Perché il portiere del Southend United Colin Anding Ndee era solito battere le situazioni difficili

Ma questa non è una novità per il talentuoso buttafuori adolescente.

Anding Nyde ha mantenuto la porta inviolata contro l’Oldham Athletic dopo che gli è stato detto proprio nel riscaldamento che avrebbe sostituito l’infortunato Steve Arnold tra i bastoni.

Tuttavia, Andeng Ndi, italiano di nascita, è già abituato a superare situazioni difficili dopo aver iniziato la scuola a Basildon dove non era in grado di parlare inglese.

“Venivo dall’Italia quando avevo 14 anni”, ha detto Anding Ndi.

“Eravamo a Busca, un paesino a circa un’ora da Torino.

“Ma mia madre ha trovato lavoro al Basildon Hospital e l’ha frequentata.

“Mia sorella ed io siamo rimasti in Italia per un altro anno con mio zio mentre mia madre si è stabilita e si è assicurata che tutto andasse bene per noi.

“Quando sono arrivato, sono andato alla Woodlands School, ma ero in ritardo di un anno perché non sapevo parlare inglese.

“È stata dura per due o tre settimane, ma appena hanno visto che stavo facendo bene nel calcio, mi hanno inserito nel loro gruppo di amicizia.

“In realtà ero lo stesso anno di Jaden Crowhurst e ho imparato l’inglese abbastanza rapidamente, quindi non è stato male”.

Ed è stato con i Woodlands che la carriera calcistica di Anding Ndee ha debuttato in Inghilterra.

“Ho iniziato con la squadra della scuola e non sapevo davvero da dove iniziare in un nuovo paese perché non conoscevo nessuno”, ha detto il 19enne.

“Ma ho finito per suonare ovunque.

“Qualsiasi squadra della Sunday League mi chiama, vado a giocare.

“Ho giocato per i Bowers con i loro ragazzi sotto i 18 anni, sono stato al Ware FC per un po’, al Basildon United e all’Hornchurch.

READ  FIFA Men's World Championship 2022 EUR3 Silano, Italia, Day 3

“Ero praticamente lì!”

Ma è stato uno strano scherzo del destino che alla fine ha portato Andeng Ndi a unirsi al blues.

“Ho finito l’anno 11 e stavo cercando un college ma non sapevo proprio come fare domanda perché non dobbiamo farlo in Italia”, ha detto il portiere.

“Non facciamo domanda per scuole del genere e ho parlato con il mio amico che mi ha detto che aveva un processo per un posto a Barking Abbey ma non è andato.

“Mi ha detto di andare da lui e ha detto loro che non poteva andare.

“Ci sono andato e pensavo di aver giocato bene.

Dopo la partita uno degli allenatori ha detto che sapeva che non dovevo esserci, ma mi hanno lasciato stare e giocare perché ero abbastanza bravo.

“Il giorno dopo mi hanno inviato messaggi sul ritorno per un’altra partita, ma dopo che ho fatto il viaggio non pensavo di poter andare tutti i giorni a Barking per studiare al college.

“Ma uno degli allenatori conosceva Steve Tillson e mi ha detto che stava lavorando al South Essex College vicino a me.

“Mi sono messo in contatto con Steve e ho scoperto che era l’allenatore del Southend che me lo ha venduto.

“È andato davvero bene lì e Steve mi ha consigliato di visitare Southend, ed è così che è successo”.

Andeng Ndi ha approfittato di questa opportunità e si è assicurato un accordo professionale dopo aver ammirato durante il processo.

Ciò ha portato il portiere a fare due presenze la scorsa stagione prima che gli fosse data un’opportunità inaspettata nel fine settimana.

“Quando sono entrato nella Roots Hall, mi aspettavo che fosse una giornata normale”, ha detto Anding Neddy.

READ  Pattinaggio: Alice Robinson è arrivata prima sul podio in questa stagione in Slovacchia

“Mi stavo preparando per il riscaldamento, ma nella mia testa stavo già pensando che non si sa mai.

“Parto sempre in ogni partita e sono pronto per iniziare ed è qualcosa che il mio allenatore dei portieri Reese Otley mi ha sempre detto di fare.

“Questo è quello che ho fatto e Steve è sceso nel warm-up.

“Si sentiva già un po’ ridicolo, immagino, ma non ci ho pensato molto.

“Ha fatto snorkeling ma non si sentiva bene ed è tornato in sala di fisioterapia.

“Mi aspettavo ancora che tornasse, ma non è successo e mi è stato detto che avrei giocato”.

E la chiamata in ritardo significava che Anding Neddy non aveva il tempo di innervosirsi.

“È letteralmente troppo tardi per provare qualcosa”, ha detto la guardia.

“Ero davvero emozionato.

“Volevo giocare e l’atmosfera era fantastica.

“Avevamo una buona opposizione, ma ho cercato di sfruttarla e mi sono divertito molto”.

Ma Anding Ndy ora ha fame di più e crede che la sua educazione italiana possa aiutare in questo.

“L’Italia è famosa per i suoi portieri”, ha detto Anding Ndi.

“Mi sono allenato bene in Italia e mi ha dato tutte le competenze di cui avevo bisogno per andare avanti.

“Ho iniziato lì quando ero molto giovane e alternavo tra essere in porta e fare l’attaccante, il che è divertente.

“Sono in porta da circa 10 o 11 anni e continuo a lavorare sodo, quindi spero di avere presto un’altra possibilità e di poter costruire sabato”.

Leggi di più

> Il tecnico dei Blues saluta la maturità del portiere dopo la porta inviolata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.