Perché i paesi dell’UE stanno uscendo dal trattato sulla Carta dell’energia?

I Paesi Bassi sono stati l’ultimo paese dell’UE ad annunciare che avrebbero abbandonato il controverso trattato sulla Carta dell’energia (ECT) a causa di problemi climatici, dopo Polonia e Spagna.

Questo annuncio segue i tentativi di aggiornare il trattato, nel tentativo di renderlo in linea con l’accordo di Parigi del 2015.

Ma alcune capitali dell’UE non sono convinte del testo finale, che considerano ancora superato.

Questo accordo internazionale poco noto, che riguarda gli investimenti transfrontalieri nel settore energetico, è stato firmato da 50 paesi negli anni ’90, compresi tutti gli Stati membri dell’UE.

Inizialmente, è stato creato per proteggere gli investimenti nei paesi post-sovietici. Ma la preoccupazione è cresciuta negli ultimi anni poiché i paesi dell’Unione Europea devono affrontare sfide legali sulle loro politiche climatiche.

I Paesi Bassi, ad esempio, sono stati citati in giudizio dalle società tedesche RWE e Uniper per la legge sull’eliminazione graduale del carbone. Il caso è ancora in corso.

Ora, tutti i paesi dell’UE sono firmatari del trattato tranne l’Italia che si è ritirata nel 2016. Ma l’Italia è ancora coinvolta in una causa arbitrale sul divieto di esplorazione per progetti di petrolio e gas nell’Adriatico poiché il trattato ha protetto gli investimenti per decenni nonostante il ritiro dei paesi.

Dopo l’ultimo round di negoziati di aggiornamento di giugno, tutti i firmatari dovrebbero ora ratificare il testo il 22 novembre. Anche i paesi dell’UE ei membri del Parlamento europeo dovranno ratificarlo.

Non è chiaro se verrà raggiunta una maggioranza qualificata nel Consiglio dell’UE, con Polonia e Spagna che dovrebbero votare contro, mentre altri paesi come l’Italia o la Francia dovrebbero astenersi.

READ  Bird scala le sue operazioni europee con i recenti permessi ottenuti da Francia, Italia e Paesi Bassi

A giugno, i deputati hanno invitato la Commissione europea e le capitali nazionali ad abbandonare il controverso accordo commerciale, sostenendo che la sua modernizzazione non era abbastanza buona per proteggere il clima.

Ora Polonia, Spagna e Paesi Bassi sono in testa.

Il recesso congiunto dell’Unione Europea?

I Paesi Bassi hanno annunciato martedì (18 ottobre) che si sarebbero ritirati dal trattato.

“Il mandato della Commissione europea è stato quello di allineare l’ECT ​​all’accordo di Parigi sul clima. Nonostante i numerosi aggiornamenti che sono ora all’esito dei negoziati, non vediamo come l’ECT ​​sia sufficientemente in linea con l’accordo di Parigi”, ha affermato Dutch Il ministro dell’Energia Rob Getten.

Il ministro ha affermato che il governo olandese attenderà prima l’aggiornamento completo del testo e poi avvierà le procedure di recesso.

Ma i Paesi Bassi, insieme a Spagna e Polonia, si sono espressi a favore di un ritiro congiunto.

La maggior parte delle controversie ECT sono controversie interne all’UE, in cui, ad esempio, le azioni legali sono intentate contro un paese dell’UE da un investitore di un altro stato membro dell’UE. La Spagna ha il maggior numero di cause per scosse elettriche, seguita da Italia e Repubblica Ceca.

La Commissione ha avvertito che gli investimenti esistenti rimarranno protetti per 20 anni, anche in caso di ritiro coordinato dall’Unione europea.

Ma la Corte Suprema dell’UE ha recentemente stabilito che le aziende non possono utilizzare questo trattato nelle controversie all’interno dell’UE per citare in giudizio gli Stati membri dell’UE.

Alcuni esperti hanno precedentemente affermato che non esiste una soluzione legale o politicamente praticabile che metta il trattato in linea con l’accordo di Parigi del 2015.

READ  Il rivenditore di abbigliamento OVS gestisce tutti gli 11 negozi Gap in Italia

Anche la Spagna, che negli ultimi mesi è stata un’oppositore vocale del trattato, ha confermato questo mese che si ritirerà dal trattato, secondo diversi media.

La Polonia, da parte sua, ha elaborato una legge sulla “risoluzione del Trattato sulla Carta dell’Energia”. Ma la legge doveva ancora essere approvata dal Senato.

Tuttavia, nessuno dei tre paesi ha formalmente notificato al comitato la propria intenzione di rinunciare all’ECT. La commissione inoltre non sa che Polonia, Spagna o Paesi Bassi hanno notificato alle autorità ECT ciò che è legalmente richiesto.

Tutti i paesi dell’UE hanno sostenuto l’esito dei negoziati sulla modernizzazione dell’ECT ​​a giugno.

Troppo lento

In base al nuovo Accordo europeo sugli effetti negativi, i paesi dell’UE potranno escludere unilateralmente i “nuovi” investimenti in combustibili fossili da agosto 2023 e gli investimenti “esistenti” in combustibili fossili 10 anni dopo l’entrata in vigore del nuovo testo “o nel 2040 al ultimo”.

“Ma la storia mostra che questo processo può essere molto lento”, ha affermato Amanden van den Berghe, avvocato del gruppo ambientalista ClientEarth.

Ci sono voluti 12 anni per ratificare l’ultima volta gli emendamenti al commercio di elettroshock. Allo stesso modo, la protezione degli investimenti nell’ambito dell’accordo CETA con il Canada non è ancora ratificata da tutti gli Stati membri dell’UE, anche se i negoziati si sono conclusi sei anni fa.

“L’ECT è controverso quanto il CETA”, ha detto Van den Berghe.

Complessivamente, secondo un’indagine di Investigate Europe, gli investimenti nelle infrastrutture dei combustibili fossili protette da ECT sono di circa 344,6 miliardi di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.