Papa Francesco: Il mondo ha bisogno di un nuovo modello economico cristiano

Prima dell’incontro pubblico di mercoledì, Papa Francesco ha incontrato 20 membri del Fondo di solidarietà globale (GSF) e li ha incoraggiati a continuare il loro impegno per un’economia più inclusiva, in linea con gli insegnamenti sociali cattolici e gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Di Lisa Zingarini

Papa Francesco mercoledì ha ribadito il suo appello affinché la Chiesa raggiunga le “periferie” fisiche, ma anche spirituali del mondo, ricordando che questo è esattamente ciò che Gesù ha fatto ai suoi giorni.

Ha fatto la telefonata durante un incontro con una delegazione del Global Solidarity Fund (GSF), un’alleanza che promuove partnership per i più vulnerabili nel settore privato, nel settore dello sviluppo e nelle comunità cattoliche, ispirata dalla sua visione e dall’Iniziativa Sostenibile delle Nazioni Unite. Obiettivi di sviluppo per costruire un mondo migliore basato sulla solidarietà, la carità e l’uguaglianza.

La solidarietà è il valore fondamentale della dottrina sociale della Chiesa

Papa Francesco, nel suo intervento preparato consegnato alla delegazione guidata dal cardinale Silvano Maria Tomasi, ha sottolineato che la solidarietà è «un valore fondamentale della dottrina sociale della Chiesa», ma che «per trasformare questa parola in realtà, essa deve essere accompagnata da vicinanza e simpatia con gli altri, gli emarginati ei poveri.” e gli immigrati”.

Parlando a margine, ha elogiato il gruppo per la loro sollecitudine e vicinanza a coloro che sono stati trascurati nelle nostre società trascurate, osservando che raggiungere i confini del mondo è stato ciò che Gesù ha fatto, a differenza dei farisei.

“La vicinanza è la via di Dio”.

Integrazione degli immigrati

Papa Francesco ha fatto specifico riferimento agli immigrati, sottolineando l’importanza cruciale del loro inserimento nelle società di accoglienza, attraverso l’istruzione e il lavoro. Infatti, ha detto, l’accoglienza degli immigrati è solo un primo passo, a cui devono seguire altri tre passi: accompagnarli, promuoverli e integrarli. Ha avvertito che la mancata integrazione degli immigrati è “pericolosa” per gli stessi immigrati, ma anche per la società nel suo insieme. Ha citato l’esempio dell’attacco terroristico all’aeroporto internazionale di Bruxelles nel 2016, compiuto dalla seconda generazione di cittadini belgi di origine immigrata.

READ  La Libia avrà di nuovo un primo ministro? 

Il Papa ha anche osservato che molti paesi del mondo sviluppato o sono costituiti da discendenti di immigrati, come l’America, o hanno dato alla luce immigrati, come l’Irlanda e l’Italia.

“Per capire gli immigrati bisogna vedere noi stessi: la maggior parte di noi sono figli o nipoti di immigrati. E sono tanti! Io sono figlio di immigrati. Non perdete la memoria!”.

L’Europa ha bisogno di immigrati

Papa Francesco ha anche richiamato l’attenzione sul fatto che l’Europa, che sta affrontando un “inverno demografico”, ha bisogno di immigrati. Per questo, ha detto il Papa, è importante accoglierli ma soprattutto integrarli: «Questa non è carità, è fraternità», ha detto il Papa.

nuovo modello economico

Riflettendo sulla missione del Fondo Mondiale di Solidarietà, Papa Francesco ha evidenziato ancora una volta l’urgenza di passare a un nuovo modello di economia, ispirato ai valori cristiani, come proposto da una nuova generazione di economisti, sia negli Stati Uniti che in Europa: “Dobbiamo passare dall’economia liberale all’economia comune del popolo, all’economia comunitaria”, ha affermato.

Non possiamo vivere con lo stile economico che viene dai liberali e dall’Illuminismo. Non possiamo coesistere con un modello economico che viene dal comunismo. Abbiamo bisogno… di un’economia cristiana. “

Concludendo il suo intervento, Papa Francesco ha incoraggiato i partner del Global Support Fund a portare avanti il ​​loro impegno a sostegno dei più vulnerabili alla periferia del mondo.

“Vai avanti, sporcati le mani! Corri un rischio e guarda le tante estremità del sud-est asiatico, una parte dell’Africa e una parte dell’America Latina, che hanno ferito i nostri cuori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.