Perché Adam Leon ha chiamato il suo film Italian Studies e perché la star Vanessa Kirby “odia” il titolo

quello di Adam Leon Studi Italiani Il dramma vede Vanessa Kirby nei panni di una donna che fa amicizia con un gruppo di adolescenti durante un breve periodo di perdita di memoria. Nonostante il titolo del film, non è ambientato in Italia e nel film non parlano italiano, quindi saresti perdonato se fossi confuso sul motivo per cui il film si chiama Studi Italiani.

Il regista perché ha scelto quel titolo – e perché Kirby non lo sopporta – in una recente intervista con cineasta.

“È chiamato Studi Italiani perché questo è il nome del suo libro [in the movie]”, ha spiegato Leon. In una scena, il personaggio di Kirby, Alina Reynolds, sta camminando per strada quando incontra un fan della sua scrittura. Dal momento che sta vivendo un’amnesia, questo è il primo indizio di Alina su chi sia, quindi va in biblioteca e trova il suo libro, una raccolta di racconti intitolata Studi Italiani — e leggilo, come se fosse la prima volta.

“C’è un approccio che abbiamo adottato per la storia in cui – in realtà non ne ho parlato – in cui il film stesso potrebbe essere un adattamento delle sue storie. È stato davvero un modo interessante per me, ma non era qualcosa che volevamo mettere sul pubblico. Ma l’idea del tipo, e se avessi ottenuto questo libro di racconti da adattare, e una delle storie riguardasse la perdita di memoria e una delle storie riguardasse il collegamento con gli adolescenti? disse Leon. “Quindi abbiamo la storia nella storia.”

Leggi anche: Asino per sempre Il regista Jeff Tremaine parla di Riportare un’acrobazia rompipalle

READ  Il gusto del vino: i veneziani sono piccoli, intimi ed estremamente gustosi

Il titolo Studi Italiani viene da un cortometraggio che Leon aveva originariamente intenzione di includere nel film come una breve vignetta, ma che ha finito per lasciare sul pavimento della sala di montaggio. La vignetta doveva essere uno dei racconti di Alina dal suo libro che prendono vita. Originariamente era chiamato Studi tedeschi — raccontava la storia di una ragazza in vacanza in Germania che sente dei rumori attraverso lo strano muro della stanza del motel — ma Leon ha deciso di cambiarlo in Studi Italiani invece.

“Pensavo solo che l’italiano sarebbe stato un po’ più romantico, quindi l’ho cambiato da Studi tedeschi a Studi Italiani, e poi quel nome è rimasto semplicemente bloccato. E divenne [Alina’s] libro di raccolta di racconti, e poi, per me, mi è sembrato naturale dare un titolo al film”, ha detto.

Leon ha detto che lui e Kirby sono amici e che ha scritto la parte di Alina appositamente per lei. Tuttavia, non è stata timida nel dirgli che non è una fan del titolo del film.

“Vanessa odia il titolo”. E penso che abbia iniziato ad accettarlo, ma odia il titolo”, ha riso. “Mi ha detto, ‘Suonerà come se fosse un film su adolescenti che si divertono in Europa.’ E io ero tipo, ‘Va bene. Sono adolescenti, abbiamo girato in Europa e in parte anche in estate”.

Alla fine, Leon ha deciso che la prossima volta che farà un film, si avvicinerà al processo di titolazione in modo diverso.

“È un film difficile da intitolare, francamente”, ha detto Studi Italiani. “È stato senza titolo per molto tempo, il che porta tutti a essere delusi da qualunque titolo tu scelga.”

READ  Il Cleveland Italian Film Festival annuncia i dettagli del 2021

Studi Italiani è ora in streaming su piattaforme VOD tra cui YouTube, Amazon Prime Video, Apple TV, VUDU e Google Play.

Immagine principale: Vanessa Kirby in Italian Studies, per gentile concessione di Magnolia Pictures

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.