stati Uniti ei loro partner “sono pronti a difendere ogni centimetro del territorio della NATO”.

Qui spieghiamo come la crisi è arrivata a questo punto e cosa potrebbe essere dopo.

che succede?

Ben 190.000 soldati russi sono attualmente “dentro e intorno all’Ucraina”, secondo Michael Carpenter, l’ambasciatore degli Stati Uniti presso l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.

Le forze russe si sono ammassate accanto a 1.200 carri armati, aerei da combattimento e batterie di missili a lungo raggio, innescando la più grande crisi nelle relazioni est-ovest dalla Guerra Fredda.

La Russia ha dichiarato il 16 febbraio che le esercitazioni militari nella penisola di Crimea annessa a Mosca erano terminate e che i soldati sarebbero tornati alle loro guarnigioni il giorno dopo aver annunciato il suo primo ritiro delle truppe dal confine ucraino.

Ma il 18 febbraio, il ministro dell’Interno britannico Damian Hinds ha dichiarato a Radio Times: “Ci sono molte, molte truppe ammassate al confine ucraino. Non vi è alcuna indicazione che si stiano ritirando, contrariamente a quanto affermato.

READ  L'Onu concede alla Russia il "diritto di seminare morte" con il veto del Consiglio di sicurezza, avverte Volodymyr Zelensky

“Le forze rimangono sul posto e potrebbe esserci un’invasione e potrebbe esserci un’incursione in qualsiasi momento, ma potrebbe volerci più tempo”.

La Russia ha presentato un elenco di richieste di sicurezza, inclusa la garanzia che all’Ucraina non sarebbe stato permesso di aderire alla NATO e il ritiro delle forze della coalizione nei paesi dell’Europa orientale che hanno aderito dopo il 1997.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.